Questo blog rappresenta un diario di viaggio. Tenta di donare spunti per entrare in contatto con voi stessi.
E' importante ricordare sempre che le nozioni apprese dall'esterno sono solo un input e che le risposte sono da sempre presenti in voi.

venerdì 18 luglio 2014

Movimenti Animici, 1 : Kryon canalizzato da Lee Carroll



Movimenti Animici, 1

Kryon canalizzato da Lee Carroll



Auckland, Nuova Zelanda - 22 Marzo 2014

Canalizzazione dal vivo



Cari Esseri Umani, voi volete “singolarizzare” ogni cosa. Avete la tendenza a prendere quello che capite nella vostra dimensione e di applicarlo su Dio. Non ci sorprende che lo facciate e non c’è giudizio, poiché è tutto quello di cui potete servirvi come guida. La vostra realtà per voi è la realtà, e quindi la applicate anche su Dio. È quello che conoscete. Tuttavia, sta a me darvi di nuovo questa spiegazione su ciò che voi chiamate anima Umana, che non è proprio per nulla Umana.

Vorrei dirvi questo: la Fonte Creatrice dell’Universo c’è sempre stata e sempre ci sarà. Quello di cui ora parliamo è quel che voi chiamate Fonte Creatrice, ciò che avete definito come Dio oSpirito. Se diceste che questo concetto include il frammento ditutto ciò che è, avreste ragione. Questa Fonte esisteva prima ancora dell’esistenza di questo Universo. È lei l’origine di tutto ciò che ovunque esiste, compresi gli universi prima del vostro e quelli che ora coesistono con il vostro. È l’origine delle cose che conoscete, di quelle di cui non conoscete nulla e di quelle che non conoscerete mai. Questa è la Fonte Creatrice che voi chiamate Dio. È un brodo quantico di energia che va ben oltre la fisica che conoscete.

È in un ambito di realtà completamente a sé stante: è Dio. È una cosa spettacolare e meravigliosa, e tu c’eri! C’eri perché tu – la tua stessa essenza – fa parte di quest’ambito che è Dio. Voglio che lo capiate davvero bene: riesci a immaginare com’è essere in tale realtà? È uno stato che ti permette di vedere, letteralmente, ogni parte del vostro bellissimo Universo, compreso il momento stesso della creazione. Immagina di essere davanti a una supernova, osservarla esplodere, vederne tutta l’energia sapendo che il tutto fa parte della fisica naturale, del processo della creazione e dei cicli dell’energia… e non ti causa nessun danno guardarla.

Potresti vedere e ascoltare tutto ciò che è osservabile e udibile di ogni dimensione esistente! I tuoi sensi sarebbero così sensibili e acuti da poter distinguere cose a grandissima distanza mentre accadono tutte contemporaneamente intorno a te, e saresti anche in grado di individuarle e vederle tutte, a prescindere da dove stiano accadendo, continuando a osservarle a tuo piacere. La Fonte Creatrice è così. Tutto ciò che tu immagini come Dio è più grande di quanto puoi immaginare! E tu eri lì a farlo.

In questo contesto abbiamo solo la parola tu, ma io non sto parlando del tu Umano, quello che sei ora. Tu sei parte di me e io sono parte di te. Per noi questa è la cosa più difficile da spiegare, ma continueremo a insegnarla perché è una verità fondamentale. La mente lineare non riesce a comprenderla, e questo è anche voluto. Se potessi vedere chi sei veramente, non te ne resteresti lì come chi pensi di essere. Chi sei veramente ti è nascosto.

Alcuni insegnamenti della nuova energia consistono in un’espansione di coscienza così da vedere meglio chi siete veramente. In questo stato di coscienza espansa non si scoprono una nuova biologia o nuove invenzioni, ma ti accorgi del chi, quando arrivi al chi che è in te. Il Creatore pervade ogni molecola del DNA. La sua presenza non può essere specificata o misurata. Quindi, carissimo, non puoi neppure contare le anime sul pianeta perché non sono singole o conteggiabili.

Il brodo di energia che è Dio diventa la tua anima, e qui viene la parte difficile. Se pensi di essere confuso prima ancora che io abbia finito, allora aspetta. Ciò che devo rivelare non è qualcosa che tu possa assimilare facilmente, e non è qualcosa che sei veramente pronto a capire del tutto. Ma, anche nella tua confusione, voglio che tu veda la grandezza di tutto questo.

