Questo blog rappresenta un diario di viaggio. Tenta di donare spunti per entrare in contatto con voi stessi.
E' importante ricordare sempre che le nozioni apprese dall'esterno sono solo un input e che le risposte sono da sempre presenti in voi.

martedì 27 agosto 2013

Entrare nello spazio del CUORE

Re-Inventare le Relazioni entrare nello spazio del CUORE








Le relazioni, e come fare perché abbiano successo, sembra essere sempre più la focalizzazione della nostra energia e della nostra attenzione, in questo periodo nel nostro processo di transizione. Molti di noi stanno lavorando sodo per ridefinire il modo di relazionarsi con gli altri, specialmente nelle relazioni d’amore e primarie.


Prima di osservare il nuovo modo di relazionarsi, abbiamo bisogno di guardare indietro e vedere le relazioni cosa riguardavano.

In termini metafisici, le relazioni, come la maggior parte degli aspetti della vita del 20° secolo, erano condotte dai tre chakra inferiori. Ciò significa che la maggior parte delle relazioni erano una compensazione fra il Denaro (Chakra Base), il Sesso (Chakra Sacrale) e il Potere (Chakra del Plesso Solare). Qualsiasi fossero i sentimenti che univa le persone, avrebbero dovuto inevitabilmente combattere con i problemi di denaro, potere e sesso nella loro relazione quotidiana. E, certamente, questi saranno ancora problemi fino a un certo grado, quando una relazione viene fondata, ma le relazioni del 21mo secolo hanno anche bisogno di entrare nello Spazio del Cuore o Chakra del Cuore, dove lo spirito e l’anima possono diventare parte della relazione. Una parte centrale ed importante. 




Soldi, Sesso e Potere – com’era





Una relazione adulta primaria, o relazione d’amore, significa che le due persone coinvolte comincino, inevitabilmente, ad un certo punto, a vivere insieme. Poiché la necessità della vicinanza e della compagnia è un bisogno umano primario, le relazioni amorose si sono sempre espresse, e continueranno a farlo, con la coabitazione e la vicinanza fisica.



Tradizionalmente – la compensazione è sempre stata fra i sessi. Il maschio lavora per i soldi e la femmina accudisce la casa. Questo mette la coppia nella condizione di creare una casa, permettersi e mantenere ciò che è necessario. Il sesso fra loro produce la famiglia. Tradizionalmente, il maschio è investito del potere, come parte di una forma sociale gerarchica e patriarcale.




I Cambiamenti





Tuttavia, i notevoli cambiamenti sociali iniziati verso la metà del 20mo secolo nel mondo sviluppato, hanno significato che queste affermazioni tradizionali sono diventate obsolete, anche se molti di noi stanno ancora lavorando con loro ad un livello inconscio.



La rivoluzione Femminista ha significato che le donne cominciassero a lavorare fuori casa normalmente. Le carriere delle donne e le relazioni a doppio reddito sono ora accettate. Ciò crea problemi nelle strutture tradizionali delle relazioni, poiché anche le donne ora procurano il denaro, e, in alcuni casi, più degli uomini. L’equilibrio del potere ora è cambiato, nel momento in cui ci allontaniamo dai modelli gerarchici della relazione. E nessuno è totalmente sicuro di come il sesso si adatti in questo nuovo tipo di relazione.



Ciò che emerge da questa transizione è che le relazioni ora riguardano due persone che sono in parità sul piano della capacità e del potere, e che cercano, principalmente, compagnia e vicinanza, piuttosto che solo una compensazione sul livello fisico.



Il modo per ottenerlo è di entrare nello Spazio del Cuore, o Chakra del Cuore, come luogo primario della relazione. Una volta che lo si sia ottenuto, gli altri livelli possono essere negoziati secondo i bisogni di ogni coppia individuale.




Spazio del Cuore e Comunione






La relazione deve riguardare, principalmente, l’essere nel Cuore. Questo significa essere in contatto con SENSAZIONI ed essere in grado di ESPRIMERE queste sensazioni in modo creativo e stimolante.



