Questo blog rappresenta un diario di viaggio. Tenta di donare spunti per entrare in contatto con voi stessi.
E' importante ricordare sempre che le nozioni apprese dall'esterno sono solo un input e che le risposte sono da sempre presenti in voi.

mercoledì 30 ottobre 2013

Tu sei nella verità, la verità è in te

Osho - La mente che mente

Tu sei nella verità, la verità è in te









E la verità è il fondamento per eccellenza, l’essenza stessa dell’esistenza è la verità. La domanda è importante e sgorga dal tuo cuore: "Cos’è la verità?" - sorge in te un desiderio di conoscere ciò che è. Entra nella domanda. Non scacciare questo desiderio, entra in esso. Chiudi gli occhi. Lascia che la domanda si focalizzi al massimo - "Cosa è la verità?" Lascia che sorga in te una grande concentrazione. Dimentica tutto il resto, come se la tua vita intera dipendesse da questa domanda: "Cos’è la verità?" Lascia che diventi una questione di vita o di morte. E non tentare di rispondere, perché tu non conosci la risposta.

Ti arriveranno delle risposte perché la mente cerca sempre di fornire delle risposte. Ma considera il fatto che non sai, perciò fai la domanda. Quindi come potrebbe la mente darti una risposta? La mente non sa, perciò dille: "Sta zitta!" Se tu sapessi, non avresti bisogno di chiedere. Tu non sai, per questo fai la domanda.


Pertanto non farti ingannare dai giocattoli della mente. Ti fornisce dei giocattoli, ti dice: "Guarda! Sta scritta nella Bibbia. Guarda! Sta scritta nelle Upanishad. Guarda! Quella è la verità. È stata scritta da Lao Tzu, questa è la verità." La mente può gettare davanti ai tuoi occhi ogni genere di sacre scritture: la mente può fare citazioni, la mente te le fornisce prendendole dalla memoria. Tu hai udito molte cose, hai letto molto, la mente contiene tutte queste memorie e può ripeterle meccanicamente. Ma osserva questo fenomeno: la mente non sa e tutto ciò che la mente ripete è preso in prestito e ciò che è preso in prestito non può aiutarti.


Guardati dalla mente. La mente continua a fare citazioni, la mente sa tutto, senza sapere affatto. La mente è una simulatrice. Penetra all’interno di questo fenomeno: questa io la chiamo intuizione. Non si tratta di pensare. Se ci pensi, è ancora la mente. Devi penetrare a fondo, devi osservare il fenomeno stesso in profondità: il funzionamento della mente, il suo modo di funzionare. Essa prende in prestito da ogni dove, continua a prendere in prestito e ad accumulare. È un’accaparratrice, un’accaparratrice di sapere. La mente diventa molto sapiente e ogniqualvolta tu le fai una domanda importante, ti dà una risposta del tutto priva di importanza - futile, superficiale, spazzatura.


Guardati dalla mente. La mente è il demonio, non esiste altro demonio. Ed è la tua mente. Devi sviluppare l’intuizione - devi perforare la mente da parte a parte. Taglia in due la mente con un preciso colpo di spada: questa spada è la consapevolezza. Taglia in due la mente e attraversala, vai oltre! Se riuscirai ad andare oltre la mente e, dopo averla attraversata, in te sorgerà un attimo di non mente, questa è la risposta - non una risposta verbale, non una citazione da una sacra scrittura, non fra virgolette, ma autenticamente tua, un’esperienza. La verità è un’esperienza esistenziale. 


La domanda ha un significato immenso, profondo, ma devi averne un rispetto estremo. Non aver fretta di trovare una risposta qualsiasi, altrimenti la spazzatura soffocherà la risposta. Non permettere alla mente di soffocare la risposta. Il metodo che la mente usa per neutralizzare la domanda è fornirti risposte non vissute, che non sono frutto della tua esperienza. Tu sei la verità! Ma la verità può accadere soltanto nel silenzio totale, quando neppure un pensiero si muove, quando la mente non ha niente da dire, quando nella tua consapevolezza non c’è una benché minima increspatura. Quando nella tua consapevolezza non c’è una benché minima increspatura, la tua consapevolezza rimane intatta, libera da distorsioni. Quando c’è un’increspatura, c’è una distorsione.

Va’ a guardare un lago. In piedi sulla riva, guarda la tua immagine riflessa. Se sul lago ci sono delle onde, delle increspature e il vento sta soffiando, la tua immagine riflessa è ondeggiante. Non puoi capire cosa sia cosa - dove sia il naso e dove siano gli occhi - puoi soltanto fare supposizioni. Ma quando il lago è silenzioso e il vento non soffia e sull’acqua non c’è una benché minima increspatura, improvvisamente tu sei presente. La tua immagine riflessa è assolutamente perfetta. Il lago diventa uno specchio.
Ogniqualvolta un pensiero si muove nella tua consapevolezza, la distorce. E i pensieri sono tanti, milioni di pensieri che continuano a correre velocemente ed è sempre ora di punta. Per ventiquattr’ore è ora di punta e il traffico continua ininterrotto, e ogni pensiero è associato a migliaia di altri pensieri. Si tengono tutti per mano e sono legati e interconnessi tra loro e tutta questa folla corre velocemente intorno a te. Come potresti sapere cos’è la verità? Liberati da questa folla.


Ecco cos’è la meditazione, ecco in cosa consiste la meditazione: una consapevolezza senza la mente, una consapevolezza senza i pensieri, una consapevolezza completamente senza onde - una consapevolezza intatta. Allora la verità è presente in tutta la sua bellezza e benedizione. Allora la verità è presente - chiamala Dio, chiamala nirvana o con qualsiasi altro nome tu voglia darle. È presente ed è presente come una esperienza. 

Tu sei nella verità, la verità è in te.

Usa questa domanda. Rendila più penetrante. Rendila totalmente penetrante, metti tutto in gioco, in modo che la mente non possa ingannarti con le sue risposte superficiali. Quando la mente sarà scomparsa, quando la mente non starà più giocandoti i suoi vecchi trucchi, saprai cos’è la verità. La conoscerai nel silenzio. La conoscerai nella consapevolezza senza pensieri.



Osho






Questo articolo può essere condiviso e divulgato rispettando il lavoro svolto citando la fonte dello stesso Blog e le relative fonti esterne citate dallo stesso.
Grazie per la condivisione!

Diario di una ragazza indaco di Michela Marini © COPYRIGHT 
Distribuito con Licenza Creative Commons

martedì 29 ottobre 2013

I Sogni e Pensieri Collettivi - L'Inconscio Collettivo

Sogni e Pensieri Collettivi 
L'Inconscio Collettivo

I nostri pensieri collettivi definiscono il nostro 

futuro collettivo







Nulla del patrimonio di esperienze accumulate nella storia dell'umanità è andato perduto. Nell'inconscio collettivo sono custodite tutte le situazioni immaginabili e tutte le possibili soluzioni 

C.G. Jung


Lo stato profondo della psiche, denominato da Jung l'inconscio collettivo, racchiude in sé il patrimonio culturale dell'umanità. Oltre a contenere un polo biologico con tutti gli istinti ereditari e meccanismi innati, l'inconscio collettivo è costituito dagli archetipi, fattori ordinanti capaci di generare contenuti spirituali e immagini simboliche che incontriamo nelle fiabe, nei miti e nei sogni collettivi. I simboli archetipici, che in tutti i tempi, presso tutti i popoli e in tutte le religioni esprimono esperienze sovraindividuali o manifestazioni divine, sono tra i segni distintivi dei sogni collettivi.
L'affermazione di Jung che l'inconscio collettivo serba in sé i semi di future situazioni psichiche e gli elementi utili per superare tutte le crisi esistenziali pone l'umanità di fronte a una vastissima gamma di possibilità.
Per non continuare a ignorare i processi evolutivi che emergono ogni notte dagli strati profondi della psiche è necessario, secondo l'autore, una nuova cultura del sogno volta a prendere in seria considerazione i processi creativi dell'inconscio e i suoi insegnamenti.
Se l’inconscio individuale fonda la sua esistenza sulle esperienze personali pur rimosse e sepolte, sui contenuti non accessibili alla coscienza, sulle pulsioni e sugli istinti più primitivi e segreti, l’inconscio collettivo scardina tale limite per acquisire uno spazio che oltrepassa il personale e che fa confluire le individualità in un’ impronta che designa TUTTO il genere umano.