La cosa più grande è che tu sei una parte della Fonte Creatrice. Quando si tolgono le restrizioni dell’umanismo, caro Essere Umano, il Dio in te comincia a mostrarsi. Tu non sei una parte di Dio, tu sei Dio! E questo perché il brodo di Dio non si compartimentalizza scivolando in corpi Umani che hanno nomi e personalità. Ed è di questo che voglio parlarti.


Le anime non sono “singole”

Questa è una cosa controversa per il vostro intelletto! Le anime che voi dite “vostre” non sono singole, ma fanno parte dell’intero. Cosa facile da dire, ma difficile da afferrare. Quando incontrate un altro Essere Umano e lo salutate con “Namasté”, state onorando il Dio in voi salutando il Dio in lui. Avete mai pensato che potesse essere la stessa anima? Sono lo stesso Dio? Allora devono essere la medesima anima! Ma voi non pensate così. Pensate che voi avete la vostra anima e l’altro la sua. È questo che pensate, ed è quanto di meglio potete fare, poiché se unite le due insieme la vostra mente lineare ha problemi di logica.

La mente, che è lineare, vede la vostra anima come soltanto vostra, e già questa cosa vi impedisce di capire questo messaggio. Ciò che sto dicendo è che quando voi attraverserete il vostro ponte della comprensione amplierete la vostra prospettiva. E ciò non toglie assolutamente nulla alla magnificenza della vostra anima.

Non esiste qualcosa come “un’anima singola” perché essa è sempre connessa con l’intero. Il “brodo” che è Dio è sempre in uno stato di “brodo”. Lo potreste definire un collettivo, se volete, perché non è separato dall’intero. Le sue parti e frammenti, se così volete chiamarle, albergano nella coscienza Umana; voi identificate queste parti come vostre personali, ma esse sono ben più di questo. L’insegnamento di quest’anno del mio partner sarà sui nove attributi dell’Essere Umano. Tre di questi attributi fanno parte del gruppo animico, e lui ne parla come del nucleo. Il nucleo è quello che percepite quando entrate nello stato di meditazione profonda. Qui toccate il nucleo e pensate che sia voi. Ebbene, non lo è! È tutti! Ecco perché lo si percepisce così stupendo. Non voglio che pensiate che si tratti di un’entità estranea dentro di voi, assolutamente. Si tratta di voi, ma il voi più grande. Voi siete Dio.


L’anima non è limitata agli Umani, e non sta “imparando”

Ora demolirò alcuni paradigmi che vi sono stati insegnati. L’anima Umana, come voi la chiamate, non appartiene agli Umani; fa parte della creazione in ogni parte dell’Universo. Quindi, altre entità biologiche spirituali hanno un’anima proprio come la vostra. Non tutta la vita intelligente della vostra galassia ha un’anima, soltanto quella “inseminata” di spiritualità. Ne parleremo in un altro momento, ma diciamo questo affinché capiate che l’espressione stessa “anima Umana” non è corretta.

Non esiste qualcosa come un’anima in “stato d’apprendimento”. Le anime non imparano, sono gli Umani a imparare. Tuttavia vi è stato detto che le anime vanno e vengono al fine di imparare qualcosa. Vi hanno detto che alcune sono più sagge di altre. Il mio partner usa l’espressione vecchia anima, che può creare confusione. Siete tutte vecchie anime, solo che alcune sono state degli Umani più a lungo di altre. Lo stesso termine vecchia anima non ha proprio senso, perché non esiste il tempo per l’anima. Le anime sono sempre state e sempre saranno parte di Dio. Quindi, in realtà, vecchia anima non è una definizione corretta, ma gli Umani continuano a usarla perché assume un diverso significato quando si è nella realtà 3D. È la descrizione di un Umano che ha vissuto moltissime vite.

Ascoltate: non esiste qualcosa come delle anime che sono in apprendimento per diventare delle anime migliori. Alla fine non vanno neppure in qualche posto dove sono anime promosse. È un condizionamento mentale dell’Essere Umano che si attacca alla realtà Umana. Gli Umani imparano, gli Umani vengono promossi, gli Umani passano da un livello all’altro. Le anime no, carissimi. Voi avete semplicemente apposto la vostra realtà su un altro sistema, non comprendendo che non è come voi pensate. Quindi abituatevi a questa e altre cose riguardo all’anima. L’anima non ha una realtà Umana. L’anima ha la realtà di Dio.

