Questo blog rappresenta un diario di viaggio. Tenta di donare spunti per entrare in contatto con voi stessi.
E' importante ricordare sempre che le nozioni apprese dall'esterno sono solo un input e che le risposte sono da sempre presenti in voi.

mercoledì 24 luglio 2013

Chi ha spento il lampione? Chi ha fulminato la lampadina?

STREET LIGHT INTERFERENCE





Vi è mai capitato camminando per strada che un lampione sembrasse spegnersi al vostro passaggio? O che accendendo la luce vi capiti spesso di fulminare le lampadine?
Esiste un fenomeno chiamato Street light interference: il misterioso potere di chi spegne le luci passandoci accanto.



DI CHE COSA SI TRATTA?

La premessa d’obbligo è che non stiamo parlando di quando la lampadina fluorescente di un lampione invecchia, si surriscalda e, naturalmente, inizia a lampeggiare per poi spegnarsi ed, una volta che si è raffreddata, si riaccende.

Non si tratta nemmeno del fatto che alcuni lampioni si accendono e si spengono da soli ogni pochi minuti.

E tanto meno dei temporizzatori che, in alcune città, sono installati per risparmiare energia, ma dal momento che i timer non sono sincronizzati, alcune luci restano accese ed altre restano spente.

Infine, non è neanche, un trucco scenico come nel famoso video di Michael Jackson.

La situazione è più complessa e misteriosa.

Partiamo da una testimonianza.

“Circa cinque anni fa, ho notato che, a volte, mentre sto guidando lungo la strada di notte, un lampione si spegne come vi passo sotto”, spiega SD, che chiede l’anonimato. “Mi  capita spesso e, sembra, sempre più di frequente.”
“Questa cosa mi fa venire i brividi. Cioè se ti succede una volta o in rarissimi casi, non credo che ci avrei fatto caso e, comunque, non ci avrei pensato più di tanto”, prosegue SD.

“Ma quando accade circa una volta o due volte alla settimana, penso di potere iniziare a insospettirmi e preoccuparmi, a ragione. Potrebbe essere qualche cosa di elettronico o potrebbe essere qualcosa di più misterioso e meno spiegabile?”, si domanda.

Il fenomeno è noto come interferenza sui lampioni della strada, o SLI (street lamp interference), ed è, probabilmente un evento psichico, del quale, però si sa ancora molto poco perché ha appena iniziato ad essere riconosciuto e studiato.

Come per la maggior parte dei fenomeni analoghi, mancano evidenze e prove scientifiche, e, tutto ciò che sappiamo è quasi esclusivamente aneddotica.

Nel Web molti raccontano storie di SLI.

Di solito, una persona che ha questo effetto sui lampioni, ossia uno “Slider”, nota che la luce si accende o spegne quando cammina o vi guida sotto.

Ovviamente, ciò potrebbe accadere, a volte, per caso, con un lampione difettoso (probabilmente è capitato a tutti noi un fatto simile ogni tanto), ma i Slider sostengono che a loro si verifica regolarmente.

Non succede sempre e con ogni lampione, ma abbastanza spesso da indurli a sospettare che si tratti di qualcosa di insolito, molto insolito.

Non di rado, gli Slider sostengono di avere questo strano effetto anche su altri apparecchi e dispositivi elettronici.

Nelle testimonianze online, segnalano effetti del tipo:

• si spengono apparecchi come lampade e televisori senza essere toccati

• lampadine costantemente accese o spente e che scoppiano, quando essi cercano di accenderle o spegnerle,

• improvvisi cambiamenti di volume in televisori, radio e lettori CD.

• orologi che smettono di funzionare

• i giocattoli elettronici dei bambini che si accendono in loro presenza,

• Carte di credito ed altri tipi di carte  magnetiche che si cancellano o danneggiate



QUAL È LA CAUSA DI TUTTO CIÒ?

Qualsiasi tentativo di individuare una causa per la SLI, a questo punto, sarebbe mera speculazione senza un’approfondita indagine scientifica.

Il problema di tali studi, come per molte forme di fenomeni psichici, è che sono molto difficili da riprodurre in laboratorio.

Sembrano accadere spontaneamente senza l’intenzione deliberata dei Slider.

Secondo alcuni test informali, i Slider, di solito, non sono in grado di creare l’effetto su richiesta.

Una spiegazione ragionevole per l’effetto potrebbe avere qualcosa a che fare con gli impulsi ‘elettrici’ del nostro cervello.

Tutti i nostri pensieri ed i movimenti sono il risultato di impulsi elettrici generati dal cervello.

Al momento, conosciamo gli effetti sul nostro corpo di tali impulsi che, tra l’altro, sono misurabili. Ma è possibile che possano avere un effetto anche al di fuori del nostro corpo, ossia che agiscano come una sorta di telecomando?