Possiamo visualizzare l’inconscio individuale come una radice che affonda profondamente nella persona e l‘inconscio collettivo come l’insieme di rami e foglie che si intrecciano ad altri rami e foglie a formare una foresta.

L’inconscio collettivo è ciò che sostiene i comportamenti ed il sentire dell’essere umano “come razza”, è ciò che appartiene a tutti, si collega a tutti e riunisce ogni livello di esperienza.

I contenuti dell’inconscio collettivo derivano dall’ereditarietà e da forme e sistemi che hanno eguale validità in ogni cultura, in ogni area geografica ed in ogni periodo storico. In questo territorio, svincolato da ogni concetto di spazio e e di tempo, hanno origine i miti, gli archetipi ed i sogni ed acquisiscono maggior maggiore rilevanza gli aspetti legati alla spiritualità, all’istinto, all’ immateriale, all’irrazionale.

Il concetto di inconscio collettivo ci aiuta a comprendere l’esistenza delle sincronicità, delle intuizioni fulminee ed inspiegabili, delle “premonizioni”, dei “grandi sogni” e dei contenuti numinosi che affiorano alla coscienza. E ci aiuta a dare un senso alla nostra complessità di esseri umani.




Da un punto di vista sciamanico, l’universo materiale in cui viviamo è un sogno collettivo e la vostra storia personale è un sogno individuale localizzato. Lo Spirito non ha attaccamento per questi sogni. Potremmo dire che lo Spirito crea i sognatori e partecipa ai loro sogni.


I sognatori sono tutti gli elementi e i costituenti del piano fisico. Ogni elemento costitutivo ha il potere di sognare a livelli diversi di sofisticatezza. Il sogno di una pietra non è elaborato come il sogno di una farfalla e il sogno di una farfalla è superato per complessità dal sogno di un cane. I sognatori più sofisticati sono gli esseri umani e i cetacei (delfini e balene). Siamo in grado di fare sogni incredibili; purtroppo, a causa di una commistione di amnesia, creatività, libero arbitrio ed egoismo, a volte i nostri sogni si trasformano in incubi.

È come se, nell’atto della creazione, lo Spirito avesse deciso per una politica di non ingerenza. Ha creato i sognatori e ha deciso di rispettare qualunque loro sogno, sapendo ovviamente che alla fine tutti i sognatori si sarebbero risvegliati e avrebbero riconosciuto il fondamento comune dell’universo: l’amore.

Molte persone che devono affrontare vite particolarmente difficili maledicono lo Spirito, accusandolo di crudeltà. Ma se riflettete, lo Spirito non avrebbe potuto fare in altro modo senza limitare il libero arbitrio. Se non avete la libertà di creare tutti i sogni che volete, potreste sentirvi delusi e lamentarvi che il sogno è truccato. La via amorevole dello Spirito è la totale libertà di sognare e di scoprire. Questa è una comprensione fondamentale della vita sciamanica.

Da un punto di vista sciamanico, quando un grande numero di esseri umani si unisce, i loro sogni collettivi diventano molto potenti. A lungo su questo pianeta i sogni hanno riguardato la sopravvivenza; poi venne un periodo di sogni focalizzati sull’ordine, le leggi, il controllo e la vita comunitaria; poi i grandiosi sogni di ambizione, potere e ricchezze materiali. Questi sogni si fondano sulla credenza che siamo esseri separati in competizione tra loro e che la forza creatrice dell’universo non esiste, oppure esiste sotto forma di una irata forza punitiva esterna. Oggi questi potentissimi sogni vecchi di secoli sono tutti interconnessi e forniscono una poderosa spinta all’umanità.



Sogno collettivo o visione collettiva?

Il sogno collettivo ha sviluppato un ego personale, un’identità a se stante fondata su ciò che è diventato: una lunga storia. Il sogno collettivo del pianeta ha un grande potere e sembra inghiottire tutto sul suo cammino. Nutre i sogni personali di tutte le persone su questo pianeta. Ritiene che il cibo più saporito sia il dramma, soprattutto se pieno di emozioni: rabbia, paura, invidia, gelosia e violenza. Il sogno collettivo non solo banchetta con queste cose, ma esige che tutte queste cose mantengano l’identità che il sogno ricorda. E così il sogno collettivo condiviso dagli uomini continua a provocare sempre nuovi traumi per avere cibo di cui nutrirsi, come una foresta in fiamme che esige famelicamente altri alberi per nutrire il fuoco dell’incendio. Questo sogno rafforza continuamente se stesso a ogni istante attraverso “sempre di più” della stessa cosa.

I sogni personali della maggior parte delle persone sono risucchiati in questo vortice e senza saperlo contribuiamo a questo immenso incubo. A volte sogniamo cose piacevoli come un rapporto amorevole, un lavoro soddisfacente e creazioni di grande bellezza, ma tutte queste cose non stimolano il sogno collettivo storico come fanno invece i traumi più profondi. Quindi, prima o poi ognuno tende a cadere in questo grande sogno oscuro per venirne apparentemente vittimizzato e schiavizzato. Un maestro sciamano direbbe che gli esseri umani sono diventati pecore o mucche in fila per il macello. I risultati non sono belli.

Essendo un sogno è di natura soggettiva, ma ha un’energia interna e il suo potere proviene da questa energia. Ciò significa che è alimentato letteralmente dai suoi sognatori che credono di non avere altra possibilità che sognare questo incubo collettivo. Invece possiamo scegliere.

Il punto di vista sciamanico è che un nuovo sogno è possibile, ma richiede che un numero sufficiente di sognatori si svegli dall’incubo collettivo e trasformi il proprio sogno. Alcuni sciamani e mistici sono riusciti a risvegliarsi dal sogno collettivo e, in certa misura, sono anche riusciti a svegliare altri influenzando il loro sogno. Ma in genere questi maestri non sono stati ascoltati, perché pochi esseri umani sono abbastanza maturi per capire quello che dicono. Qualcuno li ha seguiti e si è risvegliato dal suo personale contributo all’incubo collettivo, ma quasi tutti hanno incorporato le parole di quei maestri nel normale sogno senza svegliarsi affatto, esattamente come un dormiente può incorporare nel sogno che sta facendo il suono di una sirena che passa per strada.