E se vi dicessi che la vostra anima è identica nella sua magnificenza a ogni altra anima sul pianeta? State pronti: chi è l’Essere Umano peggiore che vi viene in mente? Che sia un personaggio storico, vivo o morto… chi è il peggiore? Sapete una cosa? Lui o lei hanno la stessa anima che avete voi, un frammento perfetto di Dio che si può scoprire o meno. Questo vi dice molto sulla libera scelta. Vi dice che quello splendido frammento di Dio è disponibile, nella sua piena potenza, per ogni Umano che desidera vedere.

Una volta vi abbiamo dato una canalizzazione [1] su quali erano leregole dello Spirito. La prima regola è che noi non possiamo interferire con la libera scelta dell’Umano. Noi vi vediamo compiere errori e voltare le spalle alla vostra magnificenza interiore, ma non possiamo interferire e neppure inviarvi dei segnali. Vi vediamo sviluppare il male e alimentarlo; vi vediamo uccidere e fare cose orrende, a volte anche nel nome di Dio, e non possiamo fare nulla. Dovete essere voi a fare la scelta. Coloro che sono stati Umani più a lungo su questo pianeta fanno delle scelte migliori. A un certo livello, sono coscienti del Dio in sé. Questo è solo un aspetto che voglio demistificare. Non esistono “livelli” di apprendimento per le anime.


Non esistono avanzamenti di livello per l’anima

Questo punto assomiglia al precedente, ed è: non esistono avanzamenti di livello per le anime. Gli Esseri Umani hanno l’idea che un’anima possa iniziare come animale per progredire a Umano. Secondo questo pensiero, in qualche modo, l’anima attraversa un certo numero di incarnazioni da Essere Umano meno evoluto – o forse da animale – per essere promossa a saggia vecchia anima. Non funziona così.

Ripeto, carissimo, che la realtà Umana e la vostra natura logica Umana di base crea livelli di avanzamento per voi; e voi, dopo, applicate questo sistema su Dio e poi lo insegnate. Non capite che questo è sminuire la Fonte Creatrice? «Kryon, intendi dire che gli animali non hanno l’anima?» Non ho detto questo. Gli animali hanno un diverso tipo di ciò che voi chiamate anima. Sì, certi animali si reincarnano, questo ve lo abbiamo già detto. Ma, ascoltate: il sistema non attraversa mai la barriera tra animale e Umano, mai.

L’energia del Creatore che voi avete è preziosa e sacra. In questa galassia appartiene a entità che sono state inseminate di spiritualità e alle quali è stata data la libera scelta di espandersi a uno stato asceso. Questo è ciò che hai in te, Essere Umano, e non è presente in un delfino, in un cane o in un cavallo. Appartiene al tuo DNA Umano spirituale e fa parte di un grande piano. Non ha inizio come animale. Ci sono alcuni che credono davvero che a un’animale inferiore corrisponda un’anima inferiore. C’è l’idea che si inizi come criceto per poi un giorno diventare delfino e infine Umano. Questa cosa viene ancora insegnata in certe aree della Terra. Voglio dirvi che non è affatto così; questo è un modo di pensare dell’umanismo trasferito a livello di mitologia che non onora chi voi siete o ciò che alberga in voi.

Quindi non c’è alcun apprendimento, non ci sono livelli di avanzamento e non esiste una gerarchia. «Aspetta un attimo, Kryon. Cosa dici degli arcangeli e degli angeli?» Ne abbiamo parlato in passato. Tutta la categorizzazione dello Spirito è una vostra organizzazione Umana. È qui che lo organizzate secondo ilvostro ordine di importanza e con nomi che voi attribuite. Questa è un’attribuzione Umana, miei cari, e non di Dio. Non esistono un sistema gestionale o degli organigrammi con Dio. Non c’è una gerarchia di responsabilità con Dio. Si tratta, invece, di un sistema conosciuto da tutti sul mio lato del velo. È stupendo, sacro e perfetto: c’è “unione” (oneness).

