Questo blog rappresenta un diario di viaggio. Tenta di donare spunti per entrare in contatto con voi stessi.
E' importante ricordare sempre che le nozioni apprese dall'esterno sono solo un input e che le risposte sono da sempre presenti in voi.

sabato 30 agosto 2014

La vera energia inesauribile è l' AMORE!



L'AMORE è ENERGIA






L’energia Universale è come un bacino infinito a disposizione di qualsiasi persona riesca ad accedervi e con l’attivazione dei suoi campi energetici può fare miracoli. In questo grande bacino è presente tutta l’energia di tutto e di tutti ed è senza tempo e senza spazio. Siamo collegati ad una matrice divina come piccoli frammenti di particelle contenenti informazioni, che al loro contatto con altre particelle si specializzano ovvero diventiamo portatori di un unica informazione.

Ci sono tante cose che non riusciamo a vedere e a sentire, che a volte facciamo fatica anche a percepire. Sappiamo però che esistono, in una maniera sottile. Poi ci sono fonti di energia, non visibili, che però alcune persone molto sensibili possono avvertire a livello tattile o visivo.

La vita la definisco come un insieme di trasformazioni e di movimenti. Il movimento è come un ciclo infinito di espansione e di contrazione, come il respiro.

Abbiamo bisogno di amore, di perdono, di pace, di armonia. La voce del genere umano percorre il pianeta come una stonata sinfonia, vaga e superba. E’ buio negli occhi e nel cuore. Siamo diventati chiusi nelle ombre dei nostri labirinti mentali. Conduciamo una vita frenetica che ci porta al “sonno profondo” della nostra coscienza.

Pensiamo di fare tante cose, ci alziamo la mattina e freneticamente cominciamo a soddisfare i nostri bisogni ipnotizzati dal consumismo, dal materialismo che abbiamo creato e che ci fa prigionieri soffocando la nostra consapevolezza.


C’è una via: è la via del risveglio del cuore, la via dell’amore. Se tutti provassimo ad unirci, ad essere un “UNO” assoluto, sapremmo risolvere qualsiasi cosa e se ciò avvenisse accadrebbe qualcosa di straordinario: immaginate il pianeta di un colore verde e azzurro che tornerebbe a vibrare con armonia e gioia!!

Insieme produrremmo la più alta frequenza: l’energia dell’amore, questo serve per capire TUTTO CIO’ CHE SIAMO.

Tutto ciò che accade nella tua vita e nel tuo corpo ha inizio nella coscienza, che decide cosa accettare o rifiutare, decide tutto ciò che ti riguarda, questa coscienza è l’energia vitale la quale risiede ovunque sia dentro di te che fuori.

Tutto ciò che accade attorno a te è frutto della tua creazione.


L’amore è un’energia che parte dal centro del nostro essere e s’irradia intorno, creando un campo di forza capace di influenzare il mondo circostante in uno scambio continuo d’informazioni.
Emaniamo una sorta di alone magnetico che trasmette le notizie essenziali su di noi, raccontando chi siamo, cosa proviamo, come ci sentiamo, che pensieri e che emozioni abbiamo, di momento in momento.
Allo stesso modo, riceviamo le informazioni essenziali su chi ci circonda e sviluppiamo le nostre relazioni proprio grazie alle comunicazioni trasmesse dai campi energetici.



Purtroppo la civiltà dei consumi ha abolito la percezione e la decodifica cosciente di questo sapere sottile, per concentrarsi esclusivamente su ciò che si può vedere e toccare.
Così, il più delle volte non siamo consapevoli degli scambi energetici che avvengono tra noi e il mondo esterno.
La nostra attenzione rivolta alla concretezza delle cose, ci fa perdere di vista l’esistenza di altre informazioni.


Si tratta di conoscenze preziose che ignoriamo consapevolmente, ma che percepiamo inconsapevolmente utilizzando un sapere diverso da quello dei cinque sensi.

E’ capitato a tutti di provare un’inspiegabile sensazione di disagio al cospetto di persone che apparentemente non sembrano avere nulla di sgradevole.
Queste persone emanano una sgradevolezza energetica, cioè il loro campo energetico è dissonante rispetto alle nostre frequenze.
Diciamo allora che “a pelle” o “di pancia” non ci piacciono, segnalando (ma anche occultando) in questo modo l’esistenza di una percezione che non utilizza solamente i sensi fisici.

L’energia delle persone, dei luoghi e delle cose con cui veniamo in contatto, ci influenza costantemente.
Viviamo immersi in un campo di frequenza che ci caratterizza, e ci rende compatibili o incompatibili con chi incontriamo.

Questa energia è l’espressione di ciò che siamo profondamente.
Parla della nostra anima.
Racconta una verità senza censure.

Anche quando cerchiamo di nasconderci dietro alle tante maschere che indossiamo abitualmente.
Il campo della nostra energia risente delle esperienze che abbiamo vissuto, dei pensieri che ci attraversano, dei sentimenti che viviamo, e trasmette al mondo messaggi sinceri su di noi.

Tutti gli animali, immuni dal conformismo che tortura gli esseri umani, hanno una comprensione immediata di queste energie e sanno riconoscere d’istinto le frequenze di chi li avvicina.
Gli uomini, invece, hanno perso queste capacità e basano il loro sapere su ciò che vedono o su ciò che sanno a priori, privandosi d’informazioni preziose e indispensabili per avere una comunicazione autentica.
E perciò… sincera.

La cultura della nostra razza ha abiurato la consapevolezza delle energie, definendola “poco attendibile”.
Preferisce circondarsi di apparenze.
Teme l’impatto con la verità.
Perciò ha limitato la propria conoscenza esclusivamente alla materialità.

La scienza umana evita con cura tutto quello che riguarda le emozioni.
Il mondo emotivo non è misurabile, non è localizzabile in qualche specifica area del corpo, sfugge ai cinque sensi e alla tecnologia, perciò per la scienza non può essere:scientifico.

I sentimenti non sono abbastanza concreti per la ricerca in laboratorio.
Sono sempre troppo soggettivi.
Non possiedono spessore, consistenza, peso, materialità.
Ma, nonostante la loro mancanza di scientificità, i sentimenti sono reali.
Veri. E imprescindibili.
Possiedono un’autenticità che la scienza non può dimostrare con le sue apparecchiature ma che ognuno di noi ha sperimentato sulla propria pelle con certezza matematica.



Tutte le emozioni sono energia.
Energia che parla di noi e ci racconta degli altri.
Energia che ci fa bene.
O che ci fa male.
Energia che bisogna imparare a conoscere e a riconoscere per costruire un mondo… finalmente migliore.
Un mondo fondato sulla verità e non sull’imbroglio.
Un mondo onesto.


Le razze animali diverse dalla nostra non sanno usare la finzione e l’inganno, non basano la loro vita sull’apparire.
Possiedono ancora la capacità di decodificare i messaggi che i campi magnetici delle cose e delle persone emettono costantemente.
Per questo non possono mentire.
Hanno mantenuto l’onestà necessaria per essere diretti e sinceri, leggono con chiarezza l’immediatezza delle energie.
L’uomo, al contrario, si nasconde dietro alla concretezza delle cose, che chiama cultura, buone maniere, convenzioni sociali, civiltà… e occulta a se stesso la verità immediata dei campi energetici.
Preferisce utilizzare delle maschere per nascondere i propri sentimenti.
Poi purtroppo si ammala.
Perde il contatto con l’autenticità del mondo interiore e si sente confuso e impacciato quando si tratta di raccontare cosa prova.
Spesso si vergogna di voler bene.
Nasconde le lacrime.
Sorride quando è arrabbiato.
E crede che il successo sociale dipenda dal possedere una rigida corazza d’insensibilità.



Ma fuori da questi falsi miti, ognuno sa in cuor suo che c’è “qualcosa” capace di farci stare bene quando ci sentiamo amati e male quando invece è assente.

“Qualcosa” capace di farci sentire amati a prescindere da ciò che vediamo, ascoltiamo, tocchiamo, annusiamo o gustiamo.

L’amore è un sentire che sfugge ai cinque sensi e ci riporta all’essenzialità.
Esprime l’autenticità di ciascuno.
L’amore è un’energia che svela la verità dell’anima.
Quando ne percepiamo la frequenza, il nostro campo energetico comincia a pulsare e la vita acquista il suo significato più profondo e più vero.






Questo articolo può essere condiviso e divulgato rispettando il lavoro svolto citando la fonte dello stesso Blog e le relative fonti esterne citate dallo stesso.