Molti sciamani nativi credono che oggi, per la prima volta, esista a livello collettivo la possibilità per l’umanità di svegliarsi dal vecchio sogno negativo di massa. Abbiamo la possibilità di creare un nuovo sogno, un sogno che consente ai sognatori di risvegliarsi all’interno del loro sogno e scoprire che stanno sognando, in modo da assumere il controllo cosciente sul sogno. Il nuovo sogno può includere tutto ciò che desideriamo di più: cooperazione, condivisione, rapporti amorevoli, coesistenza pacifica, grande creatività che produce grande bellezza e ispirazione, guarigione di massa e coesistenza sostenibile con la Natura.
L’inconscio collettivo non capisce le “parole” o le lingue. Capisce solo le immagini mentali. Le immagini mentali che consciamente o inconsciamente tu disegni (o immagini) sul tuo schermo mentale sono pienamente comprese dall’inconscio collettivo. In altre parole, le tue fantasticherie dettano in gran parte la tua realtà e vengono interpretate come la realtà che tu desideri per il futuro. L’inconscio collettivo è convinto che tu non dedicheresti tanto tempo a soffermarti su tali immagini se non desiderassi che si manifestino nella tua vita. Il tuo futuro è in gran parte un riflesso delle immagini più ricorrenti che hai visualizzato sullo schermo della tua mente e le immagini che hanno di te coloro che ti conoscono. Più volte immagini mentalmente una cosa, maggiore è la probabilità che questa si materializzi nella tua realtà. Pensa alle tue fantasticherie come se fossero voti a favore o contro gli eventi che desideri che accadano nel tuo futuro.

Questa è l’unica vera democrazia. E succede incessantemente dentro la tua testa tutto il giorno e in tutto il nostro universo. I nostri crudeli e illegittimi governanti in ogni parte del mondo vogliono che tu sia all’oscuro di queste informazioni, per poter arruolare anche te nel loro esercito fatto di svariati milioni di uomini che continuano a fantasticare sul loro incubo e a perpetuarne l’esistenza nel loro interesse. È importante che tu capisca la situazione, ma quando ti capita di pensare ai loro piani da incubo, elimina immediatamente le immagini.

Per usare il tuo potere con un certo grado di controllo, la tua mente cosciente deve comunicare con l’inconscio collettivo (inviare l’ordine) nella sua lingua: con immagini mentali intenzionali. Le parole non hanno alcun effetto sulla realtà, salvo che per trasmettere i concetti che dipingono immagini mentali nella nostra mente. Sono le nostre immagini mentali, le nostre fantasticherie, che programmano la realtà. Bisogna anche imparare a modificare le immagini mentali negative. 


Anche le fantasticherie ad occhi aperti, rappresentano i programmi o il codice per la creazione del tuo futuro. Le cose che immaginiamo (o di cui ti rammarichi, che desideri, che ti affliggono, di cui ti lamenti, di cui parli in continuazione, di cui ci risentiamo, che ci aspettiamo che accadano, che speriamo, che odamoi, che amiamo,ecc.) il più delle volte sono le cose di cui sarà composto il nostro futuro. Fino a quando non impareremo a gestire queste immagini, la vita sarà un disordine caotico di buoni e cattivi eventi e una ripetizione delle esperienze negative passate.

Allo stesso modo, i nostri sogni collettivi, cioè le immagini più comuni per le menti degli uomini, programmano la nostra realtà collettiva futura, tanto quella locale quanto quella globale. Il motivo per cui tutto è caotico dipende dal fatto che noi ospitiamo nella nostra mente un insieme caotico di buoni e cattivi pensieri, senza sapere che stiamo dando origine alle nostre realtà personali e collettive caotiche. 


L’inconscio collettivo (il campo quantico) è un automa: una macchina con funzioni precise. Alimenta gli elettroni. Presume automaticamente che le immagini mentali che evochiamo più di frequente siano le cose che desideriamo per il nostro futuro. 

Le immagini proiettate più spesso nella mente vengono assorbite dall’inconscio collettivo, che poi assegna un "punteggio" alla volontà collettiva grazie alla nostra volontà, architettando influenze future e percorsi corrispondenti, in modo da permettere che un giorno (intenzionalmente o meno) la scena programmata si materializzi nel nostro futuro, a meno che essa non sia contraria alla volontà collettiva. 

La maggior parte delle volte, la volontà collettiva non ha un gran peso, perché noi immaginiamo soprattutto le cose più personali, per le quali non c’è opposizione collettiva. L’inconscio collettivo non qualifica le tue fantasticherie come buone o cattive. Si limita a quantificarle. Che esse siano negative o positive, esso manifesterà esattamente quello che tu (o noi) lo abbiamo programmato a fare, a meno che tu non perda la votazione o noi non risultiamo in minoranza. E questo non richiede fede o credenza. Puoi farlo anche rimanendo scettico, ma questo caso rallenterai la materializzazione.


I nostri sogni collettivi definiscono il nostro futuro collettivo. Purtroppo, al momento, uno dei principali pensieri collettivi sul nostro futuro è l’incubo orribile creato dai governanti psicotici illegali, i proprietari illegittimi della nostra Terra e di tutti Noi.È per questo che aggiungono il fluoruro di sodio (veleno per topi) e altri veleni alle nostre forniture di acqua e ci fanno perennemente pagare tassi da usura. Purtroppo, però, conoscono i segreti della creazione.Il loro "pensiero"  è attualmente vincente, solo perché ci hanno manipolato in modo che li aiutassimo. Dobbiamo smettere di aiutarli facendo a loro vantaggio il loro lavoro maligno, tramite i nostri pensieri sul loro incubo. Tracciamo un cerchio, una grossa X e gettiamole lontano.

Ci sono tante persone che immaginano il loro piano da incubo quante ce ne sono a pensare in positivo, opponendosi ad esso. Abbiamo bisogno di una singola immagine collettiva del nostro futuro benefico, ecologicamente consapevole, giusto e prospero che la maggior parte di noi può accettare. Ma per raggiungere questo obiettivo dobbiamo ribaltare il nostro paradigma competitivo in uno di cooperazione globale e dare inizio a una vera democrazia per definire scientificamente la nostra vera volontà, per progettare insieme un pensiero comune globale che sarà universalmente accettato. E quindi dobbiamo immaginarlo più spesso di quanto abbiamo immaginato il loro incubo.


La nostra volontà collettiva non è mai stata espressa. È sempre stata repressa, controllata, manipolata e travisata. Questa è la verità che più si affannano a nascondere: La prima volta che definiremo la nostra vera volontà collettiva perché tutti ne vengano a conoscenza, essa comincerà rapidamente a diventare realtà. Questa è la conoscenza che più paventano sia resa pubblica.

Abbiamo bisogno che la maggior parte delle persone venga a conoscenza di questi principi. Dobbiamo dare inizio a un movimento volto a una visione consolidata del nostro futuro positivo. Dobbiamo conservare nella nostra mente quest’immagine ed evocarla più spesso di qualsiasi altra visione opposta. E dobbiamo farlo il più rapidamente possibile, se vogliamo vincere la guerra dei banchieri criminali contro la Mente dell’Umanità.





Questo articolo può essere condiviso e divulgato rispettando il lavoro svolto citando la fonte dello stesso Blog e le relative fonti esterne citate dallo stesso.
Grazie per la condivisione!

Diario di una ragazza indaco di Michela Marini © COPYRIGHT 
Distribuito con Licenza Creative Commons


Fonti dei testi tratti da : 
Helmut Hark: SOGNI COLLETTIVI L'immaginario comune dell'anima
“I segreti degli sciamani. Il risveglio al mondo degli spiriti”  diSandra Ingerman e Hank Wesselman 
Alan D. (Al) Smith è Fondatore e direttore del sito http://www.MajorityVoice.org~
Rivisto da: ragazzaindaco.blogspot.it


Talenti color Indaco cristallo

TALENTI COLOR 
INDACO CRISTALLO



Arte significa: dentro a ogni cosa mostrare Dio.
Hermann Hesse










Se il mondo fosse chiaro, l'arte non esisterebbe.

