Questo blog rappresenta un diario di viaggio. Tenta di donare spunti per entrare in contatto con voi stessi.
E' importante ricordare sempre che le nozioni apprese dall'esterno sono solo un input e che le risposte sono da sempre presenti in voi.

venerdì 13 dicembre 2013

La Sincronicità,come funziona - Kryon canalizzato da Lee Carroll





La Sincronicità - Come funziona

Kryon canalizzato da Lee Carroll

Asheville, North Carolina - 24 Agosto 2013

Canalizzazione dal vivo








Salve, miei cari, Io sono Kryon del Servizio Magnetico.

Ancora una volta il mio partner si fa da parte. Abbiamo già descritto la canalizzazione come un processo che onora l’Essere Umano. L’Essere Umano usa un portale biologico multidimensionale – la pineale – che permette alla fonte creatrice in voi di espandersi. Questo è canalizzare, e la canalizzazione è ed è sempre stata a disposizione dell’umanità. In questa nuova energia, tuttavia, è ora disponibile proprio per ogni nuova informazione, ogni nuovo pensiero e i nuovi processi che si stanno presentando sul vostro cammino.

Prima di iniziare con il messaggio o l’insegnamento, desidero farvi una domanda: è possibile che tutto ciò che vedete oggi sia stato messo insieme da una fonte intelligente nel vostro Universo, nella vostra galassia? È possibile che esista un piano che è benevolo verso l’Essere Umano, perché l’Umano fa parte di questa fonte creatrice? È possibile che voi non siete mai soli? È possibile che la famiglia sia un po’ diversa di quel che pensate? Forse anche più grande di quel che pensate? È possibile che l’intero messaggio che sto per darvi sia esatto, vero e reale e provenga da una fonte esterna al vostro corpo e alla vostra realtà?

Al mio partner [Lee] c’è voluto molto tempo per capire che questo non è un inganno. C’è voluto molto tempo, perché la scatola di “realtà” della mentalità da cui proviene diceva che doveva essere tutto falso e che ci sarebbero state delle conseguenze negative. «Dio non parla agli Umani così» dicevano molti. «È un inganno che viene dalle tenebre presenti sul pianeta che vogliono impossessarsi di te e catturare la tua anima» dicevano altri. Tuttavia, egli imparò in fretta che ogni volta che apriva la sua pineale, questa diventava il portale dell’amore di Dio. Era questo che riceveva per prima cosa. Era qualcosa di puro – la cosa più pura di cui aveva avuto esperienza – ed era coerente, era sempre uguale. Era sempre incorrotta, sempre imparziale e non diceva mai nulla che non rispettasse l’integrità dell’Umano. Era sempre congratulatoria e benevola, rappresentava la vera famiglia spirituale. E in ventitré anni non è mai cambiata.

Ed è così che deve essere, miei cari, e se avete bisogno di una qualche prova della sua realtà forse, e solo forse, potreste aprire quella parte del vostro cuore che solo voi potete aprire e dire: «Mi piacerebbe sentire qualcosa. Mi piacerebbe sentire nelle mie cellule la conferma che questo è giusto e vero.» E forse inizierete a sentire quel formicolio che vi arriva solo quando sapete che è vero.

La verità è semplice: io ti conosco; io conosco le tue molte vite; io so cosa stai attraversando ora, vecchia anima. Tu mi sei ben noto e io ti vedo adesso.

Abbiamo fatto moltissime cose insieme, eppure tu non hai mai visto il mio volto o il mio vero nome. Sono con te da sempre, in mezzo a quell’entourage che a contarlo è milioni di miliardi. Siamo stati con te nei tuoi momenti più difficili, nelle lacrime, nel dolore e, sì, anche nei momenti di celebrazione in cui sceglievi di brindare alla vittoria. A volte la vittoria era una guarigione e altre volte era la soluzione a problemi che ti avevano accompagnato tutta la vita.




Il sistema

C’è un sistema che il mio partner insegna da anni in questi incontri. È un sistema di cui abbiamo parlato in un numero infinito di messaggi, ma al quale non abbiamo mai dedicato un’intera canalizzazione come faremo oggi. È un sistema che la maggior parte di voi non sa neppure come usare anche se alcuni se ne servono continuamente, solo che non sanno di usarlo in quanto non è intuitivo rispetto a quanto vi è stato insegnato.