Diario di una ragazza indaco di Michela Marini © COPYRIGHT 
Distribuito con Licenza Creative Commons

(Fonti: 
http://carlasalemusio.blog.tiscali.it 
rieditato da: http://ragazzaindaco.blogspot.it - 
Fonte immagine : DeviantArt.com)


venerdì 29 agosto 2014

Sovranità Individuale: Protocollon. 112-113 utile a facilitare il concetto per le Istituzioni Italiane

Protocollo n.112-113 Utile a facilitare la comprensione del concetto di Sovranità Individuale per le Istituzioni Italiane


Testo estratto dal sito 




Io Mahat -Matteo, D.D.D. Cerasuolo – Sovrano Italico nel Sacro patto di Alleanza con tutti i “Giusti”- formulo il Protocollo n.112-113 premettendo che considero senza riserve gli agenti della polizia e i carabinieri,  e TUTTI i rappresentanti della LEGGE come FRATELLI e SORELLE , e che con la presente invoco il vostro Reciproco Sentimento affinché ognuno di noi sia il custode l’uno dell’altro.
Con questo spirito, inizio con una considerazione imprescindibile: molte volte i tutori della legge hanno a che fare con realtà che mettono a dura prova, quale che sia,  il loro carattere e non solo… Essi, sin troppo spesso, sono costretti a far rispettare CODICI che per molti esseri umani sono in realtà INTRADUCIBILI-INCOMPRENSIBILI-ILLOGICI. Così gli Agenti sono obbligati a fare il loro Lavoro e  a districarsi tra CRIMINI e Violazioni della Vita personale dei loro simili, ecc ecc, Talvolta, per questo, possono avere un atteggiamento STANDARDIZZATO, e anche se “non li ha obbligati nessuno”  fanno un lavoro potenzialmente pericoloso, per il quale ricevono, oltretutto, uno stipendio (sicuro che non è poco oggi come oggi) che  non è adeguato a quello ai loro compiti… 
Per questo, ma anche per altri motivi che non starò qui ad elencare, io  sono consapevole del fatto che potrei trovarmi davanti a un Uomo che fa un Lavoro Difficile e Pericoloso e magari per questo potrebbe avere un atteggiamento poco accondiscendente o addirittura Minaccioso. 
Io che non voglio dichiarare  guerra a nessuno ma devo altresì tutelare me stesso, proverò a spiegare -con il massimo rispetto e nel modo più trasparente- che io, da Sovrano libero (a meno che non abbia rispettato i 4 canoni che sono riportati alla fine dell’articolo),  non posso accettare da nessuno e in nessuna forma un Fermo che abbia l’intento di notificarmi un’autorizzazione per poter procedere nel cammino della mia esistenza, anche perché devo provvedere a tutelarmi dalle leggi che io intendo come ORDINI.
Questi ORDINI sono impartiti da “generali di banche”,  ma come al tempo degli SS non ci si può nascondere dietro una Legge-ORDINE se questa viola i diritti umani, e devo assolutamente sottolineare, per amor del vero, che CHI ESEGUE UN ORDINE DI QUESTO GENERE SI ASSUME LA RESPONSABILITA’ DI AVERLO POSTO IN ESSERE CON LE CONSEGUENZE DEL CASO.


Per questo io rispetto le leggi  purché siano onorevoli e universalmente condivisibili e considerando che le leggi provengono dalla traduzione di statuti che sono loro stessi la codifica di una legge non scritta, si desume che ogni tipo di legge-ordinamento per essere ritenuto valido deve rispettare la scala gerarchica del diritto, e il diritto non scritto da cui derivano tutte le leggi-ordinamenti è il Diritto Naturale. 
Premetto, inoltre, che tutte le leggi scritte non sono sbagliate, ma deve essere ritenuta Valida solo una legge che sia Giusta e che non violi i canoni supremi del Diritto Naturale a cui mi riferisco ed,  essendo questa la base portante di tutte le leggi, io posso asserire, senza alcuna paura di essere smentito che quello che io affermo è Verità. Io, rispettando tutti e tutto, Devo essere a mia volta rispettato per le scelte che solo io posso prendere in merito a l’amministrazione del mio corpo fisico, e considererò il nostro eventuale incontro come un prezioso scambio di possibili esperienze reciproche. Ma come io non interferisco con altre esistenze (uomini-donna) né esercito azioni di Fermo e non Autorizzo nessuno a metterle in essere con me stesso (a meno che non sia in un territorio o abitazione da me legittimamente custodita), a mia volta non può esserci istituzione o rappresentante di essa che possa rivendicare tale diritto su di me (in una qualsiasi forma volta ad amministrare il mio corpo).
Pertanto desidero che il mio status di Sovrano venga compreso e anche se, intimamente non viene accettato/condiviso, si prenda preso atto che io sono Uomo Libero su questa terra e che io ho sciolto tutti i legami che erano stati contratti in precedenza perché stipulati attraverso inganni, con l’aggravamento dello stato di soggiogamento-controllo della persona fisica attraverso la finzione giuridica determinata dal Numero identificativo posto sulla carta di identità italiana, numero nel quale NON MI IDENTIFICO perché è ovvio che sono di carne e ossa e non sono un numero,  un numero assegnatomi da un contratto che oggi è sotto accettazione condizionata. 


Questo significa che: seppure la maggioranza delle persone ritengono validi ai fini dell’interazione generica, e visto che mi è stata fatta fare forzatamente a titolo di riscatto e prova dell’inganno subito e per questo posto sotto MIO condizionamento di rivalsa… Ciò non implica che lo stesso utilizzo del documento di identità italiano (n. contratto) possa legittimare o autorizzare NESSUNO a gestire la mia esistenza che, ribadisco, Non riconosco essere un numero.
L’auto determinazione che mi spinge a questo atto è frutto del mio bagaglio intellettivo, culturale, ideologico, spirituale ed è principio fondamentale della mia esistenza. Per questo, in pieno possesso delle mie facoltà psico-fisiche, io affermo che sono un essere Umano LIBERO e non accetto nessun tipo di condizionamento in nessuna misura, anche in virtù delle mie intenzioni che, dichiaro, essere degne perché fondate sulla consapevolezza che se sono un Uomo LIBERO, un Essere Umano che rispetta le leggi e tutti gli esseri viventi, e sono assolutamente cosciente che per essere Libero devo essere anche Custode pacifico della terra che mi ha generato, come di tutto quello che la terra genera, Custode pacifico del cielo ( inteso anche come aria che respiriamo, di tutta la flora e di tutta la fauna, e custodisco i miei cari e il mio corpo che è manifesto su questa terra in modo LEGITTIMO,Come Unico evento eccezionale, come tutte le esistenze Uniche e Eccezionali a me e al mio corpo deve essere garantita un’esistenza LIBERA, ed è per questo che Voi stessi dovreste CUSTODIRE il bene che è la Mia LIBERATA’ e  anche io, allo stesso modo, sigillo qui la mia intenzione di CUSTODIRE tutto questo perché TUTTO è oggettivo bene e patrimonio del creato e quindi dell’umanità.
In Pace e Gratitudine
Mahat

  
Affinché ognuno di noi sia il custode l’uno dell’altro

Da Sovrano in Italia ho notato quanto è facile imbattersi con rappresentanti della legge o delle istituzioni che potrebbero non comprendere lo stuatus di Sovrano,  come comportarsi davanti a una mancanza di conoscenza??
bisogna informare con chiarezza attraverso basilari principi legali italiani e internazionali in modo da far valere i propri diritti  legalmente e onorevolmente. Questa prassi evita anche al rappresentante della legge di commettere inconsapevolmente una violazione,  infatti questo protocollo mira a tutelare entrambe le parti. l’individuo Sovrano fa valere i propri diritti, e i rappresentanti della legge possono prende “chiara” visione di uno status onorevole e legittimo.

SOVRANITA’ INDIVIDUALE
Ideatore: (Mahat = Matteo dei Cerasuolo)
Ricerche e studi di Mahat = Matteo deì Cerasuolo e Sandro di Gaia, con la collaborazione e supporto tecnico di Rita e Susanna
Questi testi, che affermino incontestabilmente la sovranità individuale e inconfutabilmente riconosciuti sono validi anche per le leggi vigenti Italiane ed europee.
La dichiarazione di sovranità reperibile a questo link , ed è il testo di base e di riferimento che ha già validità giuridica:
tale dichiarazione deve essere firmata  con penna ROSSA nel bordo destro in basso , la firma non deve concedere spazio a altre dichiarazioni pertanto consiglio il bordo estremo
la dichiarazione deve essere mandata a mezzo di raccomandata con ricevuta di ritorno a: il prefetto di zona, ministero degli interni e ministero del tesoro
può essere autenticata da tre testimoni.  consiglio almeno 3 copie per uso personale. è consigliabile portare tale dichiarazione sempre con se a questo proposito si consiglia di fare questa ultima copia su carta pergamena e tenerla custodita.