Questa frase di Albert Camus,sottolinea l'esigenza e l'importanza del ruolo che ha l'arte in questo secolo;sopratutto in questo periodo,dove il Pianeta sta attraversando momenti di caos generale,dovuti a crisi economiche,politiche,disoccupazione,malessere generale della popolazione ecc. La creatività sembra essere diventata un optional,una distrazione da tutti questi problemi ai quali l'essere umano sembra non se ne voglia distaccare.L'Arte viene ignorata troppo spesso,vengono ignorati i talenti,gli esseri speciali che hanno necessità di comunicare ciò che è realmente importante.



Ma fortunatamente,da un pò di tempo a questa parte,gli Esseri color Indaco/Cristallo arrivati sul pianeta stanno portando avanti le loro missioni.Come sappiamo i Bambini/Adulti Indaco e Cristallo arrivano portando i loro doni divini bene in vista. Molti di loro sono filosofi in erba, che riflettono sul significato della vita e su come salvare il pianeta. Sono scienziati, inventori e artisti di talento a livello innato.La loro consapevolezza spirituale è molto elevata,nonostante la loro età anagrafica.

Questo articolo nasce con l'intento di portare in superficie i talenti di questi Esseri speciali.Proprio perchè ci troviamo in una società che poggia ancora sulla vecchia 
energia,si spera ancora per poco,e che tende a sminuire i pregi dei Bambini Indaco e Cristallo,non tutti i talenti riescono ad emergere e a portare avanti le loro missioni di divulgazione e d'interpretazione del loro sentire.

Di seguito vi presenterò alcuni di loro,Artisti Indaco e Cristallo.Il loro talento creativo innato è il mezzo che adoperano per "ri-svegliare" la popolazione,nella loro arte mettono il loro sentire,le loro idee,i loro ideali,la loro visione per un mondo migliore.Alcuni sono cantanti,altri ballerini,poeti,pittori,inventori di tecnologie alternative.

Lasciamoci avvolgere dalle loro vibrazioni,apriamo il nostro cuore e ascoltiamo cio che vogliono dirci...


Arte è ciò che il mondo diventerà, non ciò che il mondo è..
buon ascolto e buona visione !





Talenti Indaco e Cristallo 



Mattia (Deathcore) questo ragazzo ha 21 anni,ha iniziato a cantare e a esprimere il suo sentire all'età di 15 anni.Di seguito un suo video,scritto e cantato da lui.


















DAVID ROX Ha iniziato all'età di 5/6 anni a studiare musica,prima l'organo elettronico,poi il piano,per finire poi con la tastiera. All'età di 14 anni inizia per la prima volta a toccare i giradischi direzionandosi verso un genere musicale molto ampio.A 16 anni ha iniziato a seguire a tempo pieno il mondo DJING.Il suo primo DJSET ufficiale l'ha fatto all'età di 17 anni e allo scoccare dei 18 anni è arrivata anche la consolle in casa,con la quale si esercitava costantemente.Dopo anni di esperienza sul campo,ha deciso di lasciare il paesino e di buttarsi in una grande metropoli,Milano.Dove ha iniziato a studiare al Sae Institute come Electronic Music Producer ,uscendo con buoni voti e iniziando a creare le sue prime idee musicali e a dare SPAZIO alla sua fantasia.
Adesso dopo 10 anni è ancora qui a lottare per dare una svolta a questo sogno che non tramonterà mai.




Qui il canale di SoundCloud dove ascoltare i suoi pezzi IndacoMusic's 
Pagina Facebook  David Rox - Indaco Music











Rose Punch, questo ragazzo ha 23 anni,ha iniziato a ballare all'età di 15 anni.Da allora non ha piu smesso..un vero talento!









I Figli dell'Ortica  gruppo musicale ,composto da 4 membri,la loro età e di circa 19 anni.Un crossover che abbracca diversi generi e influenze.Qui sotto il link per visitare la loro pagina facebook










Dissidio Autoproduzione dalla strada alla cima.
Qui sotto il link per visitare la pagina facebook









Alessandro Biagini è nato e vive a Roma, dove ha conseguito il Diploma di Operatore Cinematografico e Televisivo, frequentando l’Istituto di Stato per la Cinematografia e la Televisione Roberto Rossellini.
Nel 1990 ha ottenuto l’iscrizione presso l’Ordine Nazionale dei Giornalisti. Nel 1992 ha frequentato l’Istituto di Giornalismo e Comunicazione Audiovisiva specializzandosi in Metodologie e Cultura dell’Informazione.
Nel 1995 ha pubblicato autofinanziandolo il romanzo “Weekend a Sorano”, una storia ambientata nei dintorni di un tranquillo paesino della Toscana.
Nel 1998 ha autofinanziato il romanzo “La fragilità dell’esistenza”, basato sul rapporto tra un padre e una figlia.
Tra i riconoscimenti ottenuti, il secondo posto al Premio Nazionale Minerva nella categoria fiabe per l’infanzia (1996) e il secondo posto nella sezione letteratura al Concorso Arvalia, promosso dall’Associazione Culturale Verde Luna, con il Patrocinio della XV Circoscrizione e del Comune di Roma (1998).
Nel 2012 ha ricevuto una proposta di pubblicazione dalla Casa Editrice Maremmi Editori-Firenze Libri, dopo aver partecipato al Premio Letterario L’Autore.
A marzo 2013 ha pubblicato autofinanziandolo, il romanzo Vite Riflesse.
Ad aprile 2014 pubblica con la Casa Editrice Il Pavone di Messina, la raccolta di fiabe “8 fiabe nel cassetto” in versione e-book.
Nello stesso periodo partecipa con un racconto inedito al Concorso  Letterario del Municipio Roma XI Arvalia.
Attualmente sta lavorando alla stesura di un nuovo romanzo, condito da una venatura thriller ambientato nella Città Eterna.
E nel frattempo, già friggono in padelle altre storie…


Link diretto per comprare la sua opera:Raccolta di otto fiabe 8 Fiabe in un cassetto

Pagina facebook 












I Dozeneyes sono un gruppo di quattro ragazzi ,Ganz (chitarra e voce),Remo( basso e cori),Chester(chitarra e cori),Gio (batteria),nati e cresciuti nella provincia di Treviso. La loro storia comincia in un piccolo paese di campagna, dove la noia e gli echi di quello che arrivava da oltre oceano li hanno spinti a formare una band punk e cominciare a suonare, sempre, comunque e dovunque. Questo è lo spirito che ha accompagnato il gruppo fin dagli albori, che fossero in roventi casolari d'estate o in gelide sale prove a scaldarsi le mani suonando tutti gli inverni. E' un gruppo giovane, un gruppo fresco, che ha basi ben radicate nell'adolescenza spensierata che li ha visti nascere. Gli anni passavano ed i concerti si accumulavano alle loro spalle, come d'altronde il seguito di fedelissimi sotto il palco; si può dire che dal 2006 non si siano fermati un attimo, facendo concerti con pezzi davvero grossi della scena punk, sia italiana che internazionale... anche se molto giovani, sicuramente all'altezza della situazione e sempre in grado di ritagliarsi un piccolo sipario in una scena punk-rock sempre più affollata e sempre più competitiva. Dopo quattro anni di vivissima attività finalmente i quattro trevigiani si prendono qualche mese di pausa, durante i quali compongono e registrano "Real", il loro primo disco ufficiale. "Real" intende rappresentare la concretezza e il sudore che i Dozeneyes hanno sempre riposto nell'impegno di suonare assieme e si spera sia la rampa di lancio per questo quartetto che seppur giovane, non propone certo banalità, sia nelle musiche che nei testi. Ad aprile 2010 "Real" è uscito in tutti i negozi prodotto da Oxygenate Production e distribuito da Audioglobe. Believe it or not, this is not just punk rock!.