Questo messaggio riguarda come funziona la sincronicità, e lo sottotitoleremo “La fine della curva a campana" [1]! [Kryon ride] Quando vi succede qualcosa di bello, forse i vostri amici dicono: «Che fortuna! Quante probabilità avevi che ti potesse accadere?» Quando vi trovate in situazioni difficili, cose comuni a cui l’umanità è soggetta come un intervento chirurgico, e voi ne uscite meglio di quanto previsto, di nuovo i vostri amici esclamano: «Che fortuna!» E sempre, in un modo o nell’altro, continuate a essere “fortunato”.

Forse vi trovate a essere dove per puro caso incontrate proprio la persona giusta che conosce qualcun altro che ha l’esatta informazione che stavate cercando, portandovi esattamente a ciò che volevate! Quante probabilità c’erano? I vostri amici sono davvero stupiti! «Ma quanto sei fortunato!» È tutto quello che gli Umani possono dire, dato che nella loro realtà non c’è semplicemente altra spiegazione. Non gli passa neppure per la mente l’idea che voi stiate in realtà modificando la curva a campana della media usando casualmente un sistema sempre a disposizione.

Gli Umani non vedono la struttura della sincronicità. Non rientra in nessun sistema di cui si servono. Credono che sia semplicemente un caso. L’unica struttura di cui si servono è quella di sistemi in cui si definisce una meta, si pianifica e si preventiva. L’Umano crede che solo attraverso queste azioni può controllare la sua vita. Infatti, questo è l’unico modo in cui l’Umano può ottenere qualcosa in modo lineare per arrivare a una meta pre-stabilita. In questo sistema lineare, e non importa il processo che avete elaborato per andare dal punto A al punto B, deve esserci una meta. Alcuni di voi segnano queste mete e le appiccicano sul frigorifero così da vederle tutti i giorni. Questo è il ben noto processo lineare di un Umano lineare.

E se vi dicessi che c’è un processo non lineare in cui le mete sono solo concettuali? Una meta concettuale è quella che dice: «Caro Dio, mettimi al posto giusto anche se io non so qual è. Caro Dio, quando lo fai, fai che mi sia familiare e che mi aiuti a capirne il senso. Fa che sia facile e dammi le situazioni e le sincronicità che mi portino in quel posto che non conosco.» Che ne dite?

Se parlate di questo tipo di affermazione a uno che passa per strada, questi direbbe: «Devi essere un new-age!» Vi vedono come degli sciocchi che svolazzano senza una meta, sperando che l’Universo vi mostri – non si sa come – la via. E ridono. Ma l’Umano che inizia a usare la sincronicità come suo percorso di vita cambia semplicemente la sua casella di credo per includere qualcosa che è disponibile a tutti ma che non è nelle 3D. Infatti, alcuni di voi si servono di questo procedimento da tempo, solo che non ne sono consapevoli.




La verità sul potere della sincronicità

Dunque, la canalizzazione di oggi riguarda il potere della sincronicità e la verità intorno ad essa. Ora, voi sapete cos’è quindi diremo da dove viene, chi ne viene coinvolto e cosa potete fare per far sì che accada. L’Essere Umano crea la sincronicità attraverso l’intento e ciò che crede. È così che la cosa inizia.

Ora, il punto successivo viene dal mio partner, che ama parlare dell’Angelo del Parcheggio. [Risata] Questo è l’esempio che lui usa, per cui lo useremo anche noi. Molti Operatori di Luce amano pensare a quello che per loro è un angelo speciale che ha il potere di vedere dall’alto un ampio parcheggio tenendo d’occhio chi sta per uscire e, quindi, dove trovare posto. Il concetto è che l’Umano chiede all’angelo di aiutarlo a guidare la sua auto fino a trovare un buon posto dove parcheggiare. Dunque, qui non si sta facendo un piano preventivo, vero? È un concetto del tutto diverso, è un concetto che vede voi stessi, o un angelo che guarda per voi, tenere d’occhio dall’alto tutto il parcheggio e ciò che vi succede. Allora voi nelle 3D che guidate l’auto arrivate proprio quando qualcuno se ne sta andando. E la cosa funziona! Funziona davvero. Funziona sempre. Funziona perché questa è la definizione di sincronicità. Non c’è un piano anticipato, ma c’è l’idea di esprimere una meta e credere in un processo che contempla di osservare una situazione da un punto di vista che non potete spiegarvi nelle 3D. La maggior parte delle persone girovaga nel parcheggio in attesa di cogliere la sua occasione.