Una ricerca di laboratorio condotta presso il Princeton Engineering Anomalies Research (PEAR) ha suggerito che il subconscio può davvero influenzare dispositivi elettronici.

Ossia, come abbiamo già visto parlando della coscienza collettiva, siamo in grado di influenzare la generazioni casuale di numeri binari di un computer producendo dei risultati molto diversi da quelli che si sarebbero verificati solo per caso.

Questa ricerca, insieme a varie altre condotte in diversi laboratori di tutto il mondo, stanno incominciando a rivelare, in termini scientifici, la realtà di fenomeni psichici come l’ESP, la telecinesi e presto, forse, la SLI.

Anche se l’effetto SLI non è generato in modo consapevole e conscio, alcuni Slier riferiscono che quando si verifica, spesso sono in uno stato di forte intensità emotiva.

Una situazione di rabbia o stress è spesso citata come la “causa”.

Lo slider Debbie Wolf spiega: “Mi succede quando sono stressato da qualche cosa. Quando sto ruminando qualcosa in testa e, poi, ecco che capita”

Però, può essere tutto solo una coincidenza?



COINCIDENZE O FENOMENI FISICI?

David Barlow, uno studioso di fisica ed astrofisica, sospetta che il fenomeno possa essere attribuito a persone che seguono, in qualche modo, il modello del “rumore casuale”.

“È improbabile che una luce si accenda quando si cammina di fianco ad un lampione, quindi è uno shock quando succede. Se ciò dovesse accadere un paio di volte consecutivamente, vuol dire che c’è qualche cosa che sta accadendo, che c’è qualche meccanismo che non conosciamo in atto”.

I ricercatori sono nettamente divisi su questo tema. Secondo Leonardo Vintiñi, dell’Epoch Times, alcuni scettici sostengono che lo SLI sia solo una coincidenza: “i lampioni si spengono spesso fuori ed alla gente che sembra di vedere una certa regolarità è solo che presta più attenzione al caso o cerca di dimostrare che davvero ciò accada.”

Alcuni credono che sia indice di un particolare potere psichico ed altri che sia un risultato di spiriti o fantasmi che infestano la persona in questione.



UN CAMPO ELETTROMAGNETICO EMOTIVO?

Non è da escludere che possa trattarsi di un fenomeno naturale piuttosto che di uno soprannaturale.

Il sistema nervoso umano, come abbiamo visto poco fa, è alimentato da impulsi elettrici che viaggiano avanti e indietro attraverso i nervi, il midollo spinale e del cervello.

Questo crea un campo elettromagnetico molto lieve, ma che, invero, secondo alcuni studiosi, è troppo debole per influenzare qualcosa.

Tuttavia, i Slider sembra abbiano un campo elettromagnetico insolitamente forte.

Così quando si trovano in una situazione emotivamente molto intensa, la loro energia in eccesso pare sia in grado di viaggiare attraverso l’aria sino ad interferire con il campo elettromagnetico di alcuni apparecchi elettronici.

Quindi, l’incremento del loro campo di energia si traduce in un’interferenza con la Tv, nello spegnersi delle lampadine, dei telefoni cellulari e di semafori che iniziano, improvvisamente, a lampeggiare all’impazzata.



LA RICERCA SULLO SLI

Richard Wiseman dell’Università di Hertfordshire in Inghilterra ha svolto una ricerca sul fenomeno SLI.

Nel 2000, Wiseman è comparso su tutti i giornali per un progetto volto a testare l’ESP con uno strumento chiamato The Mind Machine Mente disposto in varie località in Inghilterra per raccogliere una grande quantità di dati sulle possibili psichiche della gente.

Anche Hillary Evans, con l’Associazione per lo studio scientifico dei fenomeni anomali (ASSAP), se ne è occupata in modo molto approfondito.

Alla fine della ricerca ha concluso: “dalle lettere che ricevo è abbastanza evidente che queste persone sono in perfetta salute, sono come le persone normali. È solo che hanno dei poteri, delle doti diverse da tutti gli altri…: hanno un dono in più. Anche se potrebbe essere un regalo che avrebbero preferito non avere.”

Lascio a voi giudicare se si tratti di un dono o di un fastidio, di fatto, però, rientra nell’oceano di facoltà che possediamo ma non conosciamo né sappiamo gestire.

Anche lo SLI è parte della nostra Società Multi-sensibile.





Questo articolo può essere condiviso e divulgato rispettando il lavoro svolto citando la fonte dello stesso Blog e le relative fonti esterne citate dallo stesso.
Grazie per la condivisione!

Diario di una ragazza indaco di Michela Marini © COPYRIGHT 
Distribuito con Licenza Creative Commons