Ci sono degli scienziati che avendo scrutato nelle sue profondità, stanno cominciando a rendersi conto che l’Universo non può essersi manifestato per caso. Agli Umani viene insegnato che le cose succedono per caso e la conseguenza è l’evoluzione. Alcuni scienziati entrano in conflitto con quel che osservano perché è estraneo al paradigma di una realtà evolutiva della vita che è avvenuta per caso. Le probabilità fanno propendere verso un sistema benevolo che è stato progettato.

È vero: la vostra galassia è stata progettata così. È stata creata per la vita e strutturata in modo da permettere ciò che al momento sta accadendo: far sì che siate su questa Terra e che stiate ascoltando queste parole. Il tutto riguarda voi e la libera scelta di scoprire la parte-Dio, l’anima dentro di voi. È davvero così. Su questo pianeta tutto gira intorno all’Essere Umano e, a un qualche livello, molti animali lo sanno. Tuttavia, il processo che voi arrivaste a comprenderlo è stato lungo. Ora, quindi, la questione è comprendere meglio il sistema spirituale che vi supporta.


Voi contro il mondo

Non andate contro il sistema quando uscite e vedete cose che pensate di non poter controllare. Le cose vi capitano: a volte perfino il meteo vi sembra nemico e altre volte vi sentite respingere da tutte le parti. Molti si sentono come se fossero loro contro il mondo intero. È così che voi vi sentite? Non sapete che tutte quelle cose sono per invitarvi a cambiare? Forse conoscete degli Umani che hanno avuto delle vite veramente sfortunate; persone a cui sono capitate cose brutte in ogni circostanza! Caro Essere Umano, quegli Umani hanno in realtà avuto la grandiosa occasione di toccare il fondo e di prendere la mano di Dio (forse più volte!), e invece si sono sentiti delle vittime, e lo hanno spesso proclamato! Sono così, quindi continuerà a succedergli. Per libera scelta molti hanno voltato le spalle all’idea di essere capaci di poter controllare la propria vita; una decisione di questo tipo spesso crea un maggior numero di eventi accidentali e il non controllo sulla propria vita. Questo è un percorso che loro hanno volutamente preso. Alcuni si crogioleranno in una vita di dolore, mentre altri prenderanno la mano di Dio e andranno avanti.

Questi sono punti di decisione che noi offriamo continuamente all’umanità. Carissimi, l’apprendimento non deve per forza passare dal dolore! A volte attiriamo la vostra attenzione con la gioia e la celebrazione. Dipende da voi, da cosa credete e da cosa è attratta la vostra attenzione. Non sapete che gli avvenimenti “accidentali” sono soltanto lo schema iniziale della vostra realtà? Non sapete che la “media” è soltanto uno stato di realtà che esiste solo se non interviene nessun’altra energia a modificarla? Vorrei che ci pensaste sopra… e forse ne parleremo ancora più tardi.

La vostra anima è eterna. È immutabile. È perfetta e meravigliosa. Come la chiamate? Sé Superiore? È un buon nome. È il sé con una vibrazione superiore al vostro voi; è una parte di Dio. Tuttavia voi volete che questo sé porti il vostro nome, non è così? Non sapete che l’anima non ha nessuna personalità? L’anima non ha nessuno degli attributi dell’umanismo. Oh, se solo potessi darvi tutto il quadro! Vorrei tanto che lo poteste vedere! Nell’Universo vi è una perfezione che voi condividete con ogni altro singolo Essere Umano sul pianeta. È in voi, pronta a svilupparsi. Sapete cos’è veramente una coscienza Umana sviluppata? È lei che forma il punto di connessione con l’anima. È quando iniziate a comprendere veramente che siete tutti uguali.


Le religioni del pianeta sopravvivranno alla nuova energia?

In passato abbiamo parlato dell’evoluzione dei sistemi spirituali (religioni) del pianeta. Abbiamo detto cosa aspettarvi e di osservare come le religioni organizzate sarebbero cambiate. Di fatto, sta già succedendo. Pian piano si arriva a comprendere che i vostri sistemi riflettono semplicemente l’idea di rami di uno stesso albero, e non sono tra loro opposti ma solo diversi. Ne parliamo perché mostra come l’anima collettiva ha un ruolo in questa consapevolezza.