Ora, non posso terminare questa parte dell’angelo del parcheggio senza raccontarvi il resto della storia che il mio partner vuole che vi dia. Non esiste l’Angelo del Parcheggio! Siete voi che rimettete il vostro potere a una creatura mitologica che sta in alto sopra la vostra auto con una “P” sul petto! [Risata]

Gli Umani sono proprio bravi in questo. Non credono di poterlo fare loro, ma credono che può farlo un potere angelico. Quindi rimettono il loro stesso potere a un’entità superiore. Invece siete voi a farlo, carissimi! Siete voi a trovare il posto dove lasciare l’auto, solo che non lo volete credere.

Ora, inseriamo questo esempio in un contesto più ampio, nell’ambito della vita e del vivere. Ecco che vi trovate in una situazione dove desiderate andare in un’ambito che non conoscete. Tutto quello che volete fare è parcheggiare. Parcheggiare è la metafora del mettere il veicolo di un Essere Umano là dove sia appropriato per la sua vita, di qualunque posto si tratti. Si tratta di andare là dove potete andare avanti in quello che siete venuti a fare qui. Questa è la metafora.

Gli Umani hanno un’idea di dove dovrebbe essere quel posto. È normale per voi definire mete e aspettative. Gli Umani dicono: «Voglio scrivere un libro. Voglio aprire un centro olistico. Ho questo, voglio avere quello.» È assolutamente normale. Quindi, la domanda successiva che devo farvi è: vi va bene se quello che ricevete non è quello che immaginate? Vi va bene se fosse meglio? Vi va bene se si collega con la vostra Akasha dell’essere qui o i talenti che avete e di cui forse non siete consapevoli? Questo è il primo passo: avere l’intento di creare la sincronicità nella propria vita che porti là dove si conforma a una capacità che non si vede.

Servendovi dell’angelo del parcheggio, specificavate dove parcheggiare la vostra auto? No, dicevate: «Un posto o l’altro!» Così la meta è concettuale, non specifica. Tutto qui.



Come funziona nelle 3D

Ecco come funziona la sincronicità: andate a un incontro come questo e incontrate qualcuno per la prima volta. Forse lo incontrate in sala o all’ingresso, cominciate a parlare e scoprite di avere degli interessi comuni. Spesso hanno delle informazioni che vi servono o le avete voi per loro, e vi lasciate con un senso di connessione che non vi aspettavate. Poi questa connessione porta ad altro, perché loro conoscono persone che voi non conoscete e viceversa. In seguito potreste sentirvi o ritrovarvi. Infine, del tutto inaspettatamente rispetto a quanto potevate pensare all’inizio, potreste trovarvi a lavorare in un’area impensabile per voi che soddisfa molto di ciò che desideravate un tempo.

A volte arrivate senza nessuna particolare aspettativa e incontrate il partner della vostra vita! Questo succede di continuo a molte persone per la loro decisione di andare dove c’è la famiglia. È successo spesso che Umani ormai rassegnati a restare soli nella vita, arrivano a un incontro dove ci sono spiriti affini e trovano chi va bene per loro. La vita cambia, c’è romanticismo e sincronicità. Non lo avevate pianificato! Capite la differenza?

L’Umano che esce di casa e s’avvia a un incontro come questo, cosa fa? Si mostra e trascorre un piacevole momento, ma per tutto il tempo lui/lei si apre anche alla sincronicità. «Caro Spirito, forse incontrerò qualcuno, allora fa che possa intuitivamente cogliere dei segnali così da accorgermene.» Notate la differenza? La sincronicità è pianificare dei concetti non definiti.