Qui troverete i loro brani su myspace.Se volete ascoltare un anteprima del loro prossimo lavoro cliccate qui  

Questa è la loro pagina facebook 











Jeremy Fiumefreddo ha 19 anni,canta e scrive poesie.Un vero talento Indaco ,ha partecipato alle audizioni di xfactor come cantante,arrivando ad un passo per entrare nel programma.Di seguito alcune delle sue poesie.




Si può leggere l'emozione.

Si legge l'emozione nel digrignarsi dei nervi sui volti.
Nello scolpirsi di pensieri che attraversano gli sguardi.
Nelle fragili intemperie dei movimenti, nelle soavi densità dei gesti.
Sul lucido delle pupille, quando le umide immagini che raccontano si specchiano nude all'anima e ne riflettono calore.
E se arrivano fredde è perchè piove.
Si legge l'emozione sulle ciglia, nello sfumarsi delle iridi. Negli occhi.

Si può leggere l'Emozione..
basta schiudere le palpebre.


Jeremy Fiumefreddo


  




"Se venissimo giudicati da Esseri Umani saremmo tutti al nostro posto. 
Ma se non fosse solo Dio a poterci giudicare saremmo tutti Esseri Umani.
La delusione più grande si ha quando proviene da noi stessi, specialmente se siamo Esseri Umani.
Dio, spero solo, quando arriverà il Tuo giudizio, di non trovarmi in questa situazione.
"Spero"... ho usato questo verbo tutte le volte che ho perso.
Spero solo di non vivere di speranza, per non morire disperato."

Jeremy Fiumefreddo




Mi viene da piangere. So che se ingoiassi le mie lacrime rimarrei con l'amaro in bocca.
Vorrei sentire il sale, fare un sorso di libertà che asciughi le mie agonie.
Mi trovo prigioniero nel blu, non quello del mare nè quello del cielo, semplicemente quello della notte. Non il nero del buio, l'oblio, ma il blu, la paura, la speranza..
Mi trovo in un debole vortice d'ansia alimentato da una rigida spirale di negatività.
La malinconia l'ho dimenticata, è fuggita più veloce di me ed ha raggiunto per prima la luce. Credo mi stia ansiosamente aspettando alla fine del tunnel.
Fortunatamente non ho perso il resto dei miei bagagli all'aeroporto dell'inutilità, sono vivi con me, pesano e urlano ma il suono del loro grido è intrappolato tra le pareti del tunnel e solo io lo posso sentire.
Cammino cammino... ogni tanto scorgo un luccichìo, pensando di aver finalmente trovato l'uscita, ma presto mi accorgo che sono solo fessure che filtrano aria per lasciare respirare le mie speranze.
Proseguo il mio cammino con lo stesso essere affranto, sicuro che prima o poi, per poter vivere o morire, la luce arriverà.

Jeremy Fiumefreddo

                                                                                                           



La vita è il sangue della realtà, 
è l'universo che sta attorno ai nostri occhi, 
è l'energia conficcata nel cuore del mondo. 

Sto vivendo nello spazio e nel tempo della mia diversità; 
siamo l'immaginazione delle verità a noi ignote, 
siamo le bugie nell'irrealtà dei sogni 

Sei diamante e gesso allo stesso tempo dei battiti del cuore, cerca di scioglierli aggiungendo la semplicità che sta nel profumo della tua esistenza e vedrai che la personalità della vita ti accetterà tra le proprie mani per la tua unicità.

Jeremy Fiumefreddo











Amaranta Diamante ,ha 26 anni è una ragazza talentuosa,molto creativa.
Durante gli anni scolastici ha partecipato a diverse attività didattiche, tra le quali il corso di Fotografia diretto dal Maestro Fotografo Peppe Esposito.Si è laureata in Arti visive e dello spettacolo – scenografia - presso l’ Accademia di Belle Arti di Napoli.Da Novembre 2011 è inserta nel progetto "Kaplan Project" costituito da artisti internazionali presso lo spazio (Il Purgatorio) della gallerista francese Nathalie de Saint Phalle. Attualmente continua la sua ricerca artistica sperimentando nuove tecniche e materiali presso alcune botteghe del centro storico di Napoli e lavora come decoratrice di interni e fiere.

Di seguito il link della sua pagina facebook e alcuni suoi lavori













Unisono Sono un duo di ragazzi dell'età di 19 anni,Grazio e Dask,fanno musica dall'età di 13.Qui di seguito una loro traccia.














OMAR è un adulto Indaco,ha 39 anni,la sua vita è sempre stata accompagnata da un Energia creativa.Ha capacità nel raprensentare Mandala da sempre.Qui sotto alcune delle sue opere.












Missione Indaco di Elena Pirrera


Grazie a un viaggio fantastico in una dimensione parallela, Tommy "ricorderà" lo scopo della propria vita...E ogni cosa acquisterà un senso.



Descrizione
Raccontato in prima persona dal protagonista, MISSIONE INDACO, è un libro molto particolare, una immaginifica metafora sul ruolo che questi ragazzi speciali hanno nella società moderna.
Elena Pirrera, l'autrice, entra in questo mondo descrivendolo in maniera appassionata. È un libro poetico ricco di insegnamenti che ha l’ambizione di rivolgersi a tutti, giovani e adulti. E' un testo che può essere letto su più piani: c'è chi vi vedrà solo un mondo fantastico, chi nella fantasia scorgerà anche qualche grande verità.
Legge di Attrazione, Fisica Quantistica, Massa critica e fenomeno Indaco sono alcuni degli argomenti trattati.



Qui potete trovare la pagina facebook del libro  Missione Indaco pagina facebook

Per comprare il libro qui : Missione Indaco di Elena Pierrera









Nota: Se volete inserire i vostri talenti nell'articolo potete scrivermi in privato sulla pagina facebook  sarò ben lieta di sostenere i vostri doni comunicativi e creativi.




Questo articolo può essere condiviso e divulgato rispettando il lavoro svolto citando la fonte dello stesso Blog e le relative fonti esterne citate dallo stesso.
Grazie per la condivisione!

Diario di una ragazza indaco di Michela Marini © COPYRIGHT 
Distribuito con Licenza Creative Commons

lunedì 28 ottobre 2013

Esercizio per espandere la propria Aura : THE MELD AURA

THE MELD AURA




La più grande fonte di energia proviene dal centro della Terra. Dentro di essa ribolle una massa di energia primordiale che puoi usare per migliorare la tua aura e generare sensazioni di calore intorno a te. Questo esercizio, chiamato "Meld Aura", ti permette di espandere l'aura ed utilizzarla per avvolgere gli altri con la tua energia, rendendoli simpatici e amorevoli nei tuoi confronti. La tecnica è semplice.

  • 1. Seduto, stai dritto e chiudi gli occhi. Le gambe aperte alla larghezza delle spalle, le braccia lungo i lati. Diventa consapevole del nucleo polare al centro della Terra. Man mano che la tua consapevolezza cresce sentirai una specie di formicolio nelle punte delle dita delle mani e nella pianta dei piedi.

  • 2. Quando inizia la sensazione di formicolio, immagina che si apra un grande canale di energia che dal centro della Terra ti inonda con vibranti colori verde e viola. L'energia, attraverso i tuoi piedi, sale verso l'alto, inonda il tuo corpo ed arriva fino alla sommità del capo. Molto presto, il tuo corpo inizierà a vibrare.