Alla domanda se la religione sopravvivrà, la risposta è: sì. Vi abbiamo già detto che non ha importanza come gli Umani scoprono Dio. Non ha davvero importanza! La consapevolezza Umana ha diversi livelli che vengono rappresentati dalle diverse modalità di adorare e crescere. Per diventare illuminate, le diverse culture non devono amalgamarsi in un solo gruppo. È importante che tutti i vari sviluppi rimangano, così che gli Esseri Umani che sono all’inizio possano aver accesso a qualunque processo spirituale desiderino, abbiano il tempo che a loro serve nel rispetto dei loro tempi di apprendimento. La ricerca di Dio è unica per ogni Essere Umano.

Quindi, cosa dire delle religioni organizzate? Come cambieranno? Si comincerà osservando che c’è una connessione, ed è quanto noi insegniamo. Quando le religioni del pianeta dialogheranno tra loro e comprenderanno di essere sì uniche ma di avere uno stesso elemento compassionevole, si rilasseranno. Quando ciascuna capirà che è bene seguire il culto che desidera e nello stesso tempo riconosce questo stesso diritto alle altre, ci sarà più saggezza. Vedrete su questo pianeta un’espansione di consapevolezza spirituale, maggiore conoscenza, comprensione e compassione. Ma fin quando resteranno in gruppi separati dove ciascuna affermerà di “avere ragione” e non dialogherà con le altre, non ci sarà alcun sviluppo. Ma questo già lo sapevate, non è vero?

La religione non perderà di valore né scomparirà. Infatti, diventerà più grande ! Fate caso a un miglioramento nella comprensione reciproca tra i sistemi religiosi. Vi allarmate se vedete separazione e intolleranza, eppure esistono da lungo tempo. Nella nuova energia questa sarà la dimostrazione di un livello di coscienza più basso e non proveniente da Dio. Il cambiamento sarà ovunque.

Non è interessante che sul vostro pianeta si comprende chiaramente il concetto di un solo Dio? Che esiste un solo Dio è un concetto riconosciuto dalla maggior parte degli Umani sulla Terra. Inoltre, la maggior parte delle persone crede che esiste una vita dopo la morte. Eppure voi segmentate voi stessi in migliaia di “correnti dottrinali” che definiscono chi adora l’unico Dio nel modo giusto, e che quelli che non lo fanno saranno in qualche modo lasciati indietro. Questo atteggiamento cambierà e riguarderà la connessione e la compassione reciproca.



I walk-in/Condivisione animica

Ciò che ora vi dirò metterà grandemente alla prova la vostra percezione di questa connessione. Apriamo l’argomento della condivisione animica. Questo non vi piacerà, carissimi, perché rompe il paradigma del vostro modo di pensare tradizionale.

Partiremo dal semplice per arrivare al complesso. Condivisione animica: avete mai sentito parlare di walk-in? Molti sì. Parliamo di cos’è, di cosa pensate sia, cosa vi hanno detto in merito e, infine, delle questioni di logica e singolarità che lo riguardano. Ve ne hanno spesso parlato così: un Essere Umano muore per poi ritornare, solo che, per ritornare in breve tempo saltando il periodo di crescita dai 7 ai 15 anni, diventa un “walk-in”. Al fine di adempiere quanto prima ai suoi compiti spirituali, si accorderà su una condivisione animica con un altro Essere Umano vivente “entrando” in lui approssimativamente intorno all’età di 13 anni. Questo è un walk-in per come lo conoscete voi. Per cui, da ora, si suppone che ci siano due anime in un corpo. Mi avete seguito, fin qui?

Ora, questa caratteristica del walk-in vi fa domandare: «Cosa succede all’anima originaria? Acquisisce una posizione secondaria? Se l’Umano si chiama Sally e l’altra anima che entra era abituata a essere Henry, cosa succede?» C’è di che confondersi. «Cosa pensa Henry che, essendo in Sally, si trova di un altro genere sessuale? Possono coesistere? Uno dei due retrocede? Chi sta davanti? Oppure, semplicemente uno lascia e torna indietro? Come funziona?»

Gli Esseri Umani che amano le cose esoteriche si sfregano le mani e discutono tra loro chiedendosi: «Com’è possibile? E poi che cosa si fa?» Noi vi siamo accanto, vi osserviamo e diciamo: di cosa state parlando? Qual è il problema?