Partendo dal testo su menzionato e visionando  leggi e casistiche che già attestano inconfutabilmente il nostro diritto ad esercitare la sovranità individuale, ha redatto la seguente dichiarazione che ognuno di noi sarà in diritto di fare qualora venisse fermato da qualunque tipo di forza “pubblica”, premesso che dovremmo essere ligi a le leggi e se non abbiamo danneggiato cose o persone  possiamo dichiarare se possibile rimanendo in tono cordiale,amichevole ma irremovibile:
“Accetto di fornire le mie generalità a patto che lei si qualifichi come da prassi e  mi  dimostri legittimamente la giurisdizione sulla mia entità, in quanto io mi dichiaro  ESSERE UMANO SOVRANO, fatto di carne e  ossa, sangue e spirito, abitante pacifico e amichevole della terra che vive operando in amore, saggezza, e in rispetto delle della legge e per questo uomo libero davanti a Dio”
A fronte di questa dichiarazione gli “agenti” saranno tenuti a distinguere tra persona giuridica  e essere umano facendo ben presente che in quel momento loro si stanno rivolgendo a un essere umano. Tale dichiarazione (in neretto tra virgolette)  serve ad evitare di fare il loro gioco utilizzando un linguaggio giuridicamente valido e rispettoso dei diritti di entrambe le parti, che ci mantenga “in onore” chiarendo che vogliamo garantire la reciproca coesistenza pacifica .  
i rappresentanti della forza “pubblica” saranno tenuti a adottare un comportamento idoneo, ossia rispettoso e non minaccioso, qualsiasi tipo di intimidazione dovrà corrispondere a una consona reazione
se gli agenti dichiarano di essere pubblico ufficiale voi gli date gli estremi del sec che dimostra che la Repubblica Italiana” è una AZIENDA PRIVATA !

ITALY REPUBLIC OF CIK#: 0000052782 (see all company filings)
SIC: 8888 – FOREIGN GOVERNMENTS
State location: L6 | Fiscal Year End: 1231
(Assistant Director Office: 99)
Business AddressMINISTRY OF ECONOMY AND FINANCEVIA XX SETTEMBRE, 97ROME L6 00187(39) 06-86391271
Mailing AddressC/O STUDIO LEGALE BISCONTIVIA A. SALANDRA, 18ROME L6 00187

solo per fargli notare che l’Italia è una società di diritto privato e loro essendo dipendenti di questa società sono delegati di privati e non possono di fatto essere pubblici ufficiali..e dunque devono dimostrarlo diversamente.. non basta una dichiarazione
se vogliono dimostrarlo dovranno essere trasparenti, e usare termini di facile comprensione. Saranno ritenuti nulli tutti i documenti che citano leggi, decreti, etc, in quanto non avendo i mezzi fisici, temporali, economici ed intellettuali per capire tali scritti, leggi, codici, atti, normative, etc, ed il linguaggio giuridico nel suo insieme, violerebbero lalegge di circonvenzione di incapaci, che,” è un delitto previsto e punito dall’art 643 del codice penale italiano. Consiste nell’abusare dei bisogni, passioni o dell’inesperienza di persona minore o in stato d’infermità o deficienza psichica, al fine di procurare a sé o ad altri un profitto. Completa la fattispecie la circostanza per cui la condotta dell’incapace deve consistere in un atto dannoso per sé o per altri
(è possibile dare un termine di tempo per dimostrare la validità del fermo oltre il quale vi riterrete sotto sequestro aggravato dal fatto che voi siete disarmati e loro no!)
per tanto potete dire che vi sentite sotto minaccia e avete paura per la vostra incolumit�
2) -Il testo che segue è parte della
“Relazione predisposta in occasione dell’incontro della delegazione della Corte costituzionale con il Tribunale costituzionale della Repubblica di Polonia” (Varsavia, 30-31 marzo 2006)
2
da cui è stato estrapolato il seguente testo relativo all’affermazione del “principio personalista”  che garantisce la persona fisica. I diritti umani qui affermati sono fondamento della costituzione italiana anche se non specificamente menzionati :
serve come chiave d’accesso per principi più alti che permettono di adoperare in territorio italiano il diritto divino o Diritto NATURALE, per questo fare la dichiarazione sovra citata da persona (finzione Giuridica) a Persona  FISICA e di conseguenza a  ESSERE UMANO.
in sostanza la dichiarazione viene Difesa attraverso il PRINCIPIO PERSONALISTA che gli stessi Agenti sono tenuti a tutelare 
I DIRITTI FONDAMENTALI NELLA GIURISPRUDENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE :
“Merita in proposito di essere segnalata la sentenza n. 13 del 1994, dove si sottolinea che, tra i diritti che formano il patrimonio irrinunciabile della persona umana, lart. 2 della Costituzione riconosce e garantisce il diritto all’identità personale. Si tratta del diritto ad essere se stesso, con il relativo bagaglio di convinzioni ideologiche, religiose, morali e sociali che differenzia, al tempo stesso qualificandolo, lindividuo. Lidentità personale costituisce dunque un bene per se stessa, a prescindere da, anzi proprio in forza di “pregi e difetti” caratterizzanti evidentemente ogni soggetto: a ciascuno è, dunque, riconosciuto il diritto a che la sua individualità sia preservata, indipendentemente da qualsivoglia situazione sociale ed economica. Dalla pronuncia si desume che la dignità umana, quale valore fondante del patto costituzionale, è immediatamente traducibile nel c.d. “principio personalista”, teso proprio alla preservazione e alla tutela della medesima.
Il riconoscimento dei diritti fondamentali della Costituzione è, pertanto, uno degli elementi caratterizzanti lo Stato di diritto: essi trovano le loro guarentigie nella “rigidità” della Costituzione e nel controllo di costituzionalità delle leggi affidato alla Corte costituzionale. Si evince del resto con evidenza che i diritti fondamentali non solo costituiscono i principi supremi dell’ordinamento costituzionale, ma qualificano altresì la stessa struttura democratica dello Stato, la quale verrebbe sovvertita qualora questi fossero diminuiti, decurtati o violati. Va osservata in proposito una specifica rispondenza nella giurisprudenza costituzionale, in ispecie con la sentenza n. 170 del 1984, con cui si dava ingresso nell’ordine interno alle fonti comunitarie; la Corte ha ritenuto che:
“ciò non implicava che lintero settore dei rapporti fra diritto comunitario e diritto interno fosse sottratto alla propria competenza (v. anche la sentenza n. 183 del 1973), potendo la legge di esecuzione del Trattato andar soggetta al suo 
3
sindacato, in riferimento ai principi fondamentali del nostro ordinamento costituzionale ed ai diritti inalienabili della persona umana; affermazione, questa, resa ancor più esplicita e “decisa” nella sentenza n. 1146 del 1988, dove si è apertamente dichiarato che“la Costituzione italiana contiene alcuni principi supremi che non possono essere sovvertiti o modificati nel loro contenuto essenziale neppure da leggi di revisione costituzionale o da altre leggi costituzionali. Questi principi, pur non essendo espressamente menzionati fra quelli non assoggettabili al procedimento di revisione costituzionale, appartengono all’essenza dei valori supremi sui quali si fonda la Costituzione italiana ed hanno, quindi, una valenza superiore rispetto alle altre norme o leggi di rango costituzionale”. Proseguendo, vanno segnalate alcune importanti pronunce, una delle quali – sentenza n. 18 del 1982 – afferma che il giudice italiano, al fine di dare ingresso nel nostro ordinamento a sentenze emanate da organi giurisdizionali stranieri, è tenuto a controllare che nel procedimento, dal quale è scaturita la sentenza, siano stati rispettati il diritto di agire ed il diritto a resistere a difesa dei propri diritti, essendo questi da annoverare tra i “principi supremi dell’ordinamento costituzionale”.
Articolo 2 e il 54 della Costituzione sono rafforzativi a tali fini.
DA CUI :
3) – Quanto sopra può essere formalizzato dalla seguente dichiarazione:
“Considerato che è mia conoscenza che ogni “forza dell’ordine” e/o “forza di polizia” e ogni organo adibito a questo scopo ha il compito di distinguere tra statuti/atti/norme/codici/ regolamenti e Legge, quelli che cercano di applicare gli statuti/ norme/atti/codici /regolamenti contro Un Uomo Libero stanno di fatto violando la legge”

CIO’ IMPLICA CHE :
a) – Le forze pubbliche si avvalgono di leggi ma noi usiamo giustizia che è fondamento della legge stessa.