Sono qui in una sala di vecchie anime e almeno un quarto di voi sa esattamente di cosa sto parlando. Voi siete arrivati qui proprio in questo modo; qualcuno vi ha mostrato qualcosa che forse vi ha fatto vedere le cose in modo diverso. Non vi ha dato una dottrina, vero? Vi ha solo fatto vedere. Potete dar valore a questo? Vi ha fatto dare un’occhiata là dove siete divinamente fatti, dove forse la biologia contiene anche qualcosa di più, qualcosa chiamato l’innato. L’innato è l’intelligenza del corpo che sa chi voi siete. Opera con l’Essere Umano anche se non richiesto. È una coscienza in una coscienza, e vi aggancia alla sincronicità. Lo fa ben al di là delle leggi delle medie della curva a campana. Vi ho appena presentato lo scenario di ciò che continuamente succede in incontri di questo tipo, che si riunisca poca o molta gente. Parliamo ora di come funziona. Sono cose di cui non abbiamo parlato spesso e mai in una canalizzazione specifica. Ma, innanzitutto, dobbiamo parlare della maestà dell’Essere Umano.

Non è passato molto tempo da quando vi ho dato la canalizzazione intitolata “Le Nove Energie dell’Essere Umano" [2]. È quello che voglio che il mio partner insegni a breve. È un insegnamento esoterico, è complesso ed è giunto il momento. Ci sono delle parti concettuali di questi attributi che vanno oltre a ciò che un Essere Umano è abituato ad ascoltare, ed eccone qui una.



L’Umano fa parte della Fonte Creatrice dell’Universo

È vero, carissimo, che tu sei una parte della fonte creatrice? Capisci intellettualmente che la tua anima è immensa e che solo un frammento è contenuto nella tua biologia 3D? Se tutta quell’energia fosse nel tuo corpo, scompariresti! Ti trasformeresti subito in luce con più energia di tutti i maestri dell’umanità. Avresti ciò che Elia sperimentò, l’unico Umano che sia asceso sotto gli occhi di un altro umano, che poi lo descrisse. Secondo il racconto Elia evaporò, perché il potere di Dio non può stare in tutta la sua potenza nel corpo di un Essere Umano. Lo capisci? Allora, se lo capisci, capirai che puoi avere l’esperienza di solo una piccola parte del Dio in te, che è il creatore nel tuo corpo. E qui nasce un’altra domanda: dov’è la restante parte del tuo sé spirituale? È con me, carissimo. È sull’altro lato del velo come parte della fonte creatrice. Non se ne è mai andata.

Ora, c’è una cosa difficile per voi da percepire nella vostra casella 3D. Voi avete un’identità corporale che è “singola”. Vi abbiamo già detto che in realtà voi non siete affatto così; siete, invece, parte di un grandissimo gruppo che è Dio. Quando arrivate sulla Terra un frammento di questo voi si separa e diventa corporeo; ha un volto e un corpo. È così che voi vedete le cose. Ma l’altra parte di voi – che è ancora voi – resta con Dio.

Ora vi rivelerò una verità: voi siete un essere multidimensionale e parte di voi è sull’altro lato del velo. Abituatevi a questo concetto. La vostra anima non è separata e staccata, ma nelle 3D vi sembra che lo sia. Non esiste un’anima con il vostro volto da qualche parte sull’altro lato del velo che batte il piede attendendo di essere raggiunta a Casa dalla restante parte di sé. Voi siete sempre uniti.

Tuttavia, ci sono degli Umani che credono in questa separazione perché non riescono a non proiettare la loro linearità sulla maestà di Dio. Anche di questo ne abbiamo già parlato. Quindi, abituatevi al fatto che c’è un Dio quantico e un Essere Umano lineare, e per voi ciò non è facilmente unificabile a livello mentale. La verità è che voi siete parte di un brodo sacro che è Dio e quelle parti sacre vi vedono da dove sono e sono sempre a disposizione, sempre. Proprio come l’angelo del parcheggio, la vostra parte animica vede tutto. Immaginate! Avete una parte sull’altro lato del velo sempre a disposizione. Ora trasferiamo questo concetto in una prospettiva 3D: in cielo c’è una spia che vede sempre tutto all’istante. Sa chi siete e conosce tutto ciò che vi riguarda perché è parte di voi. Vi trasmette delle informazioni che ricevete attraverso l’intuizione. Lo capite? Vi dice di alzarvi e dove andare, se solo l’ascoltate.




Un sistema divino di tutta l’umanità

Una cosa dovete sapere: ciò vale per ogni singolo Essere Umano sul pianeta perché ogni singolo Essere Umano è parte del tutto. Lo capite, questo? Allora, cosa succede se la trasmissione c’è ma il 90% della gente non ha una radio? Significa che il 90% non la riceverà mai. La trasmissione c’è e ha quel nome sopra, ma quella persona non ha la radio perché non ci crede.