Molte persone pensano che questo significa essere capaci di comunicare verbalmente. In un certo senso è vero. Ma ho notato che le donne tendono ad essere comunicatrici verbali di sensazioni migliori degli uomini. Spesso sento donne che si lamentano di come possano discutere lungamente delle loro sensazioni con le loro amiche, ma non con gli uomini che sono importanti per loro.



Questo significa che gli uomini devono diventare più come le donne e parlare delle loro sensazioni?



Bene – forse?



Io credo però, che sarebbe più utile per noi tutti, se ci rendiamo conto che parlare di sensazioni non è l’unica risposta.



E’ solo parlare – e tende ad essere circolare, anche se fa sentire meglio la persona.



Spesso però, l’espressione NON-VERBALE è molto più importante per esprimere sensazioni.



E forse, ora le donne hanno bisogno di imparare tecniche di espressione non-verbale o Centrate nel Cuore, che permetterà loro di connettersi con i loro compagni.





Comunione







Comunione è un termine che ha connotazioni religiose, poiché si relaziona al sacramento della morte di Cristo ed al rituale dell’Ultima Cena. Ma ciò che Cristo probabilmente intendeva, era che imparassimo a comunicare l’un l’altro diventando uno con l’altro essere.



Nella comunione religiosa, si beve il vino e si mangia il pane che rappresenta il corpo di Cristo, e, in quel momento, si diventa uno con Cristo.



La lezione per noi è di “essere” con altri in modo tale da poter diventare uno con loro. Per comprenderli ed essere con loro in modo tale che le spiegazioni e le storie non sono importanti.



Per vedere l’essenza divina in quella persona o essere, e lasciare che la loro essenza risuoni con la vostra. Per sentire le loro sensazione tanto intensamente quanto voi sentite le vostre, perché in verità sono le vostre, o un riflesso delle vostre.



Quando comprendiamo che la persona cui abbiamo scelto di relazionarci è una parte di noi, e ciò che vediamo è il nostro sè, possiamo essere in compassione ed amore con il nostro sè e poi con l’altra persona. Da questo punto di comunione e comprensione possiamo imparare a relazionarci con accettazione totale – di noi stessi e degli altri.





Accettazione





Ora è molto importante essere capaci di amare ed accettare voi stessi. Solo se vi accettate completamente sarete in grado di accettare la persona che sostiene lo specchio per voi. E se potete amare voi stessi, riuscirete ad amarli ed essere con loro.



Accettazione significa essere capaci di stare con quella persona con amore e grazia, senza aver bisogno di cambiarla o renderla qualsiasi altra cosa che non quella che è in quel momento. Molte relazioni falliscono perché le persone vedono il potenziale e si innamorano del potenziale. Ciò è seguito dalla frustrazione, poiché questo potenziale potrebbe non rivelarsi mai.




Creatività





In questo luogo di Comunione ed Accettazione, la relazione tende a diventare profonda, appassionata e creativa.



Non ci sono regole per come viene espressa la creatività – ogni coppia troverà modi individuali ed unici per rafforzarsi l’un l’altro ed esprimendo la loro crescita come risultato della loro accettazione di ognuno.



L’aspetto importante di una relazione dallo Spazio del Cuore è che i partner si sentiranno più forti ad essere ciò che possono essere in quel momento. Lotteranno per esprimere il bene più alto per loro stessi e la relazione, dal luogo d’accettazione, grazia e gratitudine per la persona che ha scelto di creare con loro.




E da lì.....





Una volta che questo luogo è stato raggiunto, le persone coinvolte sono in grado di negoziare su cosa deve essere basata la loro relazione.



Come equilibrare il potere, come interagire sessualmente e quale ruolo gioca il denaro nella loro relazione.



Queste cose possono essere negoziate, e non presupposte, da un luogo di rispetto, cura e amore.



Poiché, se si tiene aperto, lo Spazio del Cuore continuerà ad infondere la relazione con energia dall’Anima e dallo Spirito, assicurando che la relazione rimanga in un luogo creativo di crescita e amore........



di Celia Fenn




Questo articolo può essere condiviso e divulgato rispettando il lavoro svolto citando la fonte dello stesso Blog e le relative fonti esterne citate dallo stesso.
Grazie per la condivisione!

Diario di una ragazza indaco di Michela Marini © COPYRIGHT 
Distribuito con Licenza Creative Commons