Questo blog rappresenta un diario di viaggio. Tenta di donare spunti per entrare in contatto con voi stessi.
E' importante ricordare sempre che le nozioni apprese dall'esterno sono solo un input e che le risposte sono da sempre presenti in voi.

domenica 1 dicembre 2013

Qualsiasi cosa stia accadendo, è dentro di te che succede - Osho



OSHO
Qualsiasi cosa stia accadendo, 
è dentro di te che succede.


Brano Tratto da: Unio Mystica Vol.1 The Book of Wisdom Vol.2 The Book of the Secrets 
Vol.3 di Osho Rajneesh






Shiva dice: Nel momento di gioia quando riincontri un amico a lungo lontano, imbeviti in questa gioia.

Quando incontri un amico e improvvisamente senti il tuo cuore riempirsi di gioia, concentrati su questa gioia. Sentila, identificati con essa e incontra il tuo amico con questa Consapevolezza, colma della tua gioia. Lascia che l’amico rimanga alla periferia e tu rimani centrato sulla tua sensazione di felicità.

E questo può accadere anche in molte altre situazioni. Il sole stà sorgendo e improvvisamente senti che qualcosa sorge anche dentro di te. Dimenticati allora del sole; lascialo alla periferia. Rimani centrato sulla sensazione dell’energia che stà salendo. Nel momento in cui la osservi, si espanderà. Diventerà il tuo stesso corpo, il tuo stesso essere. Non essere solo un osservatore, fonditi in essa. Ci sono alcuni momenti in cui sentiamo gioia, felicità, beatitudine, ma continuiamo a perdere queste occasioni perchè ci concentriamo sull’oggetto.

Ogni volta che provi gioia, ti sembra che venga dall’esterno. Incontri un amico e naturalmente ti sembra che la gioia venga da lui, dall’averlo visto. Non è così.

La gioia è sempre dentro di te. L’amico è soltanto diventato una scusa. Ha aiutato la gioia a venir fuori, ti ha aiutato ad accorgerti della sua presenza dentro di te.

E questo vale non solo per la gioia, ma per qualunque altra emozione: è così con la rabbia, con la tristezza, con l’infelicità, con la felicità, con qualunque cosa.

Gli altri sono solo le situazioni scatenanti in cui quello che è celato dentro di te, diventa manifesto.

Non sono le cause: non stanno causando qualcosa in te.

Qualsiasi cosa stia accadendo, è dentro di te che succede.

E’ sempre stata lì: l’incontro con l’amico è soltanto una situazione in cui quello che era celato dentro di te viene allo scoperto ed emerge dalla sorgente nascosta, diventa manifesto e appare.

Ogni volta che ti succede rimani Centrato/a sulla sensazione interiore e comincerai ad avere un atteggiamento diverso nei confronti di ogni cosa della vita.

Fallo persino con le emozioni negative. Quando provi rabbia, non ti focalizzare sulla persona che l’ha suscitata, lasciala alla periferia.

Tu semplicemente diventa la rabbia. Sentila nella sua totalità, lascia che accada dentro di te. Non razionalizzare; non dire che l’ha creata quest’uomo.

Non condannare lui o lei perchè è solo la scintilla.

Piuttosto sii grato verso di lui, per aver aiutato qualcosa che era già lì, dentro di te, a venire allo scoperto. Ti ha colpito proprio lì dove c’era una ferita nascosta.

Adesso che lo sai diventa la ferita stessa.

Usa questa tecnica con qualunque emozione negativa o positiva, e dentro di

te accadrà una grande Trasformazione.

Se l’emozione è positiva, diventerai l’emozione stessa. Se è gioia, diventerai gioia.

Se è rabbia si dissolverà.

Questa è la differenza tra le emozioni positive e quelle negative. Se diventi consapevole di una certa emozione e, in questo modo, l’emozione si dissolve, essa è negativa. Se, quando ne diventi consapevole, l’emozione si diffonde e diventa il tuo stesso essere, allora è positiva.

La Consapevolezza lavora in modo diverso nei due casi.

Se è un’emozione velenosa, te ne libererai attraverso la consapevolezza. Se è positiva, estatica, gioiosa diventerai tutt’uno con essa.

La consapevolezza l’approfondirà. 








Questo articolo può essere condiviso e divulgato rispettando il lavoro svolto citando la fonte dello stesso Blog e le relative fonti esterne citate dallo stesso.
Grazie per la condivisione!

Diario di una ragazza indaco di Michela Marini © COPYRIGHT 
Distribuito con Licenza Creative Commons