-Nel caso in cui gli “agenti” contravvenissero in qualche modo a quanto sopra espresso e cioè non tenessero conto della dichiarazione fatta “in onore”
4
sovvertirebbero i principi della costituzione e potrebbero essere perseguiti per cospirazione.
INOLTRE è DIRITTO INREVOCABILE QUELLO DEL RIFIUTO A UN ORDINE CHE VIOLA PRINCIPI PIU ALTI, QUESTO SI PUò RAFFORZARE CON LA PAROLA:’ OBIEZIONE DI COSCIENZA
SANDRO
L’OBBLIGO DEVE ESSER DIMOSTRATO, E CONSTA DI 2 SOLE CONDIZIONI: CONTRATTO REGOLARMENTE FIRMATO DALLE PARTI, CHE RISPETTI I PRINCIPI DI UN CONTRATTO VALIDO, O LA RIDUZIONE IN SCHIAVITU’!! L’OBBLIGO DEVE ESSE DIMOSTARTO, SEMPRE!
ALTRO PUNTO DA TENER A MENTE E’ QUELLO CHE GLI AGENTI SONO IN SERVIZIO.
DATO TALE PUNTO, STANNO PER L’APPUNTO OFFRENDO UN SERVIZIO. CHE PER SUA STESSA NATURA PUO’ ESSER OFFERTO MA MAI IMPOSTO. PER EVITARE DI INTRALCIARE OD OSTACOLARE LA “GIUSTIZIA” E’ SEMPRE BENE NON RIFIUTARSI A PRIORI CON DEI “NO SECCHI”, MA BENSI’ BOMBARDARLI Diritti SULLA SOVRANITA’ OBBLIGHI E GIURISTIZIONE, ED “ACCETTARE CONDIZIONATAMENTE”
LE LORO OFFERTE.
MAI DICHIARASI CITTADINO ITALIANO( IN TAL CASO SI FIRMA A VOCE UN CONTRATTO CON LO STATO E LE SUE EMANAZIONI). FAR SEMPRE PRESENTE AGLI AGENTI, CHE SONO DI FRONTE AD UN ESSER UMANO SOVRANO,E PER TANTO, PARITETICI ALLO STATO CHE RAPPRESENTANO.
FAR PRESENTE CHE ESISTE IL PRINCIPIO DI EGUAGLIANZA. E IN BASE AD ESSO NOI ABBIAMO IL LORO STESSO POTERE: NESSUN E’ PIU’ UGUALE DI NESSUN ALTRO!!
c) – Qualsiasi tipo di controversia verrà portata davanti a una corte dell’Aia. non devono sfiorare la sovranità neanche con un dito , si deve rifiutare qualsiasi invito a comparire in una caserma ,chiunque voglia parlare con voi deve venire lì
d) – Quando veniamo fermati e facciamo le nostre dichiarazioni siamo in diritto di filmare la scena con il nostro supporto multimediale. Dichiarare che stiamo per farlo e semplicemente accendiamo e riprendiamo. Se si oppongono possiamo dire :
“quello che sto facendo è legittimo ed è mio diritto inviolabile. Lei ha un collega che può testimoniare e io ho il diritto di documentare, filmare, registrare, poiché sto per fare dichiarazioni a carattere legale e devo tutelarmi da un suo possibile o accidentale abuso.se non comprendono citate questo; L’art. 234 c.p.p., infatti, nell’offrire la definizione di “prova documentale”, precisa: ” E’ consentita l’acquisizione di scritti o altri documenti che rappresentano fatti, persone o cose mediante la fotografia, la cinematografia, la fonografia, o qualsiasi altri mezzo “.
In particolari casi, si è giunti a ritenere che la registrazione fonografica di conversazioni da parte di uno dei presenti, benché effettuata clandestinamente, costituisce una forma di memorizzazione di un fatto storico del quale l’autore può disporre legittimamente, anche ai fini di prova nel processo ai sensi dell’art. 234 c.p.p.
se è andato tutto bene…
quando ci si congeda si deve richiedere eventuale verbale di constatazione che parli del vostro contatto amichevole che si è concluso pacificamente a quel punto potete dare un titolo o nome che vi qualifichi e ringraziare sentitamente e se volete verbalizzare che siete stati ben lieti di incontrare un rappresentante di una nazione che rispetta i diritti fondamentali del essere umano. o inviate lettera di merito alla caserma di appartenenza.
TUTTO QUESTO PREMESSO CHE SIETE IN DIRITTO DI USARE IL VOSTRO DOCUMENTO DI IDENTITà ITALIANO MA POTETE RIFIUTARLO NEL MOMENTO CHE IL DOCUMENTO STESSO DIVENTA UN CONTRATTO CHE LIMITA LA NOSTRA LIBERTà!  il documento è da ritenere un contratto nullo a i fini di giurisdizione sul vostro corpo e valido solo a identificare la persona giuridica, ma che di fatto  non può sminuire i vostri diritti fondamentali quando questi vengono invocati.
(ancora, potete dire che vi dissociate dallo statuto italiano perchè avete preso atto che tale statuto ha generato sofferenza e crimini contro l’umanità, e non volete ne favoreggiarlo ne esserne complici)
ricordate che l’autodeterminazione di un popolo è inalienabile 
*se siete in macchina è guidate dovete dichiararvi VIAGGIATORI  non conducenti (implicherebbe commercio e autorizzazioni)  le persone che sono con voi sono OSPITI e non passeggeri.
quando siete in macchina siete in una proprietà privata inviolabile!!! nessuno può ordinarvi di uscire o altro.
I canoni dell’Essere Umano Sovrano
01)Non procurare danno a cose e “persone”
02)Non procurare perdita a nessuno
03)Rispettare i contratti una volta firmati purché legittimi.
04) Non frodare o ingannare nessuno.




(Fonte: http://www.sovranitaindividuale.it/sovranita-personale/protocollo-per-istruire-istituzioni-italiane-alla-sovranita-individuale/ )



Questo articolo può essere condiviso e divulgato rispettando il lavoro svolto citando la fonte dello stesso Blog e le relative fonti esterne citate dallo stesso.

Diario di una ragazza indaco di Michela Marini © COPYRIGHT 
Distribuito con Licenza Creative Commons

giovedì 28 agosto 2014

Sovranità Individuale: Clausola Rebus Sic Stantibus

SOVRANITA' INDIVIDUALE
Clausola Rebus Sic Stantibus

Testo estratto dal sito 




Ave, o Sovrani e non ,
Una su tutte le cause che generano una forma di dipendenza innaturale che ci obbliga a essere in DEBITO PER VIVERE è un contratto… sono innumerevoli le forme che possono generare un contratto ai soli vostri danni, e questo contratto può essere fatto valere in molteplici modi da chi ve li fa FIRMARE o STIPULARE, si perchè la firma è necessaria ma visto che molte richieste di debito con compagnie telefoniche e gestori dell’energia usano contratti o con voce registrata e anche senza voce ne firma sembra che esistano contatti fantasma che vagano senza una firma ciò nonostante sono ritenuti VALIDI anche se capestri perché si vestono di onorevolenza e per mezzo di avvocati compiacenti che usano la loro autorevolezza per difendere quello che si presume essere un accordo equo e che non comprometta l’esistenza di entrambe le parti che inveche è SEMPRE svantaggioso per il contraente, e se bene siano illegittimi questi contratti molti avvocati compiacenti o inconsapevoli e in ogni caso colposamente o dolosamente sono complici di queste truffe legalizzate vsito che notificano intimidazioni di pagamento e lettere di minacce di sequestri ecc
come difendersi? CONSAPEVOLEZZA!
ogni contratto se formatosi in maniera fraudolenta decade, questo è quello in cui ci si appella con la Clausola Rebus Sic Stantibus
quello che segue è il documento è stato fatto da Kate of Gaia(Canada)  (per ora in fase di ottimizzazione e adattamento alle leggi italiane) è da considerare un valido testo da cui estrapolare comparazioni e concetti importanti per garantire la completezza di un’ percorso , che rimane personale, e per questo a discrezione di chi vuole stipulare una dichiarazione di libertà o una L.A.C. in base alla propria percezione questo è un sentiero da percorrere per vedere cosa succede nel resto del mondo quando si parla di Sovranità.
Mahat


Clausula rebus sic stantibus/CRSS/la “croce rivelata: una disposizione del trattato che indica che il trattato è vincolante solo fino a quando le circostanze esistenti al momento della firma del trattato rimangono sostanzialmente le stesse.(questo equivale a dire che il contratto“documento di identità”  è NULLO se cambiano le condizioni) Pertanto, ogni contratto realizzato con il loro marchio commerciale è fraudolento, ab initio, ad infinitum, nunc pro tunc (ora per allora – con effetto retroattivo, dall’inizio e per sempre).
Accetto l’intero personaggio di creatore/creditore domini, interamente. (toto genere)
Il mio intento è pacifico. È mio desiderio che mi sia restituito il mio “status di ospite”.
È mio desiderio di ricevere il vostro aiuto a ottenere la restituzione completa/emendatio. Questo è quanto, Grazie.


