Questo blog rappresenta un diario di viaggio. Tenta di donare spunti per entrare in contatto con voi stessi.
E' importante ricordare sempre che le nozioni apprese dall'esterno sono solo un input e che le risposte sono da sempre presenti in voi.

martedì 12 marzo 2013

Bambino Cristallo - La sua incarnazione fisica


Vi sono alcune caratteristiche fisiche ben definite che molti Cristallo assumono nel momento della loro incarnazione. Sono in genere bambini ben sviluppati e a volte hanno teste proporzionalmente più grandi rispetto al corpo.
I loro occhi sono grandi e penetranti e osservano le persone intensamente e a lungo. Ciò può risultare molto fastidioso per gli adulti che non sono abituati a essere scrutati da un bambino. Quando il bambino vi guarda entra negli archivi della vostra memoria akashica per scorrere le registrazioni animiche e leggere chi siete. È un comportamento abbastanza normale per loro e saranno molto contenti se voi, di rimando, farete la stessa cosa con loro. È questo il modo in cui comunicano i Cristallo, guardando nell’anima dell’altro Essere e leggendo o percependo chi egli sia. È una cosa che in futuro impareremo a fare tutti.

Emotivamente sono bambini in genere molto calmi e buoni, che instaureranno un intenso rapporto con la madre. Tale legame potrà durare fino ai quattro o cinque anni di età e potrebbe essere visto come un comportamento appiccicoso. Spesso questa è per loro la prima incarnazione su questo pianeta e hanno bisogno della rassicurazione, della stabilità e della presenza fisica della loro mamma. Sono anche bambini molto affettuosi che spesso cercheranno di aiutare e prendersi cura sia di Esseri Umani che di animali in difficoltà.

Sono inoltre estremamente sensibili: un bambino Cristallo non è solamente in grado di leggere l’anima di una persona, ma anche di raccogliere e di sentire tutte le tensioni e le arrabbiature irrisolte trattenute nel suo subconscio. Per questo motivo sono così sensibili all’ambiente e possono esserlo anche per il cibo, sviluppando alcune intolleranze alimentari.

Crescere un Cristallo può essere una vera sfida. Molto spesso le problematiche irrisolte dei genitori sono percepite dal bambino, che sarà influenzato negativamente da queste tossine emotive. Pertanto se essi vorranno garantire al loro figlio un sana atmosfera famigliare, dovranno essere disposti a lavorare su sé stessi.

Tuttavia, forse la caratteristica più evidente del bambino Cristallo è il suo potere. Essi trasudano potere. Sono bravissimi a trasmettere consapevolezza; grandi maestri come è nel loro diritto. Pur incarnandosi in piccoli corpi, veicolano comunque le potenti energie di un maestro di Sesta Dimensione, per questa ragione è essenziale che i genitori imparino a rispettarli e a mediare con loro, altrimenti questa potente energia verrà impiegata in lotte di potere che il genitore o gli educatori difficilmente vinceranno.

I bambini Cristallo non comprendono veramente cosa sia la paura, sanno di essere sempre al sicuro e possono esasperare i genitori o chi si prende cura di loro con comportamenti a rischio e apparentemente folli. Spesso hanno bisogno che venga amorevolmente spiegato perché certe azioni possono essere pericolose, l’esperienza fisica è talmente nuova per loro che potrebbero non comprenderne le conseguenze.



LE LORO SPECIALI QUALITÀ


I bambini Cristallo posseggono molti “doni speciali” derivanti dalle loro qualità multi-dimensionali. Come già detto, essi hanno la capacità di leggere i campi energetici delle persone e di comunicare telepaticamente, sia tra di loro che con i propri genitori.

Inoltre, sono molto connessi alla consapevolezza collettiva dei loro coetanei. Sui piani sottili, si sostengono e si aiutano reciprocamente. Questo, per un certo verso, si rispecchia anche nei bambini Indaco, ma è molto più spiccato nei Cristallo. Poiché sono nati con la piena coscienza del Chakra del Cuore, sono in grado di collegarsi con la coscienza collettiva del loro gruppo e canalizzare informazioni. Questo è il motivo per cui talvolta non parlano sino all’età di quattro o cinque anni; non ne hanno bisogno, perché ricevono le informazioni in altri modi. È solamente quando iniziano a socializzare fuori casa che iniziano a comprendere le ragioni del linguaggio verbale con chi non è telepatico.

Molti Cristallo nascono anche con altre abilità psichiche, che vanno dalla telecinesi alla capacità di leggere un libro senza aprirlo. È nota la loro capacità di auto-guarirsi e di attuare cambiamenti nel corpo fisico con il potere della mente. Tuttavia, far ricorso a tali capacità non è il motivo principale della loro incarnazione, dato che ogni Essere Umano può far ricorso a queste capacità psichiche, se sa come accedervi, e saranno proprio i bambini Cristallo a insegnarcelo. Ma ciò che per loro più conta è che ognuno di noi possa risvegliare la propria coscienza, aprendo il Chakra del Cuore e agendo consapevolmente in unità e amore.