Ora, torniamo a voi. Alcuni di voi hanno questa radio metaforica da tempo e altri la stanno avendo solo ora. Credere che esista, l’attiva. La “radio” è la ghiandola pineale che si apre a un portale multidimensionale che si sintonizza proprio a ciò che è “voi”. Per un Essere Umano è difficile capirlo. Questa trasmissione che ricevete dal vostro “voi multidimensionale” vi fa andare a destra o a sinistra; sa chi voi siete; è benevola; è parte di Dio; è parte di me. È davvero difficile da spiegare. È per questo che è così bello, carissimi. Vi siete mai chiesti perché sono così belli i messaggi profondi e le meditazioni? Perché siete voi con voi! È una cosa meravigliosa! Se voi siete parte della forza creatrice e siete quantici e multidimensionali, significa che questi messaggi per via intuitiva hanno il vostro volto sopra e non vi porterebbero mai se non dove non c’è altro che motivi benevoli. Questo è il sistema.

Perché siete a questo incontro?

Torniamo ora al momento in cui avete deciso di venire a questo incontro. Alcuni di voi qui seduti hanno saputo di questo evento solo all’ultimo minuto. Voglio dirvi, quindi, che siete sintonizzati. La vostra radio funziona perché è stata la vostra intuizione a dirvi quanto bastava per farvi guardare intorno e scoprire che ci sarebbe stato questo incontro.

Voglio farvi una domanda: chi, in questa sala, non avevate ancora incontrato? Beh, è una bella domanda, perché non potete conoscerli tutti, vero? Così ora entriamo in quella che è la sincronicità e in quel processo diretto attraverso il pensiero intuitivo. È ciò che chiamereste l’innata intelligenza del corpo che vi fa essere al posto giusto nel momento giusto e parlare con le persone giuste. Non è proprio possibile pianificarlo in anticipo, non è così? Bisogna essere, invece, sintonizzati e alcuni di voi oggi qui potrebbero aver scoperto cose che porteranno un cambiamento nella loro vita. Avete forse incontrato qualcuno che ha i vostri stessi interessi? È di questo che si tratta.

Allora, quando un’altra persona vi dirà: «Devi essere un new-age», sorridete e ammettetelo. Voi usate il pensiero intuitivo e gli prestate ascolto per quanto vi è possibile affinché vi guidi al posto giusto nel momento giusto. Questo sfata anche l’idea che una persona new-age è una che sta in casa solo a meditare in attesa che Dio le parli. Non è così che funziona. Andate, invece, dove la vostra intuizione vi dice di andare. Poi usate il discernimento: va bene? Non va bene? Cosa si prova quando va bene e cosa quando non va bene? Considerate tutto e, molto presto, come quando si esercita un muscolo del corpo, comincerà a funzionare meglio per voi.

L’innato lavora con voi per affinare la vostra sintonizzazione ad esso. L’innato sa cosa state cercando di fare e vi aiuta nel corso di questo processo. A volte guardate qualcuno che vi ricambia lo sguardo, ed è come se si dicesse: «Salve, vecchio amico! È bello vederti.» Potreste anche abbracciarvi o stringervi la mano, a seconda della cultura, e riconoscere di aver appena incontrato di nuovo un caro amico. E può avere qualcosa per voi, o anche no. Può essere anche per un solo istante, tanto da fondervi in modo quantico e riconoscere il fatto che siete vecchie anime. E questo basta.

Concetti difficili

Ora, le cose più difficili per gli Umani sono quelle che presenterò adesso. Questo processo è diverso da come lo pensate. Innanzitutto, abbiamo stabilito che non è lineare. È un elemento concettuale che non potete avere in mente prima. Non ne conoscete la tempistica, quindi non potete appiccicare sul frigorifero una meta di cui non conoscete nulla. Richiede, invece, che l’Essere Umano abbia fede e non guardi l’orologio. Questo è il primo concetto.

Poi abbiamo definito che l’informazione viene da una parte di voi che è sull’altro lato del velo, e questo perché non potete contenere tutta la vostra maestria nel corpo fisico. Voi fate parte della fonte creatrice e sempre ne farete parte. Parte di voi è sul mio lato del velo, la parte che vi parla attraverso l’intuizione e che dice: “Vai a sinistra, vai a destra, alzati, siediti, vai là e incontra quella persona...”