 Tutti i riferimenti di legge sono tratti dal Black’s Law 9a Edizione dove molte e ulteriori prove sono un addendum al presente scritto invocativo.
Ovviamente Invocare la Clausula Rebus Sic Stantibus rafforza la dichiarazione di Sovranità
Fonte: Santos Bonacci
Studi di: Katherine of Gaia
NOTE: I traduttori Davide e Raffaella hanno aggiunto delle note in calce e nel corpo del testo() in carattere corsivo. Il testo di colore rosso è provvisorio e manca dei dovuti riscontri linguistico/etimologici.
Invocazione
della
Clausula Rebus Sic Stantibus1
Scrittura/Atto del Patto, Scrittura dell’Inganno, Scrittura dell’Inchiesta.
Considerando che, un cambiamento fondamentale delle circostanze è ora presente (pre-inviato?) inpure speech (formalmente?), nel ruolo di libero costruzionista (nel senso di colui che costruisce la realtà)/usciere di tribunale (vedi traduzione di beadle, in addendum), è mio desiderio, con piena e caparbia volontà, di risolvere questa questione, che fiat justitia ruat caelum (sia fatta giustizia e rovini pure il cielo, ndt), una frode rivelata è invalidata e abrogata, nunc pro tunc, ab initio, ad infinitum (ora per allora – con effetto retroattivo, dall’inizio e per sempre).
Considerando che il mio “contratto Starra2”/Atto di Nascita3 è in custodia al Registro Generale (di Stato Civile x l’Italia?) e dato sotto il SIGILLO dell’Ufficio Generale di Registrazione, Belfast, Irlanda del Nord, come affermato sulla “copia autenticata”, la mia copia originale non è stata depositata in un deposito legale, vale a dire l’erario del Re a Westminster come comandato da Riccardo I.
È mio dovere legittimo informare tutte le parti/pirati che hanno avanzato/rivendicato diritti fraudolenti sulla mia “stirpe” – dal Dizionario Black’s Law, 9a Edizione – WEST, “stirpe, n. (l4c) 1. I progenitori originali di una famiglia; una persona da cui una famiglia è discesa”(al limite da aggiornare con estratto vocabolario italiano) – in quanto un surrogato (surroga) è presente. Io sono della stirpe di mia Madre/Padre, evidente (palese) nel sangue/etere nel mio lignaggio/vene DNA mitocondriale “delta 9 Lucifero delta 10 mtDNA” da mia Madre che è a “prima facie” prima vista l’evidenza della mia linea di sangue (A Rh+) dove mio Padre è il beneficiario di qualsiasi/tutti i sui progenitori (antenati). Il Padre (sperma – semen*) derivando da qualsiasi/tutti i suoi antenati è solo il beneficiario, mentre la Madre è il fiduciario (amministrazione e gestione di patrimoni per conto di terzi – ndt).
*tutela dell’ammiragliato – un marinaio (seaman), così chiamato a causa del profilo giuridico che assume in materia contrattuale, dovrebbe essere trattato come beneficiario e l’altra parte contraente come fiduciario nel caso di un’ingiustizia percepita nelle loro posizioni contrattuali. [Casi: Marinai (; :: J 1.]
Considerando che il “cognome” si presume “automatico” alla nascita, in quanto mia Madre ha adottato il cognome di mio Padre con il matrimonio, il mio sangue vivente potrebbe essere/è stato rapito da un cesareo e sono stato preso dalla mia giurisdizione naturale per essere volutamente ridotto in schiavitù in un’altra giurisdizione “legale/societaria(aziendale-commerciale)/morta” contro la mia libera volontà di scelta/jus praesens4 (vedi pag 8 – sotto) attraverso inganni, attraverso un assunto (supposizione) illecito.
Considerando che il presupposto sbagliato che è stato fatto è che io sono, in qualche modo presunto, collegato alla CORONA, io attesto che si tratta di falso dove il sangue nelle mie vene è mio, evidente (palese) come etere vivente, senza il quale cesserei di essere , datomi da mia Madre/Padre. Mio padre è il beneficiario di me e mia madre è il fiduciario dove io non sono il loro beneficiario/fiduciario , ne posso richiedere una delle loro eredità dove sono io la loro eredità di cui sono il mio erede, non il contrario. In base a questi inganni, l’eredità di mia Madre/Padre , come beneficiario/fiduciario, è stata rubata da quelli che sostengono illegalmente la creazione di mia Madre/Padre tramite inganni.
Inoltre, io non pongo alcuna pretesa sulla proprietà di mia Madre/Padre, dove io possa essere erroneamente presunto come il beneficiario di qualsiasi/tutti i titoli, nomi, cognomi, debiti, responsabilità ed altro, ecc, dove con la presente invoco ** Beneficium Abstinendi ab initio, ad infinitum, nunc pro tunc (ora per allora – con effetto retroattivo, dall’inizio e per sempre).
** Beneficium: Un PRIVILEGIO, rimedio o vantaggio CONCESSO dalla legge, come il BENEFICIUM ABSTINENDI “privilegio di astenersi” con cui un EREDE potrebbe RIFIUTARE di accettare un’ EREDITà” (ed evitare così il debito di accompagnamento). Beneficium Abstinendi: “privilegio di astenersi”: il diritto di un erede di rifiutare l’eredità e quindi evitare la responsabilità per i debiti del TESTATORE.
Inoltre, la proprietà/status di beneficiario di mio Padre così come lo status di fiduciario di mia Madre era/è/è stato volutamente rubato tramite inganni da parte di qualsiasi/tutte le parti/pirati per qualsiasi/tutti gli usi del mio nome privato e della data di nascita/Vinta/starr datomi, rimosso tramite sequestro/”arruolato e portato a bordo a forza” dalla mia giurisdizione naturale in cui la creazione del Certificato di Nascita5 è la prova, la prima facie e l’evidenza di questo passaggio “da privato al pubblico”, frode in assoluto, dove il mio Atto di Nascita continua a rimanere illegittimo finché non viene posto in un archivio legittimo. Qualsiasi /tutti gli usi di questo nome nel PUBBLICO è/sarà fraudolento ab initio, ad infinitum, nunc pro tuncfino a quando non verrà *** legalmente depositato. Il DTC a 55 Water Street non è un deposito legittimo (inserire luogo di deposito italiano), ma è piuttosto una “dogana/magazzino di stoccaggio” dove i veri certificati sono stati oggetto di surrogazione.
Udienza Wade. (1969) Diritto penale. L’udienza in attesa di giudizio in cui la convenuta contesta la validità della sua identificazione fuori dalla corte. Se la Corte ritiene che l’identificazione è stata contaminata con metodi incostituzionali, l’accusa non può utilizzare l’identificazione e deve collegare il convenuto al crimine con altri mezzi. Stati Uniti contro Wade, 388 US 218, 87 S.Ct. 1926 (1967). [Casi:. Diritto penale C ::: '-339,11 (2)]
*** Starr (Stahr), n. [fr. Latino starrum fr. Ebraico sh'tar "una scrittura"] Hist. Un contratto ebraico (in particolare per il rilascio di un’obbligazione) che Riccardo I dichiarò non valido a meno che non fosse posto in un deposito legittimo, il più grande dei quali è nel Tesoro del re a Westminster. Anche chiamato starra.
E ben noto che, prima della cacciata degli Ebrei sotto Edoardo I, i loro contratti e obbligazioni sono stati denominati, nei nostri antichi registri (registri inglesi), starra o Starrs, da un’alterazione del termine ebraico “sheeay”, un patto …. Questi Starrs , con un’ordinanza di Riccardo I … furono comandati di essere iscritti e depositati in casse sotto tre chiavi in certi luoghi, uno, il più considerevole era l’erario del Re a Westminster. …. la camera dell’erario, dove erano conservate le casse contenenti tali Starrs, probabilmente divenne nota come “camera degli Starra” e, quando gli ebrei furono espulsi dal regno, è stata messa a disposizione per l’utilizzo del consiglio del Re, quando si riuniva nell’esercizio del suo potere giudiziario.“[4- William Blackstone, Commentari sulle leggi d'Inghilterra 263 na (I 769)].
In sintesi, l’inganno perpetuato su me stesso e l’umanità è esposto per l’errore che è, pura frode ab initio, ad infinitum, nunc pro tunc, dove ora spetta a coloro responsabili/Re-spons-Abili per questa frode di emmendatio* (correggere) tutti gli errori creati attraverso questo tipo di frode perché questo errore non continui. Tutte le prove sono state raccolte, dove è ora pre-inviato per voi, come il mio sangue vivente/etere che è “prima facie” prova di stirpe nonché l’Atto di Nascita (ancora illegittimo) collegato al Certificato di Nascita (prova di frode pubblica ) in mia presenza fisica. Per esecuzione od omissione di qualsiasi/tutti i reati, uno è colpevole dove il crimine viene portato in vista agli occhi di tutti.
* Emendatio, n. [Latino] Hist. Il potere di modificare e rettificare abusi, secondo certe regole e misure.
In conclusione, molta conoscenza mi è stata rivelata nella mia stessa genesi alla rivelazione. È mio desiderio in piena volontà, che voi esaminiate i seguenti punti:
Il mio 
contratto “di origine” non è depositato in un deposito legittimo. Ho allegato una fotocopia/scansione contenente la mia ricevuta (Certificato di Nascita) quindi si può ulteriormente indagare e controllare quanto segue:
Il 
patto linea tratteggiata di Terra-Cross (CRSS) sul contratto/patto “di origine” :
“19 …………”
Il mio contratto “di origine” che mostra la data/Starr di nascita non è mai stato sotto giurisdizione societaria (linea tratteggiata, passare a privati) e non è mai stato inteso o destinato ad essere resopubblico (frode Certificato di Nascita) dove questa materia privata concerne, dove mia madre/padre sono stati rimossi dalla Certificato di Nascita creando un abominio/morto/finzione societaria quindi;
Il Regno Unito di Inghilterra, Galles, Scozia e Irlanda del Nord, CORONA CORPORATION ecc ed altro, e più tardi, Canada, Ontario, falsamente affermano di essere correlati od uniti al patrimonio/me stesso, disponendo la necessità di capacità testamentarie, creando una situazione dove sarebbero stati/stanno beneficiando di arricchimento senza giusta causa tramite il furto.
Il Regno Unito di Inghilterra, Galles, Scozia e Irlanda del Nord, CORONA CORPORATION ecc ed altro, e più tardi, Canada, Ontario, hanno “le mani sporche” (vedi dottrina mani pulite in addendum), utilizzando documenti falsi, mi hanno spostato/sequestrato come un bambino in una giurisdizione diversa e innaturale (contro natura, artificiale), costringendomi a pagare le loro tasse, tariffe più contributi ecc ed altro, creando molte difficoltà per me stesso e tutta la mia vita, mentre un’altra parte/parti hanno beneficiato/stanno beneficiando di arricchimento senza giusta causa a causa di questa creazione letteralmente di schiavitù con il mio sequestro da mia Madre/Padre il 18 giugno 1964 (inserire data registrazione Atto di Nascita), 3 giorni DOPO (dipende dal ritardo tra nascita e registrazione) che l’evidenza prima facie del mio sangue era già stata verificata.
Il Regno Unito di Inghilterra, Galles, Scozia e Irlanda del Nord, CORONA CORPORATION ecc ed altro, e più tardi, Canada, Ontario, rinnegano il mio diritto d’uso sulla terra.
Il Regno Unito di Inghilterra, Galles, Scozia e Irlanda del Nord, CORONA CORPORATION ecc ed altro, e più tardi, Canada, Ontario, hanno rimosso il mio “status di ospite”, non permettendomi di richiedere il risarcimento dei danni.
Il Regno Unito di Inghilterra, Galles, Scozia e Irlanda del Nord, CORONA CORPORATION ecc ed altro, e più tardi, Canada, Ontario, hanno falsamente etichettato la proprietà, creando un marchio commerciale (Trademark), obbligandomi con la forza ad usarlo per l’identificazione, defraudando me e Le Leggi e i Costumi, costringendomi a commerciare, mentre beneficiano di arricchimento senza giusta causa.
Sto sottoponendo al vostro dipartimento una fotocopia del “Certificato di Nascita” (e della Copia Integrale dell’Atto di Nascita) da utilizzare solo per il vostro esame in questa materia. Se avete bisogno della “copia” originale siete pregati di contattarmi (per favore contattatemi).

