Questo blog rappresenta un diario di viaggio. Tenta di donare spunti per entrare in contatto con voi stessi.
E' importante ricordare sempre che le nozioni apprese dall'esterno sono solo un input e che le risposte sono da sempre presenti in voi.

venerdì 15 febbraio 2013

Tipologie di StarSeed : ARTURIANI

StarSeed Arturiani



Coloro che hanno Arturo come loro origine planetaria hanno una personalità forte, una profonda forza e una lucida conoscenza interiore. A prima vista, appaiono tenaci, dotati e potenti. Fin dall’infanzia hanno la sensazione di avere uno scopo importante nella vita, anche se di solito non sanno quale potrebbe essere. La ricerca di questo scopo spesso porta all’esplorazione spirituale. Se tale fine non si trova, può nascere un sentimento interiore di insoddisfazione o di infelicità apparentemente inspiegabile.

Gli Arturiani sono molto creativi. Molti scrittori, artisti e designer arturiani usano le loro abilità creative innate. Sono spesso buoni oratori, hanno un buon senso del tempo e dell’umorismo, sono spesso l’anima di una festa. Sono amorevoli, piace loro viaggiare e far ridere gli altri. Tendono ad annoiarsi facilmente e quindi  cercano sempre nuove esperienze per evitare la noia. Se si annoiano potrebbero farne un drammi solo per smuovere le acque e creare così eccitazione ed entusiasmo. Questa tendenza potrebbe però sfociare nell’ingigantire i piccoli problemi, a trascinare o drammatizzare le situazioni per ottenere attenzione. Gli Arturiani possono sembrare a volte distanti e difficili da avvicinare.

Non hanno molti amici intimi e personali, perché per loro deve esserci un preciso motivo a causa di un’amicizia. Se un Arturiano vi accetta come amico intimo personale e condivide la sua interiorità con voi, sappiate che sieti stati attentamente vagliati prima di essere accettati. Gli Arturiani attirano la gente: anche perfetti sconosciuti sono attratti dall’energia e dal magnetismo Arturiano. Sono dispensatori di buoni consigli, e la loro aura li fa apparire agli altri come forti e completi. Ci si potrebbe sorprendere nello scoprire che gli Arturiani hanno problemi e sentimenti proprio come tutti gli altri. Hanno spesso una vasta cerchia di conoscenze che dipendono da loro per consigli e indicazioni. Anche se disposti ad ascoltare e dare consigli, gli Arturiani possono essere impazienti con coloro che non sono disposti a fare gli sforzi necessari o non perseguono sinceramente ciò che dicono di voler realizzare. Sono impazienti con i piagnucoloni.

Coloro che chiedono loro consigli ma non sono sinceramente disposti ad utilizzare i consigli forniti, potrebbero perdere il loro mentore Arturiano quando questi se ne accorga. Gli Arturiani hanno molte energie, sia fisiche che mentali. Possono passare da un luogo ad un altro o da un soggetto ad un altro. Ad essi normalmente non piace stare seduti in tranquillità: hanno bisogno di sentire che stanno realizzando qualcosa. Tendono ad essere entusiasti ed ottimisti. Quando la loro energia è focalizzata e ben usata, c’è poco che non possano compiere. Quando è dispersa e senza obiettivo, ci saranno molti progetti iniziati, ma pochi completati.

Nei rapporti d’amore gli Arturiani hanno bisogno di libertà personale. Si sentono intrappolati in rapporti che sono soffocanti. Hanno bisogno di tempo per stare da soli, per stare con gli amici, e devono essere in grado di farlo senza sensi di colpa e senza il bisogno di dover dare spiegazioni. Hanno però bisogno di capire che questo concetto di libertà dovrebbe applicarsi a tutti i soggetti coinvolti, e che il trattamento di cui hanno bisogno per sè stessi dovrebbe essere esteso anche agli altri.

Gli Arturiani non sono a loro agio nell’esprimere le emozioni più profonde e tendono a reagire a situazioni che le suscitano creando diversivi. Fra tutte le emozioni, prediligono l’espressione della rabbia e dell’umorismo. Per evitare di discutere apertamente delle loro emozioni possono creare discussioni, iniziare a raccontare delle storie, (gli Arturiani sono dei grandi narratori!), tentare di far ridere o manifestare un improvviso bisogno di “fare qualcosa”.




Questo articolo può essere condiviso e divulgato rispettando il lavoro svolto citando la fonte dello stesso Blog e le relative fonti esterne citate dallo stesso.
Grazie per la condivisione!

Diario di una ragazza indaco di Michela Marini © COPYRIGHT 
Distribuito con Licenza Creative Commons

(fonte Hearthaware)