  • 3. Lascia che il flusso di energia continui, immaginalo come se fosse un sole che, dall'alto, emana raggi argento e gialli. Questa energia va verso il basso e si mescola con quella che sale dal centro della Terra. Tu sei seduto in un potente vortice di colori che vanno in entrambe le direzioni. Queste energie, di polarità opposta, arricchiscono la tua aura che si espande per circa due metri intorno a te. Cerca di vedere e percepire la tua aura che si espande.



  • 4. Comanda alle energie attorno a te di consolidarsi in un cilindro permanante con turbinanti colori dell'arcobaleno. Ci sono due superfici del cilindro: la superficie interna ruota in senso antiorario mentre la superficie esterna ruota in senso orario. Usando un atto di volontà comanda alle energie dicendo: "Io chiedo a te, Amon Ra,di guidarmi ed avvolgermi con amore e protezione".
    È importante che tu lo dica con ferma intenzione e lo ripeta tre volte con la massima aspettativa. Apri gli occhi ed immagina un'improvvisa esplosione di energia che emana da te e va verso l'esterno.
    Nota: Amon Ra è una deificazione del Sole visibile, fu adorato in diverse località dell'Egitto. Ndt).



  • 5. Senti in te calma e pace, l'esercizio è terminato. Come rientri nelle tue normali attività, aspettati che la gente sia attirata a te e benevola nei tuoi confronti.




Nota: L'energia alla fine si disperderà. La lunghezza massima di tempo per cui ti può aspettare che l'aura mantenga la sua forza è di circa 12 ore. Dopo di che, se è necessario, si deve ripetere l'esercizio.

Ci sono ulteriori vantaggi per il Meld Aura

  • Psychic attacchi contro di voi avrà esito negativo e rimbalzano al mittente.
  • Il vostro sistema immunitario spara alto.
  • La gente si sentirà un'energia enorme e elevare vicino a te.
  • Chi si irradiano enormi che rendono i vostri pensieri più potente.
  • La vostra intuizione vafuori scala e la vostra volontà crea la realtà con maggiore facilità.

Ci sono ancora persone che praticano l'Aura Meld?
Ho provato a farlo, ma ho trovato che è molto difficile sentire le energie. Ho trovato più facile immaginare un'aura intorno a me e che l'energia della Terra e del Sole che entrano direttamente nella mia aura invece che nel mio corpo. Ha un significato, e quali sono le vostre esperienze?
Se, mentre respiro, continuo ad immaginare, di respirare energia dal Sole e dal centro della Terra, avrò sempre un'aura forte? O è troppo semplice.
Qualsiasi contributo sarà apprezzato.





Questo articolo può essere condiviso e divulgato rispettando il lavoro svolto citando la fonte dello stesso Blog e le relative fonti esterne citate dallo stesso.
Grazie per la condivisione!

Diario di una ragazza indaco di Michela Marini © COPYRIGHT 
Distribuito con Licenza Creative Commons

ESERCIZIO CON L'ENERGIA VITALE : Esercizio base dell'energia: sentire l'energia con le mani

ESERCIZIO CON L'ENERGIA VITALE





Tratti da: "Guarire con il Sistema Corpo Specchio"
di Martin Brofman, Edizioni TEA - Tascabili Editori Associati - Milano.

Esercizio base dell'energia: sentire l'energia

Per prima cosa, appoggiate questo testo su un tavolo o su un supporto in modo da poter continuare a leggerlo senza tenerlo in mano. Così avrete le mani libere per seguire le istruzioni. Anche se è più facile farlo da seduti, non è assolutamente necessario trovarsi in questa posizione, basta mantenere l'attenzione sulle istruzioni e continuare a seguirle.

Ora mettete le mani sul tavolo o, meglio, in grembo, con le palme rivolte verso l'alto.

Dirigete l'attenzione sul palmo delle mani, sulla superficie della pelle. Cercate di sentire l'aria che tocca la pelle in quel punto. Potete avvertire la temperatura, il movimento, o la pressione dell'aria. Rimanete un po' così, concentrandovi sempre più su queste sensazioni.

Mentre continuate a prestare attenzione a quelle sensazioni, diventate progressivamente consapevoli della pelle a contatto con l'aria. Ben presto avvertirete un'altra sensazione, una specie di pizzicorio, o di vibrazione, diversa da ciò che sperimentate normalmente. All'inizio può essere appena percettibile, ma, se continuate a dirigere l'attenzione su di essa, sentirete che diventa sempre più definita.

Possiamo dare un nome a questa sensazione. Chiamiamola energia. Immaginiamo che qualcosa, chiamato energia, stia fluendo dalle vostre mani, facendo vibrare la membrana della pelle mentre l'attraversa. Riuscite a immaginare che sia quella l'origine della vostra sensazione? Immaginate che quello che provate sia energia che fluisce dalle mani. Immaginate che quello che sentite siano le vostre mani che brillano di energia. Sentite l'energia che si irradia dalle vostre mani.

Mantenete questa sensazione nelle mani e ponetele una di fronte all'altra, a una distanza di circa 50 centimetri; adesso avvicinatele lentamente, poi allontanatele adagio, avanti e indietro. Notate che provate una sensazione differente quando le mani si avvicinano, rispetto a quando si allontanano.

Potete immaginare di avere una palla di energia tra le mani e di comprimerla avvicinandole, aggiungendo altra energia e rendendola ancora più densa. E come fare una palla di neve, solo che si tratta di una palla di energia. In breve, sarete in grado di sentire i contorni e la superficie di questa palla di energia e la potrete tenere in mano, conservando la sensibilità nelle mani.

Se state lavorando con un compagno, ponetevi l'uno di fronte all'altro, ognuno con la propria palla di energia, e muovete le mani in modo da poter sentire l'energia del compagno. Per esempio, potete mettere una mano tra quelle del vostro amico, muovendola su e giù attraverso il suo campo energetico, e notare che cosa provate mentre lo fate. Naturalmente, anche lui può fare lo stesso contemporaneamente. Continuate per un po'.

Successivamente rilassate le mani ed esaminate ciò che avete provato.





Questo articolo può essere condiviso e divulgato rispettando il lavoro svolto citando la fonte dello stesso Blog e le relative fonti esterne citate dallo stesso.
Grazie per la condivisione!

Diario di una ragazza indaco di Michela Marini © COPYRIGHT 
Distribuito con Licenza Creative Commons

Fare Pranoterapia con il Pranic Healing

FARE PRANOTERAPIA CON IL
PRANIC HEALING

Per promuovere la guarigione a livello energetico





Quanto qui proposto non proviene da fonti ufficiali del Pranic Healing, bensì da testi raccolti in rete, valutati attentamente, e proposti a chi è interessato a conoscere questo approccio energetico alla diagnosi ed alla terapia.

Resta perciò inteso che, per conoscere il pensiero originale del Grande Maestro Choa Kok Sui, è necessario leggere i vari libri che ha scritto, proprio con l'intenzione di far conoscere questo metodo ed aiutare coloro che intendono impararlo. Tra essi suggeriamo il volume Miracoli con il Pranic Healing, un manuale basilare che rivela i segreti della guarigione pranica, in modo semplice ed efficace.
Questo libro permette a chiunque di diventare un guaritore pranico, esperto nella Terapia Energetica ed imparare a percepire l'Energia, le auree e i chakra e, soprattutto a manipolare il prana a fini terapeutici.




Che cos'è il Pranic Healing? 