Il mio cygnet (
assonanza tra cygnet, giovane cigno e signet, sigillo)/sigillo è kate renee
(226-971-9675 cellulare)
Clausula rebus sic stantibus/CRSS/la “croce rivelata: una disposizione del trattato che indica che il trattato è vincolante solo fino a quando le circostanze esistenti al momento della firma del trattato rimangono sostanzialmente le stesse. Pertanto, ogni contratto realizzato con il loro marchio commerciale è fraudolento, ab initio, ad infinitum, nunc pro tunc (ora per allora – con effetto retroattivo, dall’inizio e per sempre).
Accetto l’intero personaggio di creatore/creditore 
domini, interamente. (toto genere)
Il mio intento è pacifico. È mio desiderio che mi sia restituito il mio “status di ospite”.
È mio desiderio di ricevere il vostro aiuto a ottenere la restituzione completa/emendatio. Questo è quanto, Grazie.
Tutti i riferimenti di legge sono tratti dal Black’s Law 9a Edizione dove molte e ulteriori prove sono un addendum al presente scritto invocativo.
Addendum/referenze Black’s Law 9a Edizione , WEST.
beadle (beed-dl). 1. Hist. Un usciere di tribunale con funzioni simili a quelle di una guardia. Vedi NUNTIUS (3). 2. Hist. Legge Ecclesiastica. Un sagrestano delle piccole parrocchie che serve le esigenze della sagrestia in vari modi, tra cui dare gli annunci delle riunioni della sagrestia stessa, eseguire i suoi ordini e frequentare le sue inchieste. 3. Un mazziere all’Università di Oxford o di Cambridge . Anche scritto Bedel.
jus (j;) pronunciato anche joos o yoos), n. [Latino "legge, diritto"] 1. parola Legge in astratto. 2. Un sistema di diritto. 3. Un diritto, potere o principio legale. 4. Diritto romano. legge creata dall’uomo. • Il termine usu. si riferisce a un diritto e non ad uno statuto. – Abbr. J. scritto anche ius. Cf. FAS. PI. jura Ooor-;) anche Yoor-;)). “Ius, se usato in senso generale, le risposte alla nostra parola Legge nella sua più ampia accezione. Denota, non una legge particolare, né una raccolta di leggi, ma l’intero corpo di principi, regole e statuti, scritti o non scritti, dal quale i diritti pubblico e privato, i doveri e gli obblighi degli uomini, in quanto membri di una comunità, sono definiti, inculcati, protetti e fatti rispettare. “William Ramsay, A Manual of Roman Antiquities 285-86 (Rodolfo Lanciani ed., 15 ed. 1894).
dottrina mani pulite. (1914) Il principio secondo cui una parte non può ottenere un giusto indennizzo o affermare una difesa equa se quest’ultima ha violato un principio equo, come la buona fede. • Un tale parte è descritta come se avesse le “mani sporche”. Ad esempio, la sezione 8 della Legge Uniforme sulla Competenza sulla Custodia dei Figli contiene una disposizione sulle “mani sporche” che vieta ad un giudice di esercitare giurisdizione in una causa di custodia dei figli in determinate situazioni, come quando una delle parti ha illecitamente trasferito un bambino da un altro Stato, ha impropriamente conservato l’affidamento dei figli dopo la visita o ha un figlio illecitamente trasferito dalla persona con custodia. La dottrina mani pulite si è evoluta dalla natura discrezionale di sollievo equo nei tribunali inglesi di equità, come Chancery. – Anche chiamato dottrina mani sporche. [Casi: Azionari (; :::::> 65.]
clausa rebus sic stantibus (klawz,) ree-b <ls sik stant,) – b,) s). [Legge Latino] Int’llaw. 1. Una disposizione del Trattato che indica che il trattato è vincolante solo fino a quando le circostanze esistenti al momento in cui fu firmato rimangono sostanzialmente le stesse. 2. Una dottrina con cui la legge fornisce una simile disposizione di un trattato che non ne prevedere espressamente una, REBUS SIC STANTIBUS • La dottrina può essere invocata quando un mutamento fondamentale delle circostanze (1) altera la base essenziale per il consenso delle parti di essere vincolate dal trattato, e (2) trasforma radicalmente l’entità delle prestazioni delle parti nell’ambito del trattato. Ma la dottrina non si applica ai trattati che istituiscono i confini geografici. Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati, art. 62 (1155 U.N.T.S. 331,8 I.L.M. 679 (1969)). Spesso abbreviato in clausa. Anche chiamata clausula rebus sic stantibus; clausula.
legame, vb. (16 quater) 1. Per garantire il pagamento fornendo un legame <su insistenza del creditore, Gabriel consolidò e legò i suoi vari prestiti>. 2. Per fornire un prestito obbligazionario per (una persona) <l’azienda legò i lavoratori fuori sede>.
sangue. (Be) Una relazione fra le persone derivanti dalla discendenza da un antenato comune. Vedere RELATIVO.
sangue intero. Vedere sangue completo. sangue intero. (1812) La relazione esistente tra le persone che hanno gli stessi due genitori; ascendenza non miscelata. Anche definito sangue intero, sangue integro.
mezzo sangue. (L7c) La relazione esistente tra le persone che hanno lo stesso padre o la madre, ma non entrambi i genitori in comune. – A volte scritto Mezzosangue. Vedi mezzo sangue sotto RELATIVO.
[Casi: Discesa e Distribuzione sangue ereditario. Hist. Una relazione tra un antenato e un erede che la legge riconosce ai fini del buon titolo per il passaggio di proprietà. Anche definito sangue ereditario. [Casi: Discesa e Distribuzione
legittimo, adj.(appendice) 1. (Azione Ofanragionevoleonesto<legittima disposizione>. 2. (Di una persona) posizione legittimamente acquisita<legittimo erede>. 3. (Di un ufficio o un pezzo di proprietà) del quale si ha diritto <sua legittima eredità> legittimo. Erede diretto. Vedere EREDE.
capostipite, n. (14C) 1. Il progenitore originale di una famiglia, una persona dalla quale una famiglia discende; RAMO (1) <George Harper Senior è il ceppo della linea Harper>. 2. Beni di un mercante che vengono conservati per le svendite o le contrattazioni <il rivenditore del settore automobilistico mette i modelli dell'ultimo anno in svendita per ridurre le sue giacenze>. 3. Il capitale o fondo principale raccolto da una società attraverso i contributi degli abbonati o la vendita di quote azionarie <il capitale azionario della Acme vale molto di più oggi di quanto non valesse 20 anni fa>. 4. Una parte proporzionale del capitale di una società è rappresentato dal numero di unità uguali (o azioni) di proprietà, e attribuisce al possessore il diritto di partecipare alla gestione generale della società e di condividerne il netto profitto o ricavato <provvigione in conto vendite di Julia nelle merci in magazzino della Pantheon Corporation> . Vedi PARTECIPAZIONE (2). Cf. SICUREZZA (4). [Casi:. Corporazioni C; :::: J63.1]
surrogazione (s;} b-r;}-gay-sh;} n), n. (I5c) 1. La sostituzione di una parte con un’altra la quale paga il debito, che conferisce alla parte che paga i diritti,le azioni giudiziarie, o i titoli che altrimenti apparterrebbero al debitore.
, ‘La Surrogazione è l’assegnazione basata sull’equità. Il diritto diviene in essere quando la fideiussione diventa obbligata, e questo è importante in quanto incide sulle priorità, ma tale diritto di surrogazione non diviene causa di azione fino a quando il debito non viene interamente pagato. La Surrogazione autorizza il garante ad utilizzare qualsiasi azione giudiziaria contro il principale (datore di lavoro) che il creditore avrebbe potuto utilizzare, e in generale di beneficiare di ogni vantaggio che il creditore aveva, come ad esempio un prestito ipotecario, un privilegio, il potere ammettere un giudizio, di seguire fondi fiduciari, di procedere nei confronti di un terzo che ha promesso sia al principale che al creditore di pagare il debito: ‘Laurence P. Simpson, Handbook on the Law of Suretyship 205 (1950).