Voi fate una discussione 3D, e la logica di tutte le vostre elucubrazioni rivela la vostra tendenza al “singolo”. Henry e Sally non hanno nessun problema! Vedete, ciò che voi non sapete e che non avete ancora scoperto è che non ci sono due anime in quel corpo! Ce n’è solo una ed è chiamata Dio. La distinzione Henry-Sally è soltanto vostra. Un’anima che si unisce a un’altra e la condivisione animica è come Dio con Dio. È voi con voi. Solo diventa più grande. Brodo si è aggiunto a brodo, e ora ce n’è di più.

Ci saranno discussioni del tipo: «Beh, quali attributi Akashici appartengono a Sally e quali a Henry?» E se vi dicessi che si combinano? E se vi dicessi che con un walk-in le cose diventano solo più grandi? Vi andrebbe bene? E se vi dicessi che il fine del walk-in è un’Akasha combinata? Così le esperienze di molte vite possono combinarsi con un altro Essere Umano come una. Ora, ciò confonde, dato che voi volete che ce ne sia solo una. Vedete, la cosa è più ampia di quel che pensate.

Non ci sono indovinelli da risolvere con la maestosità di Dio. I walk-in sono molto comuni, specialmente nel caso di una vecchia anima che trapassa e poi ritorna velocemente in qualcuno che è già cresciuto biologicamente. È un sistema benevolo, una corsia preferenziale per far sì che le cose avvengano meglio di quanto altrimenti sarebbero state e anche in meno tempo. Ora, questo era facile, ma le spiegazioni che seguono, se già siete confusi, vi confonderanno ancor di più.



Anime compagne/Condivisione animica

L’argomento che segue riguarda le anime compagne. Non sempre è quel che pensate. Ecco un esempio: una persona ne incontra un’altra e hanno una connessione. Non importa se non è sentimentale, anche se le cose sono più confuse proprio in merito a quell’aspetto. Ciò può venire da una vita passata come fratelli o sorelle, madre o padre, ma i due si riconoscono l’un l’altro. Si piacciono. S’intendono con uno sguardo e ne sono sorpresi. Possono aver passato intere vite insieme per avere una tale affinità di pensieri, modo di pensare e di interessi. C’è veramente un’attrazione che basta stare insieme perché rappresenta qualcosa di veramente speciale, e voi questa persona la chiamate anima compagna.

E se vi dicessi che avete appena incontrato una parte di voi stessi? Ve lo avevo detto, carissimi, che è strano. E se la condivisione animica fosse semplicemente qualcosa per cui voi incontrate una parte di voi in un altro Essere Umano? Adesso molti si alzeranno e se ne andranno dicendo: «Non fa per me. Questo non è per me.» Caro Umano, vorrei che ora usassi il tuo discernimento e la tua logica spirituale. Se Dio non è qualcosa di “singolo” e tu sei una parte dell’intero, e tutti sono in te e tu sei in tutti, allora perché trovarlo così strano? Quando vedi una parte di te in un altro Essere Umano, perché dovrebbe essere così insolito? Rientra nel modo in cui funziona la condivisione animica. Invece di vedere Dio in quella persona, vedi te in lei! Forse in passato siete stati insieme come walk-in condividendo un solo corpo Umano, e ora siete nuovamente in due corpi. Questa è un’anima compagna. Non c’è da meravigliarsi se ti senti attratto da quella persona e lei si sente attratta da te!

La condivisione animica non può essere spiegata in modo soddisfacente a un Essere Umano a un-digit e tutto quello che seguirà lo complicherà ulteriormente.



Reincarnazione/Condivisione animica

Ora parlerò della condivisione più complessa, e poi vi farò un esempio. Vi ho detto che c’è un sistema di reincarnazione che onora la famiglia e che questo sistema salta di una generazione, almeno, la reincarnazione all’interno di una stessa famiglia. La maggior parte delle volte ci si reincarna saltando due generazioni, ma capita spesso anche a generazioni alterne. Questo permette a delle nuove anime di arrivare in apprendimento e alle vecchie anime di essere i loro figli o i loro genitori. È una mescolanza utile a tutti. Per esempio, vecchia anima, i tuoi figli probabilmente non sono vecchie anime, ma i tuoi nipoti lo sono (o lo saranno). Il salto di una generazione o due è molto comune. È molto comune vedere i propri genitori negli occhi di questi bambini.