"Prana", in sanscrito, significa energia vitale, "healing", in inglese, significa guarigione, perciò il Pranic Healing è una tecnica con cui si può guarire tramite il prana o energia. Si tratta di una tecnica semplice ed efficace, con cui si utilizza l'energia vitale per ristabilire rapidamente l'equilibrio e la salute fisica, emozionale e mentale. Rappresenta, inoltre, un valido strumento di prevenzione per ogni tipo di disturbo.

Il Pranic Healing, è stato ideato dal Maestro Cinese-Filippino Choa Kok Sui, che ha attinto alla millenaria saggezza/esperienza di antiche tecniche orientali, tra cui: il Massaggio Chi, l'Agopuntura, un antichissimo Yoga cinese chiamato CHI KONG, la Mano che guarisce ed altre ancora. Egli ha il grande merito di avere saputo diffondere nel mondo le antiche arti cinesi di guarigione con le mani, rendendole semplici, facendo così in modo che tutti potessero impararle. In questi ultimi decenni Pranic Healing è stato oggetto di studi e di ricerche cliniche ed è entrato a far parte delle tecniche terapeutiche che utilizzano il prana o energia vitale.

Si tratta di una procedura terapeutica semplice ed efficace che chiunque può apprendere facilmente. Nelle mani di ognuno di noi è infatti racchiuso un potere straordinario, quando qualcuno ci insegna a risvegliarlo e svilupparlo, diventa un validissimo strumento per diagnosticare e fare terapia energetica. 

Per questo il motto del Pranic Healing è "Anche tu sei guaritore". Con il Pranic Healing chiunque può diventare un guaritore pranico, che può essere di grande utilità per la sua famiglia, gli amici e chiunque abbia bisogno di uno strumento diagnostico /terapeutica.
Va ricordato che oltre al corpo fisico abbiamo anche un involucro energetico, detto doppio eterico o bioplasmico e che quasi tutti i disturbi fisici e psicologici, si manifestano innanzitutto come alterazioni in tale involucro. Utilizzando il Pranic Healing è possibile percepire il livello e la qualità dell'energia nell'involucro energetico e ripristinare le sue condizioni energetiche, riportando così una condizione di buona salute nelle aree trattate. Questa disciplina rappresenta pertanto un ottimo complemento alle terapie mediche ed alle psicoterapie, velocizzando i tempi di guarigione.

Il Pranic Healing utilizza tre tecniche di base:
  • Diagnosi energetica, con cui si valutano le condizioni dell'area (organo) interessata.
  • Rimozione della energia congestionata.
  • Proiezione di nuova energia vitale, che va a sostituire quella rimossa al punto 2, riportando buona salute e vitalità.

Imparando il Pranic Healing potrai:
  • prevenire le malattie
  • scoprire ed incrementare il tuo potere di guarigione,
  • proteggerti dalla contaminazione eterica,
  • liberare te e gli altri dalle congestioni energetiche,
  • rafforzare la tua salute fisica, emozionale e mentale,
  • accrescere la tua vitalità ed il tuo potere personale,
  • sviluppare una maggiore intuizione, compassione e pace interiore,
  • sviluppare la disciplina necessaria per raggiungere i tuoi obiettivi,
  • accelerare la tua crescita spirituale in modo tranquillo, progressivo e sicuro.



Qual'è l'obiettivo del Pranic Healing? 

Il Pranic Healing non pretende certo di sostituirsi alla medicina o alle altre forme di terapia, dovrebbe essere considerato come una procedura naturale, priva di pericoli, ecologica ed economica; una procedura capace di disintossicare e riequilibrare le energie vitali. Se imparerai questo metodo, ti sorprenderai per la sua semplicità ed efficacia, scoprirai quanto nella natura sia insito il potere guaritore e ti renderai conto di quanto sia possibile creare dei cambiamenti in meglio nella tua vita.



Quali sono i livelli di istruzione? 

Il Pranic Healing è suddiviso nei seguenti livelli:
  • 1° Si impara come sensibilizzare le proprie mani e come percepire il Corpo Energetico del paziente. Viene inoltre insegnato come pulire, energizzare e stabilizzare l'energia vitale che è stata proiettata sul paziente.
    Viene insegnato come rilasciare l'Energia proiettata e tagliare il cordone energetico.
    Vengono date indicazioni sul come rendere il paziente più ricettivo, al fine di accelerare il processo di Guarigione.
    Ulteriori inegnamenti includono l'auto-Guarigione, la Guarigione Divina e la Guarigione a distanza, ottenuta proiettando l'energia anche molto lontano.

  • 2° Si impara utilizzare i vari prana colore, per pulire ed energizzare il paziente. Questa procedura è molto potente.

  • 3° Si impara ad usare i vari prana colore per trattare i disturbi psicologici. Questo lavoro richiede maggiori capacità e più tempo che non i disturbi che interessano la corporeità.

  • 4° Si impara ad utilizzare i cristalli per focalizzare l'energia sul paziente.

  • 5° - 6° - 7° Questi livelli non sono ancora stati insegnati al pubblico, sono infatti riservati ai Discepoli Avanzati del Grande Maestro Choa Kok Sui.



MINI CORSO DI PRANIC HEALING

L'energia esiste due modalità: pura o disturbata. Come dire: c'è musica e rumore. Quindi l'energia pura può essere più o meno elevata nel suo potenziale di guarigione. Mentre l'energia negativa, il rumore, può essere più o meno rumoroso (The Oceanmind).


Quanto segue rappresenta solo una minima parte di quanto costituisce l'insegnamento proposto dal Praning Healing. Pur essendo poca cosa, resta comunque uno strumento assai valido che tutti possono usare traendone un grande beneficio.

Ogni forma di Pranoterapia, così come il Pranic Healing, presume che le mani servano per diagnosticare, pulire e proiettare energia pulita e luminosa nelle aree malate. È perciò necessario sviluppare una certa sensibilità di quelli che vengono chiamati "chakra" o centri di energia, di cui se ne trova uno su ogni palmo delle mani.

Ti suggeriamo, a tal proposito, di praticare questo esercizio fintanto che avrai raggiunto una certa sensibilità. Non aver premura, le cose che valgono molto, come il dono di guarire gli altri, non si possono comperare, si devono guadagnare!

Prima di tutto bisogna assorbire molta energia KI (prana). Un modo è quello di utilizzare il Meld Aura. Si può anche usare il Pranayama (o respirazione pranica). Dopo aver fatto la respirazione pranica, potrai proiettare la tua energia verso la zona malata.



La respirazione pranica 

  • 1) Seduto o in piedi. Calmati e chiudi gli occhi.
  • 2) Inspira molto lentamente nel ventre, non nel petto. Questo significa che la ventre si gonfia quando l'aria entra. Fai in modo che l'inspirazioni duri mentre conti lentamente da 1 a 6.
  • 3) Trattieni il respiro mentre conti fino a tre.
  • 4) Espira piano, contando lentamente da 1 a 6, usando i muscoli dello stomaco per espellere l'aria. Lo stomaco dovrebbe rientrare.
  • 5) Trattieni il respiro (con i polmoni vuoti), mentre conti da 1 a 3.
  • 6) Ripeti tutta la procedura per circa 100 volte.
Questa respirazione causa l'assorbimento di KI (prana) attraverso l'intera aura e tutti i chakra. Gli Yogi l'hanno utilizzata per secoli. I chiaroveggenti (coloro che possono vedere le energie invisibili) sono in grado di testimoniare la grande energia che si accumula intorno a chi respira in questo modo.