“Surrogazione significa semplicemente sostituzione di una persona ad un’altra, cioè una persona alla quale è permesso mettersi nei panni di un’altra e far valere i diritti di quella persona nei confronti del convenuto. Di fatto, il caso nasce perché, per qualche motivo giustificabile, la parte surrogante paga un debito dovuto dal convenuto. ” Dan B. Dobbs, Law of Remedies § 4.3, a 404 (2d ed. 1993).
privilegio a prima vista(prima facie privilege). Vedi immunità qualificata sotto IMMUNITà (1).
a prima vista, adj. (18c) Sufficiente per stabilire un fatto o avanzare una presunzione salvo smentita o confutazione <che appare a prima vista>.
prima facie (pn-ma fay-sha-orfay shee), avv. [Latino] (L5C) A prima vista, alla prima impressione, ma oggetto di ulteriori prove o informazioni < la prima impressione è valida>. [Casi: Prove 584 (1).]
primae impressionis (pn-mee im-pres [b)-ee-oh-nis). [Diritto latino) Di prima impressione. Vedi caso di prima
impressione sotto CASO. primae preces(prima preghiera-richiesta)Vedere PRIMARIAE PRECES.
Teoria di Jensen. Diritto marittimo. Il principio secondo il quale uno statuto statale non può essere applicato in un caso marittimo se per farlo bisognerebbe "manipolare la sostanza pregiudicando gli aspetti caratteristici del diritto marittimo generale o interferendo con la giusta armonia e uniformità di tale legge." Southern Pac. Co. v Jensen, 244 US 205,37 S.Ct. 524 (1917). [Casi: Workers 'Compensation (; :::> 262.]
appropriazione indebita(jumping a claim). Hist(sst,zitto,abbreviazione di storico???). L’atto di presa di possesso di suolo pubblico che è stato precedentemente acquisito da un altro
un reclamo. _ Il primo occupante ha il diritto alla terra, sia in base al diritto consuetudinario del primo occupante che in base al diritto di prelazione degli Stati Uniti.
jus divinum(diritto divino) (j;} S di-VI-nClm). 1. Vedi LEGGE DIVINA. 2. Vedere LEGGE NATURALE.
jus primae noctis Ods PRJ-mee nok-tis). ["Diritto della prima notte" Latino] Vedi DROIT DU SEIGNEUR(francese,DIRITTO DEL SIGNORE)
jus praesens (JDS pree-Senz o-Zenz), 11. [Latino "diritto attuale"] diritto civile. Un diritto che è stato completamente acquisito, un diritto acquisito.(!faccio presente che in latino si dice hoc jus)
droit-droit (drwah-drwah), n. [Legge francese "diritto doppio"] Hist. L’unificazione del diritto di possesso con il diritto di proprietà. Anche chiamato duplicatum jus; dreit dreit(???).
“Un titolo completo a terre, beni di proprietà, e assi ereditari, Per questo un’antica massima della legge è, che nessun diritto è completamente buono, se non quello di unire il diritto di possesso con il diritto di proprietà, diritto che viene denominato un diritto doppio , duplicatum jus, o droit droit. E quando per questo doppio diritto si unisce anche il possesso attuale … allora, e solo allora, il titolo è del tutto legale. ” 2 William Blackstone, Commentaries on the Laws of England 199 (l766).
droit du seigneur (drwah d “sen-yuur). [Francese" diritto del signore "] Hist. 1. un presunto diritto consuetudinario di un signore feudale di avere rapporti sessuali con la sposa di un affittuario durante la sua prima notte di nozze.
2. Una presunta consuetudinaria richiesta d’astinenza sessuale da parte di una coppia durante la loro prima notte di nozze. Anche detto droit de seigneur. Anche chiamato jus primae noctis(lat.diritto della prima notte).
custodia(di un minorenne) nel terreno di proprietà. Tutela con la quale il Signore è custode di un minorenne affittuario secondo speciale consuetudine.
tutela di ammiragliato, un marinaio così chiamato a causa del profilo giuridico che assume in materia contrattuale,dovrebbe essere trattato come beneficiario e l’altra parte contraente come fiduciario nel caso di un’ingiustizia percepita nelle loro posizioni contrattuali. [Casi: Marinai (; :: J 1.]
Tubman(letter.uom-tinozza) (tab-m; m). Hist. Un avvocato minore nel Tribunale delleScacchiere/Finanze che ha proposto delle mozioni che erano in ordine di precedenza/prioritàseconde a quelle del portalettere/cancelliere. – ‘Il Tubman fu così chiamato perché era posizionato presso una vasca anticamente usata come misura di capacità.
Cf. POSTINO/CANCELLIERE.
presunzione di paternità. (1829) Legge familiare. La presunzione che il padre di un bambino è l’uomo che (1) era sposato con la madre del bambino al momento del concepimento o della nascita (anche se il matrimonio potrebbe essere stato non valido), (2) sposò la madre dopo la nascita del bambino e concordò sia di apporre il suo nome sul certificato di nascita sia di mantenere il bambino, o (3) accolse bene il bambino in casa sua e poi fece passare il bambino come suo. Anche chiamato presunzione di paternità; presunzione di legittimità; presunzione legittimistica. Vedi presunto padre sotto PADRE. [Casi:. Bambini fuori dal matrimonio C = '3]
Negligenza/Morosità, preclusione da. Vedi preclusione da Negligenza in PRECLUSIONE
Laches (Iach-iz). [Legge francese"negligenza;indolenza"] (L4C) 1. Irragionevole ritardo nel portare innanzi un diritto o una rivendicazione quasi sempre legittima – in modo che pregiudichi la parte contro quella dalla quale è richiesta assistenza. Anche chiamato dormire sui diritti. L Casi: Equità (> 67]
“All’inizio della sua storia, Chancery sviluppò la dottrina che, dove il ricorrente alla giustizia ritardava oltre il periodo fissato ai sensi della legge, l’assistenza sarebbe stata rifiutata per motivo di negligenza, anche se non fosse stato mostrato alcun atto pregiudizievole preciso al convenuto. Oggi, nella maggior parte degli stati, ci sono leggi sulla prescrizione applicabili nelle cause di giustizia. Nonostante ciò, però, la dottrina sostiene ancora che, anche se il ritardo è per un periodo molto breve di quello dello statuto,si può ancora impedire un giusto indennizzo se è esoso(o senza ragione?) e pregiudizievole per l’imputato. “John F. O’Connell, Remedies in a Nutshell 16 (2d ed. 1985).
Atto Parentale Internazionale contro il Crimine di Rapimento del 1993. Una legge federale che ha implementato la Convenzione dell’Aia sugli Aspetti Civili della Sottrazione Internazionale di Minori. 18 USCA § 1204. Vedi CONVENZIONE DELL’AIA SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI. [Casi:. Sequestro di C = 24]
adescamento di minore. Diritto penale. L’atto o reato di invitare, persuadere, o il tentativo di convincere un bambino di entrare in un veicolo, edificio, stanza o luogo appartato con l’intento di commettere un atto sessuale illegale contro il bambino. – Spesso abbreviato in adescamento. [Casi:. Neonati (; = 13]
adescamento di un genitore. Raro. Reato civile. L’interferenza a danno dei diritti del bambino e degli interessi nel mantenimento del rapporto genitore-figlio, usualmente causato da una terza persona che induce un genitore ad abbandonare il bambino. • Azioni incentrate su adescamento, quando sono riconosciute, sono raramente di successo perché molti Stati non riconoscono il diritto legale di un bambino al matrimonio dei genitori o al loro affetto.
embryo informatus (in-for-may-tas).Legge ecclesiastica. Un embrione umano prima che sia stato dotato di un’anima. – Anche chiamato embryo inanimatus. embryo adozione. Vedere ADOZIONE.
emend (i-Mend), vb. (15c)(ingl. emendare) Per correggere o rivedere, integrare o modificare (di un testo).
emenda (ee-men-da), n. pI. [Latino "modifica"] cose date in risarcimento per una violazione.
emendatio (ee-men-day-shee-oh), n. [Latino] Hist. Il potere di modifica e rettifica di abusi, secondo certe regole e misure.
Atti neri. Diritto scozzese. Statuto del Parlamento scozzese emesso dal 1535 al 1594 e registrato in un libro stampato in caratteri gotici.