Alcuni di voi sanno cosa intendo, perché – in generale – dite di conoscere bene i vostri figli ma quando poi arrivano i vostri nipoti vedete in loro qualcosa che riconoscete come particolare. Ora, voglio essere molto chiaro anche se non mi è facile. Tutto questo parlare di reincarnazione e salti di generazioni è per voi comprensibile e lo accettate fin tanto che i nonni sono morti. Ma se fossero ancora in vita, avreste un problema. Com’è possibile che i vostri genitori (viventi) siano i vostri nipoti se sono ancora vivi? Cosa ne pensate? Guardate negli occhi dei bambini e vedete chi sono, ma non può essere! Oppure sì?

La risposta è che è possibile, e questa è condivisione animica. Non è complicato se i vostri genitori sono morti, ma è molto complicato se sono ancora in vita. Capite che questo è un puzzle prodotto dalla linearità Umana? Non è un rompicapo per Dio. Non avete sentito dire in fisica quantistica che la luce può essere in due luoghi nello stesso tempo? Benvenuti in una nuova realtà! Non è così complicato quando lo si porta fuori dal vostro schema 3D.

C’è dell’altro, e domani parlerò della differenza tra l’ereditarietà Akashica e quella chimica. Stiamo davvero facendo una miscela di tutto. Quindi, ora che avete messo il bastone in quello che vi è stato detto e l’avete rigirato ben bene, chi siete voi? È possibile che più vi conoscete l’un l’altro più vedete lo stesso Dio in tutti voi? La connessione è la soluzione ai problemi dati dalla varietà Umana, il vostro secolare non andare d’accordo.

Verrà il giorno, miei cari, che se procederete con la stessa progressione che altri su altri pianeti hanno avuto prima di voi, verrà il momento che riconoscerete il medesimo Dio prima in tutti gli Umani, e in un secondo tempo nelle personalità diverse da voi. Questo è il segreto della pace sulla Terra.

Guardare gli altri Umani e riconoscere che i loro desideri sono gli stessi vostri è una sorta di compassione. Alla fine, ciò creerà generosità, e non prepotenza e conquista. Cominciate osservando ciò che avete in comune e non le vostre differenze. Molti vi osserveranno, e noteranno la vostra gentilezza e maturità da come vivete la vostra vita giorno per giorno. Questo è il solo mezzo che avete per insegnare Dio ad altri Esseri Umani. Fate che vedano gli attributi di Dio in voi.



La storia di Evelyn, la pianta perenne

Voglio raccontarvi una breve storia e poi chiuderemo. Voglio raccontarvi di Evelyn, la pianta perenne. Sapete, a volte le parabole non sono molto logiche. Dato che sono delle metafore dovete lasciar perdere la logica 3D e semplicemente ascoltarle. In realtà, Evelyn non esiste in natura ma è una storia che ben si avvicina a ciò che la natura fa che potete comprendere.

Evelyn riconosceva la sua essenza di pianta. L’essenza di Gaia era lì, e sapeva di essere Evelyn, la pianta. Aveva piena consapevolezza della grande pianta che era. Il suo scopo, l’unico suo scopo, era di crescere quanto più possibile, alta quanto più possibile e di fornire la sua parte di ossigeno al pianeta per l’umanità.

Evelyn aveva delle radici come tutte le piante, e sentiva le sue radici allungarsi in profondità dove assorbivano le sostanze di cui aveva bisogno per crescere, gli elementi del suolo della Terra. E cresceva sempre più alta. Più s’innalzava, più le sue radici si diramavano per ancorare la sua grandezza e maestosità in quella foresta.

Ora, Evelyn non era consapevole delle sue radici più di quanto gli Umani lo siano dei loro capelli. Sono talmente tante! Tuttavia una radice in particolare, molto distante da lei, trovò una via verso la superficie e cominciò a svilupparsi verso l’alto. Germogliò e crebbe, e quel germoglio divenne un’altra pianta. Anche quel piccolo germoglio divenne consapevole di Gaia e iniziò a crescere proprio come aveva fatto Evelyn. E aveva anche un nome: Martha.