                        UNA STORIA CRISTALLO


Angela è stata una dei primi Cristallo a incarnarsi sul Pianeta ed è un’anima molto coraggiosa. Un pioniere della nuova coscienza.

Linda, sua madre, l’aveva portata da me perché aveva problemi a gestire la sua iperattività e la sua incapacità di adattarsi al regime scolastico, sebbene fosse una bambina profondamente intelligente, in grado di leggere già prima di iniziare la scuola. La madre trasferiva Angela da una scuola all’altra perché la piccola era infelice.

Linda è stata consapevolmente scelta da Angela come madre. Gestisce un centro di accoglienza per bambini ed è una mamma affettuosa e attenta. È assolutamente decisa a non voler somministrare il Ritalin o qualunque altro psicofarmaco alla figlia ed è sempre in cerca di rimedi e cure più naturali.

Ma la storia di Angela è interessante e dimostra alcune delle sfide affrontate da questi bambini e dai loro genitori. È nata in ritardo, alla quarantesima settimana, e alla madre era stato indotto il parto. Da neonata ha sofferto di coliche, ma per tutto il resto era una bambina normale. Comunque, quando Angela aveva circa dieci mesi sua madre, per un piccolo intervento chirurgico, fu ricoverata cinque giorni in ospedale. Dopo quattro giorni Angela, che era a casa con una persona che si prendeva cura di lei, ebbe una crisi. Le fu diagnosticata l’epilessia, ma tutti i suoi elettroencefalogrammi risultarono normali. Dopo di che iniziò a manifestarsi in media una crisi epilettica a settimana, anche se a volte potevano verificarsene tre in un solo giorno.

Il motivo di ciò sembra dovuto al fatto che Angela fosse molto unita alla madre e che il sovraccarico di dolore ed energia vissuto da Linda in ospedale sia stato trasmesso ad Angela, il che ha fatto saltare il suo sistema. Il sovraccarico di energia si manifestava sotto forma di crisi e una volta avvenuta la sovrastimolazione l’energia ha continuato a riversarsi nel suo sistema.

Alla fine, Angela superò gli attacchi, ma ne ebbe un altro a sei anni, quando fu operata alle tonsille. Ancora una volta, l’energia legata al dolore fu troppa per essere contenuta dal suo sistema. Lamentava mal di testa e ronzii, che potevano essere attribuiti al fatto che fosse in grado di sentire le energie in movimento dentro di lei.

Linda le fece fare una TAC al cervello per essere certa che non ci fosse qualcosa di grave dietro i persistenti mal di testa di Angela. Non fu riscontrato nulla di grave, tuttavia dall’analisi emerse che il cranio era relativamente troppo grande e che esisteva un certo spazio tra il cervello e la superficie cranica. Questo probabilmente è indice di un salto evolutivo, poiché la specie si munisce di un cranio più grande per avere una maggiore capacità cerebrale o per sostenere le energie più pesanti e più grandi dei corpi sottili in un Essere multi-dimensionale.

Ho suggerito a Linda che i mal di testa potessero essere riconducibili all’alimentazione visto che Angela consumava spesso cibo “spazzatura”. I Cristallo hanno sistemi digestivi molto sensibili e il sovraccarico di tossine nel fegato di Angela poteva essere la causa dei persistenti mal di testa disintossicanti.

Alcuni dei comportamenti di Angela sono al limite dell’autismo. Le piace dondolarsi da un lato all’altro e girare su sé stessa. È sempre attiva e ha difficoltà a concentrarsi. Come lei stessa mi ha detto, c’è troppa energia nel suo corpo. Ma non è autistica, è solo una bambina molto intelligente, splendida e affettuosa. È anche molto prepotente e manipolatrice, ma come già detto, questi comportamenti vengono utilizzati dai bambini Cristallo per assicurarsi il successo nell’esercizio della propria creatività applicata alla realtà.

La maggior parte delle persone che incontrano Angela la trovano dolce, affettuosa, intelligente e amorevole, ma estenuante. Chiede costantemente attenzione e stimoli. Credo che quando maturerà si calmerà e sarà in grado di esplorare sé stessa e di comprendere più profondamente il contributo che darà al Pianeta. Ho fiducia nel fatto che la sua affettuosa mamma saprà darle la sicurezza e la stabilità di cui ha bisogno.





Questo articolo può essere condiviso e divulgato rispettando il lavoro svolto citando la fonte dello stesso Blog e le relative fonti esterne citate dallo stesso.
Grazie per la condivisione!

Diario di una ragazza indaco di Michela Marini © COPYRIGHT 
Distribuito con Licenza Creative Commons

fonte:associazionelanuovavita