Libro nero dell’Ammiragliato. Legge inglese. Un codice medievale del diritto marittimo recante leggi dell’ammiragliato, ordinanze e procedure, decisioni e atti del monarca, il Grande Ammiraglio, e la Corte dell’Ammiragliato. • Il libro nero è considerato una fonte definitiva per il diritto consuetudinario marittimo inglese. Esso contiene anche una copia del Regolamento di Oleron, una raccolta dell’XI secolo di comune diritto marittimo.
Black Book dello Scacchiere (erario? – tribunale finanziario)Hist. Un libretto contenente i trattati, convenzioni, statuti, bolle pontificie, e altri documenti di Stato inglesi. • Risale al secolo XIII. – Anche chiamato Liber Niger Parvus.
certificato di nascita. Un documento ufficiale che registra la data di nascita di una persona, il luogo di nascita, e la parentela.
• In tutti i 50 stati, un figlio adottivo riceve un secondo certificato di nascita che riflette i suoi genitori adottivi. In tal caso, il certificato di nascita originale è normalmente Sigillato e può essere aperto solo per ordine del tribunale. Alcuni stati consentono l’accesso limitato, a seconda degli anni in cui un bambino adottato è nato e (a volte) sul consenso dei genitori naturali. La tendenza oggi è quella di aprire il certificato se (1), sia il bambino che il genitore biologico lo consentono- per esempio, attraverso un’adozione registrata, o (2) su richiesta del bambino e, al momento della notifica, il genitore biologico non pone il veto alla richiesta. Oregon emanò il primo statuto per consentire l’accesso ai registri di nascita sulla richiesta unilaterale del bambino adottato, una volta che il bambino raggiunge la maggiore età. Vedi STATUTO SUL REGISTRO D’ADOZIONE- .lCases:. Salute (:::::> 397]
corte vescovile. l. Un tribunale ecclesiastico tenutosi abitualmente nella cattedrale della diocesi e presieduta dal cancelliere del vescovo. 2. Hist. Legge ecclesiastica (Cap.) Un tribunale tenutosi abitualmente nella cattedrale di una diocesi, il giudice è il cancelliere vescovile, che applica il diritto civile canonico. • La giurisdizione include ricorsi da parte della Corte dell’Arcidiacono. In una grande diocesi,il cancelliere del vescovo avrebbe commissari nelle zone più remote che tengono tribunali Concistoro. Vedere CORTE CONCISTORO.
regola del mordere(mordi e fuggi?). Una regola interpretativa che una volta che un atto o volontà di donazione in denaro semplice, una successiva disposizione che tenta di ridurre, modificare o qualificare il contributo sarà ritenuta nulla. [Casi:. Deeds (:::::> 124; Wills (:::::> 601 (2)]
nascita. L’emersione completa di un neonato dal corpo della madre
• La citazione seguente indica la visione legale tradizionale della nascita.. In un paio di giurisdizioni, lo stato della legge può cambiare. In South Carolina, per esempio, un bambino non deve essere nato vivo per essere una vittima di omicidio; una donna può essere condannata per omicidio fetale se il bambino è nato morto a causa dell’abuso di droga prenatale della madre.
“Ai fini del diritto penale e anche per quelli del diritto di proprietà, ad esempio, per diventare un titolare di proprietà e quindi trasmetterlo nuovamente ai nuovi eredi, o per consentire al padre di ottenere usofrutto a vita delle terre della moglie, la nascita consiste nell’estrusione dal corpo della madre , vale a dire essere ‘venuto al mondo.’ Se però un piede rimane incastrato, non vi può essere omicidio, l’estrusione deve essere completa, l’intero corpo del bambino deve essere portato nel mondo. Ma non è necessario che il cordone ombelicale sia stato reciso. E per essere nato vivo il bambino deve essere ancora in uno stato di vita, dopo aver completamente abbandonato il corpo della madre. ” j.W. Cecil Turner, Kenny’s Outlines of Criminal Law 104 (l6th ed. 1952).
1 loc. latina (propr., stando così le cose). Clausola di valore giuridico, che nel linguaggio comune significa la possibilità di trarre una conclusione dopo un attento esame di una situazione. In diritto privato è una clausola risolutiva di un contratto per i mutamenti avvenuti da quando il contratto era stato stipulato; in diritto internazionale la clausola ha lo stesso significato nel caso di accordi internazionali. Secondo alcuni autori tale clausola sarebbe tacita, ma implicita all’accordo; per altri invece agirebbe in tal caso la consuetudine invalsa d’intendere la norma generale pacta sunt servanda con una certa elasticità, per cui non si potrebbe negare valore risolutivo alla clausola rebus sic stantibus In ogni caso però la clausola non opera automaticamente, ma ha valore solo se accettata dall’altra parte contraente e non esclude la possibilità di composizione arbitrale o giudiziaria –http://www.sapere.it/enciclopedia/rebus+sic+stantibus.html
Indica la particolarità di una situazione in relazione a dei provvedimenti da prendere al riguardo; dal momento che le cose cambiano col passare del tempo, dovranno cambiare anche le decisioni al riguardo. Un modo equivalente per enunciare lo stesso concetto è Quae cum ita sint – http://it.wikipedia.org/wiki/Rebus_sic_stantibus
2Starr o starra, era un termine usato prima del 14 ° secolo in Inghilterra per il contratto o l’obbligazione di un Ebreo. Esso deriva dal documento “Shetar ebraico”. [1-Henry C. Black, Black's Law Dictionary, rev. 4th ed. 1968. ]
Con un’ordinanza di Riccardo I, il contratto starr non inglese era valido solo se depositato in uno dei depositi specifici, il più noto dei quali è stato l’erario del Re a Westminster. [1-Henry C. Black, Black's Law Dictionary, rev. 4th ed. 1968. ] È possibile, ma non è affatto certo, che come risultato la stanza dove sono stati conservati divenne nota come “camera degli Starra”. [2-William Blackstone, Blackstone's Commentaries on the Law, 266, 267, note a.]
3 da non confondersi col Certificato di Nascita rilasciato dai Comuni che attesta l’evento della nascita dell’intestatario (nome, cognome, data e luogo di nascita) o l’Estratto di Nascita che è un riassunto dell’Atto di nascita ed indica anche l’ora di nascita e può contenere eventuali annotazioni (matrimoni, divorzi, decesso, eventuali aggiornamenti di cittadinanza) o la Copia Integrale dell’Atto di nascita che è la fotocopia autenticata di tutti i dati contenuti dell’Atto di nascita
4 Ius praesens. Nel diritto civile, il diritto presente o acquisito, un diritto già completamente acquisito. Mackeld. Rom. Legge, § 191. – http://www.legaladvice.com/dictionary/index/page/8060
5 NdT vedi anche nota3: nella giurisdizione italiana distinguiamo l’Atto di Nascita, documento originale di più pagine in cui sono riportati tutti i dati del soggetto come data, luogo e ora di nascita, genitori, matrimonio, divorzio, morte ed ogni evento importante ai fini giuridici e pare anche la propria discendenza, ma questo è da verificare; conservato fino a prova contraria nel relativo Registro di Stato Civile. Corrisponde all’equivalente anglosassone della loro “Long Form” – lo “Short Form” di cui si fa menzione corrisponde al nostro Certificato di Nascita con solo i dati essenziali – tutti questi documenti, in qualsiasi paese del mondo, sono rilasciati in copia conforme all’originale o autenticata dall’ente che effettua il rilascio, da noi il Comune – a quanto pare l’originale non è fisicamente visibile a meno di non essere un Ufficiale del registro di Stato Civile. 



Fonte:  http://www.sovranitaindividuale.it/sovranita-personale/clausola-rebus-sic-stantibus/




Questo articolo può essere condiviso e divulgato rispettando il lavoro svolto citando la fonte dello stesso Blog e le relative fonti esterne citate dallo stesso.

Diario di una ragazza indaco di Michela Marini © COPYRIGHT 
Distribuito con Licenza Creative Commons