Evelyn fu poi consapevole della pianta perché era cresciuta. Evelyn osservava Martha crescere, tuttavia Martha era una radice di Evelyn. Infatti, erano ancora attaccate! Dopo un certo tempo, alle radici di Martha successe la stessa cosa. E nel medesimo tempo, anche da Evelyn spuntarono nella direzione opposta altri germogli in superficie. Erano tutte radici di Evelyn, ancora attaccate a Evelyn, ma germogliavano come altre piante con altri nomi. Capite dove voglio arrivare?

Alla fine, formarono una foresta dove le radici erano tutte collegate. La forza vitale dei nutrienti del pianeta erompeva in superficie attraverso ciascuna di loro. Nessuna radice ha inizio o fine, dato che sono tutte collegate le une alle altre e tutte hanno nomi individuali e “coscienza di pianta”.

Ora, domandiamo a Evelyn: «Evelyn, chi sei? Quando guardi intorno a te nella foresta, sei Evelyn o sei anche Martha, George e Sally? Chi sei?» Evelyn si ergerebbe in tutta la sua altezza dicendo: «Io sono tutte loro, e loro sono me, perché le nostre radici hanno la stessa origine.»

Vorrei che rifletteste su questa storia comprendendo che è una metafora di chi voi siete. In natura osservate questo tipo di cose e dite che sono un’unica cosa. Non le vedete come vedete voi stessi, con personalità individuali e vite vissute da singoli Umani. Tuttavia la storia di Evelyn è più vera rispetto agli Umani di quanto pensiate. La connessione e l’accorgersi dello stato di unità(oneness) di tutti sarà la salvezza dell’umanità. Ma deve partire, letteralmente partire, nel comprendere che l’anima in voi è più vasta di quanto potreste aver mai pensato.

Ora, un attimo fa vi ho detto che l’anima non ha personalità, non come voi la considerate. Ma ha degli attributi: ha perfezione, amore e benevolenza. È questo che provate quando siete in contatto con il nucleo. La mano dell’anima, la mano di Dio, è sempre aperta per voi, sempre. Dal momento in cui nascete siete invitati a scoprire chi siete, a prendere questa mano e iniziare a cambiare la vostra realtà. Mettetevi nella posizione di poter cambiare il pianeta vivendo una sacra realtà di consapevolezza. Voi sapete che ho ragione, diversamente non leggereste questo messaggio.

Infine, un avviso: queste decisioni devono essere prese per libera scelta, con intento e pieno intendimento. «Questo è ciò che voglio fare», è quello che le vostre orecchie devono sentire da voi. Non fate nulla perché “dovete”, o perché siete andati a un incontro e avete sentito un canalizzatore obbligarvi a fare qualcosa. Non così. Voglio che stiate con voi stessi, seduti da soli, e chiediate al vostro corpo: «C’è altro?» Siate onesti e ascoltate. Ci sarà un brivido di risposta e la prima cosa che vi sentirete dire sarà: «Come mai ci hai messo tanto a chiedere?» E sarà: «Sì!» E questo è l’inizio della scoperta.

In realtà, carissimo, questo tacito invito è per ogni singolo Essere Umano sul pianeta. Se ti rilassi e parli con quello che è l’Innato del tuo corpo e ti lasci guidare alla verità da lui, l’otterrai. Non ascoltare me o un altro Essere Umano per farlo. Voglio che tu inizi ad ascoltare te. Questa canalizzazione è reale o no? Usa il tuo buon senso e il discernimento per distinguere l’energia di questo messaggio tramite il Dio in te.

Per questa sera è scaduto il tempo per me di darvi un messaggio d’amore che viene da quella Fonte che è in tutti voi. Dovete riconoscere quella debole voce, non una voce Umana, ma quella che vi parla ogni momento nella Terza Lingua. Vi sussurra: «Ascolta, ascolta, ascolta, è per questo che sei venuto.» È proprio così! Cara vecchia anima, tu sei la speranza del pianeta. Chiunque stia ascoltando questo messaggio e ne riconosce la verità capirà che questo è il suo momento. Continuate così.

E così è.

Kryon



(Fonte articolo Stazione Celeste http://www.stazioneceleste.it/kryon/130K_2014.htm )

Questo articolo può essere condiviso e divulgato rispettando il lavoro svolto citando la fonte dello stesso Blog e le relative fonti esterne citate dallo stesso.

Diario di una ragazza indaco di Michela Marini © COPYRIGHT 
Distribuito con Licenza Creative Commons