Quello che segue, è il concetto più difficile di tutti. Come descriverlo? Sul pianeta ci sono sette miliardi di anime e tutte hanno la vostra stessa caratteristica, tutte quante. Sono tutte sull’altro lato del velo come anche qui, proprio come voi. Parlano tutte insieme contemporaneamente e trasmettono delle informazioni, proprio come voi. Le informazioni che trasmettono si servono di quella stessa “mente di Dio” che avete anche voi, perché loro sono sul mio lato del velo. Le parti divine dell’umanità sono sempre divine, non importa ciò che le parti fisiche e intellettuali fanno o credono. Lo capite questo?

Quindi, anche se hanno un sé fisico sulla Terra che è totalmente e completamente inconsapevole e non ha nessuna radio per ricevere, la cosa non fa differenza. Le parti divine continuano a tramettere i potenziali e inviare messaggi amorevoli. Questi messaggi sono benevoli per tutta l’umanità. Ciò significa che potete ascoltarli anche voi e che essi si sintonizzano anche sulla vostra frequenza, dato che la frequenza non ha proprietari. Il risultato? Vi diranno delle cose tramite l’intuizione che vi guideranno e aiuteranno a lavorare insieme alle loro controparti corporee fisiche. Questa è un concetto difficile da comprendere. Pensatelo in questo modo: le parti divine di Umani che forse non incontrerete mai, sanno che voi state ascoltando; quindi, trasmettendo a voi, esse aiutano le loro stesse controparti animiche perché voi state lavorando per la pace sulla Terra con azioni compassionevoli.

Secondo il vostro essere 3D “singolo”, voi siete agganciati a una sola anima – la vostra – che è sul mio lato del velo. Giusto? No. Sul mio lato, voi siete agganciati a tutte le anime.Quindi, anche le parti animiche di chi non crede affatto a tutto questo continuano a trasmettere informazioni che servono all’umanità. È un concetto difficile. Pensatelo come una forza collettiva intuitiva.

«Wow!» si sente dire. «Sei appena scampato a un disastro. Com’è che sei uscito dall’edificio prima che crollasse?» E la risposta potrebbe essere: «Non lo so. Qualcosa mi diceva di andarmene e l’ho fatto.» Questo succede spessissimo, miei cari, e ora sapete il perché. È possibile che l’anima Umana sia connessa in modo tale da parlare a tutti nello stesso tempo? La risposta è: sì.

Quando un guaritore intuitivo si trova davanti a uno scettico ostinatamente e totalmente chiuso, riceve ugualmente i messaggi che aiutano quella persona? Sì! Quindi, l’innato intuitivo di ogni Essere Umano funziona sia che l’Umano abbia la capacità di “sentirlo” oppure no. Trasmette al guaritore! Trasmette a tutti. Basterebbe questo a mostrarvi che l’intuizione non viene dalle sinapsi del cervello, ma piuttosto dal portale della pineale.

Cosa fare di questa informazione? Ebbene, ne abbiamo già parlato un po’. Primo, comprendete e credete nel processo, e non sentitevi delusi se il vostro piano non funziona. Non potete avere entrambi, miei cari. Non è possibile avere dei piani di riserva, giusto nel caso che... La sincronicità non funzionerebbe, dato che l’annullate quando cercate di pianificare. Lo capite, questo?

Secondo, sappiate che la sincronicità vi potrà portare dove non avete programmato di andare. Vi va bene? La vecchia anima si siederà sulla sua sedia dicendo: «Certo. Sì, va bene. Tutto è bene.» Davvero? Davvero? Agli Umani piace che sia a modo loro. Potreste essere sballottati in situazioni e posti scomodi che all’inizio non avreste mai volontariamente scelto. Siete capaci di onorarlo? Sapete dire: «Mi va bene. So di essere qui perché è stata la sincronicità a portarmi qui»? Sentite l’amore di Dio sgorgare dal cuore e da tutte le cellule del vostro corpo. Poi dite: «Ti ringrazio, Dio, per avermi messo nel posto giusto al momento giusto.» Forse vi ci vorrà un po’ per capire i “perché” di tutto quello, ma alla fine lo vedrete chiaramente e sorriderete. Capirete che voi non lo avreste mai progettato, ma è perfetto così.