Dopo questa respirazione, fatta per almeno 100 volte, la tua aura si estenderà per circa 3-4 metri intorno a te. Può anche accadere che, facendola, ti senta stordito e/o iperventilato, se dovesse succedere smetti immediatamente.
Con la respirazione pranica il tuo sistema immunitario aumenterà in attività e crescerà il tuo carisma personale, perché irradierai più energia. Hai notato come alcune persone riescono a prenderti energia non appena le contatti? Questo accade perché la loro aura manca di energia ed allora la prendono dagli altri.
Dopo aver fatto la respirazione tu diventi il loro contrario, questo perché emani energia che va ad avvolgere gli altri. Questo è un gran carisma, ma non è questo il tuo traguardo finale: è ricevere e offrire la guarigione!



Il trattamento in pratica 

Liberamente tradotto ed ampliato da www.psychic101.com/pranic-healing.html





Questo trattamento può essere molto utile per rimuovere l'energia congestionata, che può creare infiammazione e/o irritazione, da una limitata area del corpo, ad esempio la gola. Puoi farlo per te stesso, per un'altra persona ed anche per un animale.

  • 1. Prepara una bacinella, con circa un litro di acqua, in cui avrai sciolto un cucchiaio di sale. Ti servirà per buttarci tutto ciò che raccoglierai facendo pulizia. Se non ti è possibile procurare la bacinella, immagina un fuoco verde nel quale butterai tutto ciò che raccogli durante il processo.
  • 2. Metti le mani una contro l'altra, e frega il palmo della mano destra su quello della sinistra ruotando in senso orario.
  • 3. Poni le mani una di fronte all'altra, distanti 3-4 cm, e muovile un poco nel senso di avvicinarle ed allontanarle, sentirai che si attiva il chakra al centro di ogni palmo. Quando senti che i chakra pulsano sei pronto per intervenire.
  • 4. Metti la tua mano destra un paio di centimetri al di sopra della parte malata.
  • 5. Ora inizia a togliere l'energia congestionata, puoi farlo con due movimenti (vedi sotto). Mentre fai questi movimenti, cerca di percepire come, a livello sottile, stai realmente rimovendo l'energia pesante e nociva che, ristagnando, crea la causa del problema. Cerca di individuare il male come una forma di energia sporca e scura. Con ogni movimento, i detriti se ne vanno via e l'area si schiarisce. Puoi togliere l'energia congestionata:
    • a) facendo dei passaggi, da destra verso sinistra (o viceversa). Dopo ogni passaggio scuoti la mano con cui hai raccolto l'energia congestionata nella vaschetta con acqua e sale. Dopo aver fatto un passaggio, abbassa la mano in modo da tornare indietro facendo un percorso diverso da quello che hai fatto per togliere l'energia congestionata. Fai almeno 50 passaggi, o fintanto che "senti" che quell'area è stata pulita.
    • b) facendo delle rotazione in senso antiorario (immagina di aprire un rubinetto). Dopo aver fatto 10 giri scuoti la mano con cui hai raccolto l'energia congestionata nella vaschetta con acqua e sale o nel fuoco verde. Fa' almeno 100 rotazioni o fintanto che "senti" che quell'area è stata pulita.
  • 6. Ora viene la parte più divertente: proiettare energia!
  • 7. Rivolgi il palmo della mano sinistra verso l'alto (se sei mancino quello della destra), ed immagina un raggio di luce che scende dall'alto ed entra nel palmo della mano.
  • 8. Poni il palmo dell'altra mano davanti all'area malata, ed inizia a girare in senso orario (come per chiudere un rubinetto), e cerca di vedere o/e sentire l'energia che entra dalla mano rivolta verso il cielo ed esce dall'altra, irradiando la parte interessata pulendola e risanandola.
  • 9. Fa' almeno 100 rotazione, oppure fintanto che senti che l'energia ha cessato di fluire, indicando che quella parte ha ne ha ricevuto abbastanza.
  • 10. Avvolgi con una fascia di energia blu tutta la zona trattata in modo da sigillarla bene. Non vi deve essere nessuna fuga di energia durante il processo di guarigione!
  • 11. Se hai acceso il fuoco verde, immagina di spegnerlo buttandoci sopra dell'acqua.

Il Pranic Healing è semplice, facile da imparare ed è molto efficace. È diffuso in molte parti del mondo: Stati Uniti, Canada, America Centrale e Meridionale, Asia, Europa Orientale ed Occidentale, come Germania, Italia, Svizzera, Russia ed altre nazioni. Al momento, in India, esistono 11 Fondazioni di Pranic Healing.





Siti per approfondire il Pranic Healing 



Libri per approfondire il Pranic Healing 

Per acquistare un libro, clicca sul suo nome.
  • Master Choa Kok Sui, Miracoli con il Pranic Healing.
    Contiene CD con la Meditazione sui Cuori Gemelli per la Pace e l'Illuminazione
    Il manuale base del pranic healing. Master Choa Kok Sui rivela, in questo straordinario libro e nel cd allegato, i segreti della guarigione pranica, un tempo gelosamente custoditi da antichi Maestri.
    Il suo metodo d'insegnamento è semplice, ma molto efficace e permette a chiunque di diventare un guaritore pranico, esperto nella Terapia Energetica. Con questo libro imparerete a percepire l'Energia, le auree e i chakra e, soprattutto a manipolare il prana a fini terapeutici.
    Eifis Edizioni - Pagine 312.

  • Master Choa Kok Sui, L'Origine del Moderno Pranic Healing ed Arhatic Yoga.
    In questo libro, Master Choa Kok Sui svela la storia del Pranic Healing e dell'Arhatic Yoga: l'Energia Vitale, il Prana Colore, il segreto della perla blu, il dodicesimo chakra, l'Arhatic Dhyan, il Sat Guru, i discepoli spirituali...
    Eifis Edizioni - Pagine 337.

  • Master Choa Kok Sui, Pranic Healing Avanzato + CD.
    È un vero e proprio manuale eterico, per chi vuole ottenere risultati rapidi nella guarigione energetica, con le Tecniche Speciali, le Tecniche per la Guarigione Invocativa ed Istruttiva e le oltre 200 procedure specifiche per intervenire sui disturbi del corpo, come ad esempio: rinforzare rapidamente il sistema immunitario, curare il sistema venoso ed arterioso, curare le ossa, togliere rapidamente il dolore, intervenire con successo nelle patolgie estremamente difficili come il cancro o l'impotenza sessuale oppure per ottenere una rapida rigenerazione cellulare, ed altre.
    Eifis Edizioni - Allegato: CD Audio - Pagine 336.

  • Master Choa Kok Sui, Psicoterapia con il Pranic Healing.
    Contiene CD con la Meditazione sui Cuori Gemelli per il benessere e la salute psicologica.
    Questo libro, che è allo stesso tempo scienza ed arte, cerca di far conoscere e sopratutto sperimentare quello che è rimasto nascosto a molti per molto tempo, lanciando così una sfida, che è anche un invito, ad andare oltre i confini delle proprie credenze, pratiche e formazioni per perseguire la ricerca di totalità e di integrazione che è insita nell'uomo. E' una nuova dimensione che apre nuove possibilità nel campo della psicologia e della psichiatria.
    Eifis Edizioni - Pagine 230.



Libri per approfondire la Pranoterapia 







Questo articolo può essere condiviso e divulgato rispettando il lavoro svolto citando la fonte dello stesso Blog e le relative fonti esterne citate dallo stesso.
Grazie per la condivisione!

Diario di una ragazza indaco di Michela Marini © COPYRIGHT 
Distribuito con Licenza Creative Commons