Vorrei dirvi una cosa: forse la vostra meta 3D non sarà mai raggiunta. Vi va bene? Invece di godervi la meta finale, sarete sempre in azione, sempre. Vi va bene? Ci sarà sempre da salire una scala in conoscenza, consapevolezza ed energia. Sempre nuove cose si presenteranno sul vostro cammino e sarà così fino al momento in cui esalerete il vostro ultimo respiro. Vi parrà di non essere “mai arrivati” alla meta, ma non è vero, perché vi siete arrivati ogni giorno. È un atteggiamento mentale che non vi piace proprio, non è così? Voi, invece, volete arrivare in un luogo e dire: «Ce l’ho fatta!» E poi comprare una maglietta che lo attesti. [Risata]

La sincronicità vi può portare in posti bellissimi. Può salvarvi la vita, e spesso lo fa. Annulla tutti gli attributi karmici che vi spingono qui e là da sempre. Cambia il modo di pensare delle persone su di voi perché voi cambiate. Cambia il modo il cui voi pensate agli altri perché vi pone in situazioni per capire chi voi siete. Reimposta ciò che credete perché iniziate ad avere sostegno all’azione e voi sapete che funzionerà. Potete ergervi dritti e dire agli altri che non avete idea di dove state andando e che ne siete orgogliosi! E nel corso di questo, sarete più sani di loro, sarete più felici di loro e amerete le persone che loro non amano. Capite cosa sto dicendo?

È un cambiamento nel modo di vedere la vita. È un cambiamento riguardo a tutto ciò che è stato insegnato agli Esseri Umani nelle 3D, e non si tratta di “non preoccuparti e lascialo a Dio”. Si tratta di una partnership, una nuova intesa che è concettuale e richiede che tu faccia la tua parte... lo richiede.

Aspettatevi la sincronicità, ma se non arriva come pensate dovrebbe arrivare non ne siate delusi. Semplicemente non doveva essere così! Gli Umani sono strani: ci sono delle frasi in molte culture al riguardo! «Ebbene, forse doveva succedere.» Non lo sanno, ma è: sì!! [Kryon ride] Oppure: «L’universo ha un messaggio per me.» Non lo sanno, ma è proprio così! Proprio così.

Vi ho parlato di come funziona la sincronicità, e di com’è bella ed è proprio per voi. Informazioni benevole e utili vengono continuamente trasmesse, anche dalle anime di chi non crede. La loro “parte Dio” è attiva e sa che voi la state ascoltando. Aiuta la vecchia anima ad andare da A a B. E non solo, ma vi aiuta a trovare processi, modalità e persone che possono fare la differenza sul pianeta. E questo è nuovo.

Comincerà a esserci un connubio che aiuta gli Umani non solo a muoversi nel presente, ma a muoversi in quel che verrà. Questi sono set-up per la prossima volta dal punto di vista Akashico. Cosa vi abbiamo detto la volta scorsa? Abbiamo parlato di Eredità Akashica [3]. Ciò che oggi apprendete è riportato alla prossima volta, così i set-up che avete in questa vita saranno portati nella prossima. Voi li ricorderete e li porterete avanti. La sincronicità di oggi è il futuro di domani. È importante, vecchia anima, che tu inizi a imparare come usarla e averla con te. Impara come aspettarla, come credere in essa e cambia il modo in cui funzionano le cose per te. Rientra in questo nuovo insegnamento dirti che è tempo di annullare la curva a campana delle 3D che riguarda le medie e la probabilità nella tua vita. Tutto quello che devi fare è dare un colpetto a quella curva con un po’ di energia multidimensionale chiamata sincronicità e disegnare la tua curva personale. La sincronicità è imparare a riconoscere il Sé Superiore e il fatto che Dio è dentro di sé. Dimostra la disponibilità ad ascoltare come mai prima una fonte che è personale, amorevole, benevola e bellissima... un’energia che non cambierà mai.

E così è.

Kryon



(Fonte articolo Stazione Celeste http://www.stazioneceleste.it/kryon.htm)



Questo articolo può essere condiviso e divulgato rispettando il lavoro svolto citando la fonte dello stesso Blog e le relative fonti esterne citate dallo stesso.
Grazie per la condivisione!

Diario di una ragazza indaco di Michela Marini © COPYRIGHT 
Distribuito con Licenza Creative Commons